3 ' di lettura
Stampa articolo

Dal 2020 il nostro Laboratorio ha avviato un progetto, sostenuto dalla Fondazione Monte dei Paschi di Siena, allo scopo di esplorare lo sviluppo attuale del welfare aziendale nella provincia senese e le sue possibili evoluzioni.

La ricerca sul territorio senese

Il primo passo del percorso che ha unito Percorsi di secondo welfare e la Fondazione MPS ha previsto la realizzazione di una ricerca che si è proposta di scattare una fotografia aggiornata del fenomeno nel Senese e mappare il posizionamento dei principali stakeholder territoriali sul tema.

Il Rapporto, scaricabile qui, ha approfondito soprattutto la dimensione del welfare aziendale “a filiera corta”, ovvero quelle forme di welfare aziendale fortemente aperte al territorio, inclini ad attivare filiere di produzione di valore capaci di mettere a sistema le risorse locali e innescare circoli virtuosi di sviluppo (sociale ed economico) in una prospettiva sostenibile e inclusiva.

Stando ai principali risultati emersi dall’indagine, gli enti del Terzo Settore del senese potrebbero avere un ruolo cruciale per cercare di incentivare modelli a filiera corta capaci di creare le condizioni perché si attivino modelli di welfare aziendale territoriale. Al momento sembrano esserci però alcuni limiti culturali e organizzativi nel tessuto cooperativo senese, dettati soprattutto da una forte dipendenza dall’attore pubblico e da una scarsa propensione all’innovazione.

Il percorso laboratoriale con gli stakeholder

Anche per tale ragione, la seconda tappa del percorso ha previsto la realizzazione di un ciclo di incontri di formazione e accompagnamento condotto da Percorsi di secondo welfare e rivolto al Terzo Settore, alle parti sociali di tutti i settori e alle organizzazioni pubbliche. L’intento è stato quello di predisporre attività formative e laboratoriali per garantire un maggiore engagement degli attori locali e delle loro rappresentanze, al fine di strutturare una governance territoriale per promuovere e coordinare interventi e iniziative legate al tema del welfare aziendale, possibilmente a “filiera corta”.

Il ciclo si è sviluppato in 5 incontri svolti tra marzo e giugno 2021, nel corso dei quali sono state presentate alcune esperienze di welfare territoriale sviluppatesi in varie aree del Paese.

Gli approfondimenti sulle esperienze concrete

Tali esperienze sono state successivamente raccontate anche in alcuni articoli usciti sul sito Secondo Welfare. Di seguito vi riportiamo tutti questi approfondimenti dedicati al welfare aziendale “a filiera corta”.

Welfare aziendale, se chi semina raccoglie. L’esperienza di Agriwel

Gabriella Merlo e Michela Allievi dell’Associazione Irene ci hanno raccontato dell’esperienza maturata in Lombardia attraverso progetti mirati a diffondere il welfare aziendale anche nelle piccole imprese agricole. Leggi.

Quando il welfare aziendale genera valore per tutto il territorio: il caso di Beatrice

Valentino Santoni e Franca Maino raccontano il progetto che vede come capofila l’Ambito Territoriale sociale della Val Seriana, incentrato sulla collaborazione tra Comuni, imprese, Terzo Settore, sindacati e associazioni locali. Leggi.

Un welfare aziendale “di distretto”: l’esperienza della concia di Vicenza

Ad Arzignano, in Veneto, c’è uno storico comparto specializzato nel settore conciario. Dal 2017 le parti sociali hanno stipulato un accordo per diffondere il welfare tra gli oltre 13.000 lavoratori. Ce ne parlano Valentino Santoni e Franca Maino. Leggi.

BiellaWelfare, una piattaforma territoriale e cooperativa per il welfare aziendale

A Biella è nato un progetto sostenuto da CGMoving per innovare l’offerta di welfare delle imprese sociali del territorio. Franca Maino e Valentino Santoni ci spiegano come funziona con questa interviste a Enrico Pesce, presidente del Consorzio sociale “Il Filo da Tessere”. Leggi.

Welfare aziendale e territorio: il caso delle reti emiliane

Maria Sapienza ci descrive l’esperienza nata dal progetto Rete Welfare Aziendale di Modena, conclusosi nel 2020, che ha dato vita a un nuovo percorso grazie al sostegno del Comune di Carpi e di altre amministrazioni delle Terre d’Argine. Leggi.

Valoriamo: welfare aziendale che sostiene inclusione lavorativa e comunità

Nato a Lecco nell’ambito del programma “Welfare in Azione”, Valoriamo cerca di promuovere l’integrazione tra le varie forme di welfare presenti sul territorio e facilitare l’accesso ai servizi. Anna Di Nardo del Consorzio Consolida ci ha spiegato come il progetto incentivi la cultura del welfare aziendale e realizza interventi di inclusione lavorativa per creare occupazione. Leggi.

Se la cooperazione sociale investe nel mercato del welfare aziendale: il caso Welfare Come Te

Welfare Come Te è una rete di cooperative e consorzi sociali attivi su tutto il territorio italiano che negli ultimi anni si è specializzata nella realizzazione di servizi nel campo del welfare aziendale. Tra le iniziative più interessanti ci sono WellCome e il Care Manager, approfondite da Valentino Santoni e Franca Maino. Leggi.


#FilieraCorta

Nell’ambito di un percorso di ricerca-azione promosso dalla Fondazione MPS di Siena, Secondo Welfare ha esplorato il concetto di welfare aziendale “a filiera corta”, individuandone i caratteri peculiari, approfondendo esperienze sviluppate in vari territori e diffondendo questa idea tra stakeholder interessati al tema.