#ImpreseInnovative

Le imprese possono essere attori fondamentali per la promozione di un futuro sostenibile. Ne sono un esempio l’impegno nella filantropia d’impresa e le iniziative di welfare aziendale, ma anche lo sviluppo di nuovi modi di lavorare, come smart working e coworking. Approfondisci il Goal 9 sul sito di ASviS.

Quello della sostenibilità è ormai un tema ricorrente nel dibattito pubblico. Per tale ragione, da giugno 2020 abbiamo scelto di approfondire i nessi tra i cambiamenti in atto nel welfare italiano e i 17 Sustainable Development Goals, gli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 dell’ONU.

Social Impact Agenda per l’Italia sta realizzando una serie di paper per capire i nessi possibili tra il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e la finanza a impatto. In questo articolo vi raccontiamo il secondo approfondimento curato da Giuseppe Guerini, dedicato all'evoluzione dei modelli di cura e assistenza sociale.
Grazie ad un accordo siglato tra il gruppo bancario guidato da Carlo Messina e le rappresentanze sindacali, tutte le prestazioni a tutela della genitorialità previste dalla contrattazione aziendale saranno accessibili anche alle unioni civili, alle convivenze di fatto e ai genitori che si prendono curano dei figli del proprio o della propria partner.
Previsto un finanziamento di 50 milioni di euro per promuovere misure e azioni di welfare aziendale per agevolare il rientro al lavoro delle madri, favorire la natalità e il incentivare il work-life balance. Si tratta di un'iniziativa importante, anche se la logica di fondo del bando è discutibile. Ci si potrà candidare fino al prossimo 5 settembre.
Il report curato da Secondo Welfare mette in evidenza come i giovani tra i 15 e i 34 anni risultino tra i più colpiti dagli effetti sociali del Covid-19. Alla luce dei dati raccolti, la Fondazione CR Biella ha scelto di lanciare una call di coprogettazione territoriale che porterà all’avvio di nuove iniziative a loro dedicate.
Nell'ottavo approfondimento di ABNE, il progetto che stiamo realizzando con Slow News per raccontare cos'è e come funziona la Politica di coesione europea, si parla di un welfare aziendale insolito nato grazie alle risorse europee.
L'Osservatorio di Edenred Italia descrive le scelte e i consumi di imprese e lavoratori in materia di welfare aziendale nel 2021. Le misure e i benefit delle imprese sono diventati sempre più rilevanti in tema di sostegno al reddito e integrazione della retribuzione. La loro dimensione sociale non è però passata in secondo piano. Ce ne parla Valentino Santoni.
Regione Veneto, attraverso i suoi enti strumentali Veneto Welfare e Veneto Lavoro, ha promosso un bando per incentivare l'adesione alla previdenza complementare. L'iniziativa, per la quale sono stati stanziati 100.000 euro, è rivolta ai fondi negoziali accreditati da Regione Veneto.
Il programma dell’acceleratore internazionale di startup Plug and Play si rivolge alle realtà fondate da donne. L’obiettivo è quello di offrire uno strumento per affrontare il divario di genere che persiste nel mondo del lavoro.
Con la recente approvazione del Family Act, il Parlamento si è impegnato a introdurre nuove opportunità per le imprese che investono nel welfare. Inoltre nell'attribuzione delle risorse del PNRR si terrà conto anche dell'impegno delle aziende in materia di conciliazione e inclusione. Ce ne parla Valentino Santoni.
In questi giorni si sta riflettendo in merito ad una proposta di legge per dare incentivi economici e crediti di imposta per incentivare il lavoro agile. Per capire meglio cosa succederà al lavoro agile nel post-pandemia abbiamo intervistato Arianna Visentini, CEO e Founder di Variazioni.
Durante e dopo la pandemia molte realtà non profit hanno dovuto ripensare i propri servizi per rispondere ai bisogni sociali emergenti. Nel territorio di Siena questa dinamica è stata incoraggiata dalla Fondazione MPS che ha promosso un bando per dar vita a nuove reti e percorsi di capacity building rivolti a queste organizzazioni.
Sia pure con gradienti diversi, in questa fase storica ogni soggetto pubblico e privato può essere messo nella condizione di concorrere a creare economia e cambiamento sociale. Per questo è però necessario costruire alleanze locali in grado di coinvolgere i portatori di interesse del territorio e di favorire lo sviluppo di modelli di economia sostenibili.
Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza è un'occasione per favorire una transizione sostenibile del modello economico italiano che coinvolga anche le imprese private. Ma per farlo serve un maggior coordinamento nelle fasi di progettazione. Daniele Germiniani ne ha parlato con Mauro Del Barba.
Tra marzo 2021 e marzo 2022 i contratti di secondo livello che regolamentano i Premi di Risultato sono diminuiti del 17%. Gli accordi che prevedono welfare invece crescono leggermente (59%) così come i lavoratori complessivi che possono accedere a beni e servizi tramite la conversione del premio.
Abbiamo intervistato il Segretario generale di Fim Cisl Roberto Benaglia che, partendo dal recente accordo di Leonardo, ci ha spiegato come il dialogo tra le parti sociali sarà sempre più necessario per favorire il cambiamento culturale nelle aziende e continuare così a sostenere la diffusione del lavoro agile. Anche nelle PMI.
Nato dalla collaborazione con Edenred, il laboratorio intende approfondire le tematiche legate al welfare aziendale e essere un hub di conoscenze, a livello nazionale ed internazionale, per le aziende, le istituzioni pubbliche e le associazioni interessate all'argomento.
Fondazione Cariplo e Compagnia di San Paolo presentano "Evoluzioni. Transizione digitale nell'economia sociale", un nuovo bando dedicato al supporto e al rafforzamento del processo di transizione digitale per le realtà del Terzo Settore. In totale sono stanziati 1,8 milioni di euro. C'è tempo fino al 22 aprile per candidarsi.
Se nel settore privato sarà possibile accedere allo smart working in regime semplificato fino al 30 giugno, nel Pubblico la modalità ordinaria di lavoro è già tornata a essere quella in presenza. Per le Pubbliche Amministrazione c'è bisogno di un grande salto culturale per cogliere l'innovazione che il lavoro agile può produrre.