Cos’è il secondo welfare

Con il termine “secondo welfare” intendiamo l’insieme di interventi che si affiancano a quelli garantiti dal settore pubblico - il “primo welfare” - per offrire risposte innovative a rischi e bisogni sociali che interessano le persone e le comunità.

Tali interventi sono realizzati:

002-save-moneyCreated with Sketch.

grazie all’apporto di risorse, non esclusivamente economiche, di natura privata

004-teamCreated with Sketch.

da una vasta gamma di attori economici e sociali

001-networkingCreated with Sketch.

che agiscono spesso in reti locali, ma aperte alle collaborazioni con altri territori

003-bandwidthCreated with Sketch.

per fornire mix di protezione e investimenti sociali

Contesto di sviluppo

Il secondo welfare si è sviluppato per affrontare la sempre più evidente crisi dello Stato Sociale, in forte difficoltà nell’affrontare molti problemi che interessano i cittadini. Le ragioni di tale crisi sono molteplici, ma si possono individuare alcune macro-dinamiche che più di altre determinano questa situazione: mutamenti socio-demografici epocali, scarsi investimenti pubblici per affrontarli e, più recentemente, la crisi pandemica legata al Covid-19 che ha accelerato e aggravato problemi già presenti.

Problemi sociali in crescita (anche per la pandemia)

001-roundaboutCreated with Sketch.

Spesa pubblica per il sociale sbilanciata

Categorie sempre più a rischio

Ma perchè secondo?

È “secondo” in senso…

GroupCreated with Sketch.

temporale

poiché si è sviluppato successivamente al primo welfare, strutturato dallo Stato nel corso del Novecento

Group 2Created with Sketch.

funzionale

perché si aggiunge agli schemi del primo welfare, integrando le sue lacune, stimolando la sua modernizzazione e avventurandosi in aree di bisogno ancora inesplorate dal Pubblico

Group 4Created with Sketch.

finanziario

dato che mobilita risorse aggiuntive di natura non pubblica, messe a disposizione da diversi attori economici e sociali

Come si riconosce?

Il secondo welfare si distingue per uno o più tratti che ne caratterizzano le iniziative:

Soggetti non-pubblici

Attori del Mercato e del Terzo Settore affiancano lo Stato per rispondere ai bisogni sociali dei cittadini.

Nuove alleanze

Le risposte ai bisogni nascono per lo più da collaborazioni, relazioni sociali e partnership inedite tra attori che scelgono insieme di affrontare specifici bisogni.

Innovazione sociale

Nascita di nuovi servizi, prodotti e modelli per rispondere più efficacemente alle necessità di welfare delle persone e delle comunità.

Empowerment

Gli interventi non sono calati “dall’alto”, ma prevedono frequentemente la partecipazione e responsabilizzazione dei beneficiari, anche mediante il cofinanziamento delle prestazione.

Queste iniziative contribuiscono a:

cosa-icon08Created with Sketch.

innovare il sistema di welfare nazionale

001-networking Created with Sketch.

ampliare il perimetro della protezione sociale

001-networking Created with Sketch.

alimentare crescita e sviluppo economico

Chi sono gli attori che ne fanno parte?

004-communityCreated with Sketch.

Associazioni

Imprese Sociali

Cooperative

Mutue

Enti religiosi

Fondazioni

002-userCreated with Sketch.

Associazioni datoriali

Sindacati

Enti bilaterali

003-visitorCreated with Sketch.

Imprese

Provider

Assicurazioni

Banche

003-visitorCreated with Sketch.

Comuni

Province

Regioni

Ambiti

Scuole

Strutture sanitarie

Altri enti pubblici

Contatti

Sede legale
Via Melchiorre Gioia, 82
20125 Milano

Sede operativa
Dip.to di Scienze Sociali e Politiche
Università degli Studi di Milano
Via Conservatorio, 7 – 20122 Milano

Fatto con da TechSoup

Contatti

Sede legale
Via Melchiorre Gioia, 82
20125 Milano

Sede operativa
Dip.to di Scienze Sociali e Politiche
Università degli Studi di Milano
Via Conservatorio, 7 – 20122 Milano

Fatto con da TechSoup