Pillole
Povertà e inclusione

Istituito il Comitato Scientifico sul Reddito di Cittadinanza

Il Ministro Andrea Orlando ha annunciato la nascita di un gruppo di lavoro che sarà guidato da Chiara Saraceno. L'obiettivo è valutare l'impatto della misura e le azioni necessarie per migliorarla
Stampa articolo

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Andrea Orlando, il 10 marzo ha istituito il Comitato scientifico per la valutazione del Reddito di cittadinanza (Rdc). L’obiettivo è valutare come abbia funzionato finora la misura e indicare quali azioni assumere per migliorarne l’impatto. La nascita del Comitato arriva a pochi giorni dalla pubblicazione dei drammatici dati preliminari dell’Istat sull’aumento della povertà, che indicano come, nel 2020, il numero delle persone in povertà assoluta abbia raggiunto la cifra record di 5,6 milioni (il 9,4% della popolazione), in aumento di oltre 1 milione rispetto all’anno precedente.

I componenti del neonato Comitato sono Nunzia De Capite, sociologa dell’ufficio Politiche sociali della Caritas italiana; Cristiano Gori professore ordinario di Politica Sociale all’Università di Trento, e promotore dell’Alleanza contro la povertà; Daniele Checchi, capo della Direzione Centrale Studi e Ricerche dell’INPS; Maurizio Franzini, professore ordinario di Politica Economica all’Università La Sapienza di Roma; Paola Bozzao, professoressa ordinaria di Diritto del lavoro all’Università La Sapienza di Roma; Angelo Marano, direttore generale per la lotta alla povertà e la programmazione sociale del Ministero del Lavoro. La presidenza del Comitato è stata invece affidata alla professoressa  Chiara Saraceno.

Secondo Welfare augura buon lavoro al Comitato, certi del valore di molte delle persone che lo compongono. Abbiamo infatti avuto il piacere di collaborare in più occasioni con alcuni di loro: Nunzia De Capite ha da poco pubblicato sul nostro portale un articolo in cui analizza la capacità del RdC di sostenere i minori; con Cristiano Gori è attivo un confronto continuativo su diversi temi, come la recente proposta del Network Non Autosufficienza per inserire la riforma del sistema di cura agli anziani nel PNRR; Daniele Checchi ha curato per noi un working paper sulla misurazione delle performance di progetti sociali complessi; Chiara Saraceno è portavoce dell’Alleanza per l’Infanzia, a cui il nostro Laboratorio ha aderito fin dalla sua costituzione.