2 ' di lettura
Stampa articolo

Il 31 luglio 2018 a Milano Cisl Lombardia e Felceaf, la Federazione Lombarda dei Centri di Assistenza alla Famiglia, hanno siglato un accordo per aiutare le famiglie lombarde ad affrontare i cambiamenti in atto nel sistema di welfare nazionale e regionale.

Grazie all’intesa su tutto il territorio regionale sarà sviluppata una sinergie tra la rete dei 50 consultori di Felceaf e le 400 sedi di Cisl in Lombardia, con l’obiettivo di dare risposte concrete ed efficaci alle famiglie grazie al collegamento operativo tra i diversi servizi sui temi del lavoro, dell’inclusione e contrasto alla povertà, delle politiche di integrazione, dell’assistenza fiscale e di patronato. Una strada ritenuta propedeutica per migliorare l’accoglienza e le possibilità di aiuto e tutela in un momento in cui i cambiamenti sul fronte socio-economico appaiono sempre più ampi e complessi, soprattutto per i nuclei familiari più deboli. 

La nuova partnership prevede il coinvolgimento delle numerose sedi territoriali di Cisl sul territorio regionale, che vedono impegnati sul campo, oltre ai sindacalisti, anche gli operatori dei servizi di Inas e Caf che ogni giorno incontrano migliaia di persone e che, accanto ai temi della tutela del lavoro, si occupano ormai in maniera sempre più ampia anche dei bisogni delle famiglie. Grazie a questa intesa Cisl Lombardia e Felceaf gettano dunque le basi per un lavoro comune volto alla tutela dei lavoratori, delle lavoratrici e dei loro famigliari, con l’obiettivo di collaborare per sviluppare esperienze innovative di welfare e conciliazione predisponendo specifiche misure di aiuto attraverso una qualificazione dei Piani di welfare aziendali o territoriali.

A margine della firma dell’accordo don Edoardo Algeri, Presidente regionale di Felceaf, ha affermato che  "il protocollo prevede un impegno comune e reciproco anche per avviare percorsi di confronto con le istituzioni regionali, e con le organizzazioni del sistema del partenariato economico del terzo settore e dell’associazionismo, del volontariato e del no-profit, della Lombardia, al fine di promuovere e sostenere politiche pubbliche, che rimettano al centro la famiglia”. Paola Gilardoni, segretario regionale Cisl Lombardia, ha invece voluto sottolineare come "si tratta di una nuova sfida che mette assieme soggetti che condividono i valori della famiglia e che attraverso un’efficace sinergia vogliono operare sul territorio per un welfare più inclusivo e generativo di benessere per la comunità".