ZEROSEI / Opinioni
Come sta cambiando l'educazione dei bambini nella fascia 0-6 anni con la "Buona Scuola"
Il 29 e 30 novembre a Salerno si svolgerà il convegno organizzato dal Gruppo CGM e dal Consorzio La Rada per approfondire l'impatto della Riforma e del sistema integrato
23 novembre 2018

Il 29 e 30 novembre si terrà a Salerno il convegno "L'approccio integrato 0/6 nell’educazione dei bambini", promosso dal Gruppo CGM e dal Consorzio di Cooperative Sociali "La Rada". Nel corso della due giorni saranno approfonditi tutti i risvolti legislativi ed operativi che la Legge di Riforma 107/2015, la cosiddetta "Buona Scuola", sta avendo sul sistema educativo della fascia 0-6 anni. Tre in particolare saranno i focus di attenzione: lo sviluppo del sistema integrato 0-6; le nuove regole per insegnare negli asili nido e nelle scuole materne; le garanzia di pari opportunità di educazione e istruzione tramite superamento delle disuguaglianze e delle barriere culturali.


Il programma

29 novembre
La giornata sarà aperta dai saluti di Vincenzo De Luca, Presidente Regione Campania, Giovanni Savastano, Assessore Politiche Sociali del Comune di Salerno, Stefano Granata, Presidente Gruppo CGM, e Elena Palma Silvestri, Presidente Consorzio La Rada.

I lavori proseguiranno con il panel "La nuova prospettiva dello 0/6: quale impatto in termini di policy", che vedrà esperti e policymaker a confronto sui primi risvolti della Riforma. Coordinati da Matteo Taramelli (Consorzio Sol.Co Città Aperta) si svolgeranno i seguenti interventi:

  • Opportunità e criticità del decreto attuativo 0/6
    Aldo Fortunati, Direttore Area educativa, sociale e culturale dell'Istituto degli Innocenti
  • I modelli gestionali dell’offerta dei servizi per l’infanzia 0/6 dell’imprese sociali
    Flaviano Zandonai, Iris Network
  • Le prospettive formative e curriculari
    Maura Striano, Professore di pedagogia generale e sociale presso l’Università degli studi di Napoli Federico II
  • Lo sviluppo dei servizi di cura per l’infanzia in Europa 
    a cura di Eurochild Network
  • L’impatto della riforma nella gestione dei servizi per l’infanzia sul Terzo Settore
    Maurizio Mumolo, Direttore Forum Nazionale del Terzo Settore
  • Le politiche per l’infanzia in Campania
    Lucia Fortini, Assessore all’istruzione, politiche giovanili e politiche sociali Regione Campania

Nel pomeriggio si parlerà invece di “Continuità educativa nella nuova prospettiva dello 0/6: modelli pedagogici a confronto”. Il panel, coordinato da Rossella Trapanese, Docente di Politiche Sociali e Responsabile dell’Osservatorio sulle Politiche Sociali Università Salerno, vedrà la partecipazione di Sonia Coluccelli di Fondazione Montessori, Arianna Pucci dell'Istituto degli Innocenti, e Paola Cagliari, Direttore Scuole e Nidi d’infanzia del Comune di Reggio Emilia.

30 novembre 
La seconda giornata di lavori sarà aperta dal panel “Il ruolo della comunità educante nella costruzione di scenari di integrazione ed inclusione socio-educativa: l’esperienza del progetto Crescere insieme in Campania”. Dopo l'introduzione di Elena Palma Silvestri, Presidente Consorzio La Rada, si svolgeranno i seguenti interventi:

  • Le politiche di integrazione per la prima infanzia in Regione Campania
    Nadia Caragliano, Dirigente Direzione Generale Politiche Sociali e Socio-sanitarie
  • l sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita fino a sei anni: obiettivi, monitoraggio e valutazione
    Roberta Ceccaroni, Dipartimento per le politiche di coesione, Presidenza del Consiglio dei Ministri
  • Povertà educativa e prima infanzia: l’impegno dell’impresa sociale Con i Bambini
    Alessandro Martina, Coordinatore Attività Istituzionali Impresa Sociale Con i Bambini
  • Verso la sostenibilità dei servizi per l’infanzia e per la famiglia in Campania: ipotesi di sviluppo della comunità educante 
    Maria Patrizia Stasi, Presidente Fondazione Banco di Napoli per l’assistenza all’Infanzia
  • Scuola e comunità educante in un contesto di povertà educativa: l’esperienza dell’ I. C. San Tommaso d’ Aquino
    Annalisa Frigenti, Dirigente I.C. San Tommaso D’Aquino di Salerno
  • L’identificazione precoce dei bisogni educativi specifici nella fascia 0-3 anni
    Goffredo Scuccimarra, Direttore Fondazione Istituto Antoniano

Seguirà quindi tre workshop, introdotti e coordinati da Claudia Calafati del Consorzio Co&So, incentrati sul tema “La sfida dei nuovi bisogno educativi: buone prassi e linee di indirizzo da e per la rete”.

Il primo workshop, "Nuovi bisogni e nuover forme di partecipazione delle famiglie" vedrà l'intervento di Antonio Di Pietro, Pedagogista ludico e Formatore CEMEA, e la presentazione di due buone prassi: “Comunità è partecipazione. Educatori e genitori insieme!” a cura di Melissa Ficiarà della Cooperativa sociale Paolo Babini Forlì, e “Il centro 0-6 l’esperienza della Cooperativa L’Abbaino” a cura di Paola Cecchi, vicepresidente e coordinatore pedagogico servizi infanzia Cooperativa Sociale L’Abbaino Firenze

Il secondo momento, "Intercultura e cura educativa nel nido e nella scuola dell'infanzia" vedrà l'intervento di Farnaz Farahi, Ricercatrice presso il Dipartimento di Scienze della Formazione e Psicologia dell'Università degli Studi di Firenze, e la presentazione di altre due buone prassi: "Progetto Family Hub: una finestra aperta sul territorio" da parte di Simona Taraschi, Gruppo Cooperativo CGM Milano, e “Quando la diversità è un valore: il Nido del Dialogo di Torino” a cura di Valeria Cerone della Cooperativa Sociale Liberitutti

Il terzo e ultimo workshop sul tema "Educazione dititale nel nido e nella scuola dell'infanzia" sarà introdotto da Cosimo di Bari, Ricercatore Dipartimento di Scienze della Formazione e Psicologia dell'Università degli studi di Firenze e arricchito dalle esperienze di “Stripes Digitus Lab, tecnologia a supporto dello sviluppo educativo”, raccontato da Igor Guida della Cooperativa Sociale Stripes Milano, e  “Educazione (anche) digitale per le famiglie. Progetto App per le famiglie BIM BUM BAPP” presentato da Giulia Fantechi, coordinatore pedagogico Cooperativa Giocolare Pontessieve (FI).

Il convegno sarà concluso da Elena Palma Silvestri, Presidente Consorzio La Rada, a cui spetterà di sintetizzare gli esiti della due giorni.

L’evento gode del patrocinio della Regione Campania e del Comune di Salerno ed è realizzato con il supporto di Fondazione Banco di Napoli per l’Assistenza all’Infanzia, Fondazione della Comunità Salernitana Onlus e Bancaetica.  


Per info e programma

 

Questo approfondimento è parte del Focus ZeroSei di Percorsi di secondo welfare: clicca qui per saperne di più

 


Un passo avanti: idee innovative per il contrasto alla povertà educativa

Scommettere sul Sud e sui bambini: l'unico azzardo possibile

Save the Children: al nido solo un bambino su quattro

Rendiamo strutturale il congedo di paternità

Le Fondazioni di comunità si mettono in rete per contrastare la povertà minorile

Nuotare contro corrente. Povertà educativa e resilienza in Italia