IMMIGRAZIONE E ACCOGLIENZA /
Parte il Focus di Percorsi di secondo welfare su immigrazione e accoglienza
Uno spazio di approfondimento per monitorare i mutamenti in atto nel welfare del nostro Paese, con particolare attenzione al tema della governance. Realizzato nell'ambito di MINPLUS, progetto Interreg tra Italia e Svizzera

Al 1° dicembre del 2017 i residenti stranieri sul totale dei residenti in Italia sono l’8,33%, le presenze inserite nel sistema di accoglienza sono lo 0,31%. I numeri smentiscono l’esistenza di un’emergenza. Tuttavia il tema dell’accoglienza dei Migranti Richiedenti Protezione Internazionale (MRPI) è al centro del dibattito pubblico e oggi il sistema dell’accoglienza è oggetto di importanti cambiamenti sui quali da più parti è stato espresso allarme e preoccupazione. Attraverso il Focus immigrazione e accoglienza ci interessa monitorare questi mutamenti, volgendo un’attenzione particolare alle conseguenze sul sistema di governance.

Sulla base dell’analisi dei dati e del confronto con gli esperti, il Focus intende monitorare gli sviluppi e le involuzioni di questo sistema ma anche indagare le esperienze recenti al fine di distinguere le buone pratiche dalle cattive esperienze di accoglienza. In particolare vogliamo approfondire i nodi problematici che connettono le diverse aree d’intervento delle politiche di welfare - l’accoglienza, la formazione, l’inclusione sociale, abitativa, sanitaria e lavorativa -, i punti deboli e di forza della governance interistituzionale, la sperimentazione di soluzioni innovative che rafforzino circoli virtuosi tra il sistema di accoglienza e il welfare locale nel suo complesso. Inoltre ci interessa approfondire le specificità dei percorsi di integrazione dei Minori Stranieri Non Accompagnati (MSNA).

Il Focus è realizzato alla luce del coinvolgimento di Percorsi di secondo welfare nel Progetto Interreg Italia-Svizzera “MINPLUS. Modello di governance territoriale per l’accoglienza e l’integrazione dei Richiedenti Protezione Internazionale”. MINPLUS è realizzato da un partenariato avente capofila, per parte italiana, il Consorzio Intercomunale Servizi Sociali Ossola e, per la parte svizzera, la Divisione Azione Sociale e Famiglie e la Divisione Formazione Professionale del Cantone Ticino. Al progetto aderiscono inoltre Filos, la Direzione Coesione Sociale della Regione Piemonte, Cooperativa INTEGRA, e Centro Einaudi con il nostro Laboratorio. Obiettivo generale del progetto è accrescere la capacità di programmazione e controllo da parte delle istituzioni locali a livello transfrontaliero, dell’uso efficace ed efficiente delle risorse, sociali ed economiche, indirizzate alla governance territoriale dell’accoglienza e integrazione dei MRPI, con particolare attenzione per i MSNA.