Pillole
Privati / Aziende

Mille euro l’anno per chi fa figli: bonus natalità per i dipendenti di Randstad

Attraverso il nuovo servizio Grow-up per 6 anni verrà erogato un buono welfare a neo-mamme e neo-papà. Un contributo alla natalità in un momento in cui il calo demografico rappresenta un punto critico per il nostro Paese.
Stampa articolo

Un contributo di 1.000 euro per 6 anni in bonus welfare per tutti dipendenti che hanno avuto e avranno figli tra dicembre 2020 e gennaio 2022. È l’iniziativa promossa da Randstad tramite il nuovo servizio Grow-up, che si pone come obiettivo la sostenibilità della natalità e il benessere dei propri dipendenti. Questo contributo, potenzialmente destinato ad una platea di oltre 2.500 persone. La somma sarà versata tramite la piattaforma Randstad Welfare, che permetterà di usufruire del bonus per una serie di servizi come controlli medico-ospedalieri, acquisti in buoni spesa, carburanti o servizi per la famiglia come babysitter o aiuti domestici.

Grow-up è un nuovo passo avanti di Randstad nel panorama dell’assistenza alla genitorialità, che va ad affiancarsi ad iniziative già esistenti come Baby Randstad, contributo da 250 euro netti al mese erogato da più di 10 anni ai dipendenti con figli che frequentano l’asilo nido. Un altro esempio è Welcome Back Mum, il programma che agevola il ritorno al ruolo e alla carriera dopo la maternità e che ha segnato un tasso di ritorno al lavoro dopo il congedo parentale pari al 96,6%. O ancora Close to you, il progetto di flessibilità oraria che mira a coinciliare la vita familiare con quella lavorativa.

“Con il progetto Grow-Up diamo il nostro contributo nel sostenere la natalità in un momento in cui il calo demografico rappresenta un punto critico per il nostro Paese. Questo impegno concreto risponde sia a un’esigenza di responsabilità sociale, sia alla scelta di stare accanto alle nostre persone”, queste le parole di Valentina Sangiorgi, Chief HR Officer di Randstad Italia che sottolinea come “in quest’ottica, sono diversi i progetti attivati negli ultimi anni a supporto della famiglia e più nello specifico della genitorialità. Indipendentemente dal fatto che si tratti di madri o di padri, sosteniamo la decisione di avere un figlio/figlia e ci impegniamo, allo stesso tempo, a migliorare l’esperienza lavorativa nella nostra azienda e le condizioni di work-life balance delle persone. E nella gestione delle nostre persone ci focalizziamo sul loro benessere, fondamentale per realizzare il potenziale di ciascuno di noi e raggiungere gli obiettivi professionali e allo stesso tempo aziendali”.