TERZO SETTORE / Mutualismo
Verso un Patto per il welfare territoriale del Pinerolese e delle Valli Olimpiche
La Società Mutua Piemonte è il soggetto capofila del progetto, sostenuto grazie a un bando parte della strategia WeCaRE, per lo sviluppo di nuove sinergie tra micro-comunità e piccole e piccolissime imprese di questi territori

In questi giorni sta partendo un progetto, condiviso dagli attori locali, pubblici e privati, che hanno aderito alla proposta della Società Mutua Piemonte, per la realizzazione di un “Patto di welfare territoriale del Pinerolese e delle Valli Olimpiche”. Finanziato nell’ambito del Bando di Regione Piemonte “Disseminazione e diffusione del welfare aziendale tramite enti erogatori” - parte della strategia WeCaRe - il progetto mira ad attivare nodi territoriali diffusi, capaci di rendere operative le micro-comunità di prossimità e le piccole e piccolissime imprese presenti nel Pinerolese e nelle Valli Olimpiche (Chisone, Pellice e Germanasca). Questo tessuto è attivabile soltanto se la prossimità, le relazioni di fiducia e le competenze relazionali sono valorizzate e sistematizzate in un quadro coerente di azioni.

Alle attività di sensibilizzazione e comunicazione sulle opportunità legate allo sviluppo del welfare aziendale, il progetto affiancherà anche un'attività preliminare di mappatura dei bisogni per micro-aree, in modo da avviare reti di comunità capaci di sviluppare azioni e servizi mirati, rivolti alle persone e alle famiglie e più in generale alla comunità.
Sul modello di altre esperienze italiane, l'esito dell'attività – che si concluderà a giugno 2020 - sarà la sottoscrizione di un Patto per il welfare territoriale che abbia come prospettiva la costruzione di un luogo di “corporate citizenship” del territorio del pinerolese, a partire dalla sistematizzazione delle tante azioni già presenti, e dall’approfondimento delle tematiche legate al welfare aziendale e territoriale.

Il progetto, inoltre, intende proporre (e si tratterebbe della prima esperienza pilota in Italia) al territorio, ritenuto culturalmente pronto, l'approccio del diversity management - includendolo all’interno del Patto - con l’obiettivo di realizzare e gestire processi di integrazione delle diversità che provino ad andare oltre l’approccio della tutela e della protezione e puntino sull’integrazione.

Il soggetto promotore dell'iniziativa è la Società Mutua Piemonte ETS, società di mutuo soccorso nata nel 1996 su iniziativa delle Società di Muto Soccorso del Pinerolese che non ha scopi di lucro, si basa sui principi di mutualità e di solidarietà (Codice Identitario delle Società di Muto Soccorso). Sono inoltre partner del progetto e partecipano alla programmazione e realizzazione delle iniziative Consorzio Pinerolo Energia (CPE), Consorzio COESA, Idea - Agenzia per il Lavoro, CFIQ Consorzio per la Formazione, l’Innovazione e la Qualità di Pinerolo, FENAPI – Siamo Impresa – Federazione Nazionale Autonoma Piccoli Imprenditori. È inoltre prevista la collaborazione del CISS (Consorzio Intercomunale Servizi Sociali di Pinerolo) e dell'ASLTO3, mentre il Laboratorio Percorsi di secondo welfare si occuperà dell'attività di monitoraggio e valutazione del progetto.

 


Mutualismo, innovazione e coesione sociale: il welfare aziendale che fa la differenza

Il Piemonte punta sul welfare aziendale e territoriale per rilanciare l'innovazione sociale

Mutualismo e secondo welfare: quali i nessi possibili?