Pillole
Terzo Settore / Fondazioni / Governi locali

Il bando di Compagnia di San Paolo per aiutare gli Enti pubblici a gestire le risorse del PNRR

Prosegue l’attuazione del Piano Strategico della Fondazione con un bando ideato per abilitare gli Enti pubblici territoriali del Nord-Ovest a gestire in maniera efficace le opportunità di finanziamento rese disponibili dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.
Stampa articolo

Lo scorso 4 novembre, nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato anche il Presidente Francesco Profumo e il Segretario Generale Alberto Anfossi, la Fondazione Compagnia di San Paolo ha presentato il bando “Next Generation WE. Competenze, strategie, sviluppo della Pubblica Amministrazione“.

Attraverso il bando la Compagnia si propone di aiutare gli Enti pubblici territoriali del Nord-Ovest a gestire in maniera efficace le opportunità di finanziamento rese disponibili dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). In questo senso la finalità del bando è quella di fornire le giuste competenze alle Pubbliche Amministrazioni territoriali di Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta per avviare progetti aventi i requisiti di finanziabilità nella cornice del PNRR.

Il budget complessivo sarà di 2 milioni di euro, con la possibilità di arrivare fino a 6 milioni di euro in base alla qualità dei progetti che arriveranno. La Compagnia di San Paolo sosterrà le spese di progettazione mettendo a disposizione esperti su temi legali, finanziari o legati a un’opera pubblica. Le proposte dovranno pervenire entro il 31 gennaio 2022.

Il Bando non presenta vincoli o preferenze settoriali. Le proposte possono quindi avere una matrice tecnologica, infrastrutturale o anche sociale, culturale o di sviluppo del territorio, fatto salvo che le iniziative devono però collocarsi nel perimetro di una delle sedici componenti delle sei Missioni del PNRR: (1) digitalizzazione, innovazione, competitività, cultura e turismo; (2) rivoluzione verde e transizione ecologica; (3) infrastrutture per una mobilità sostenibile; (4) istruzione e ricerca; (5) inclusione e coesione; (6) salute.

Per maggiori informazioni e per consultare il bando