Pillole
Povertà e inclusione

Oltre l’ostacolo: il rapporto Caritas 2021 su povertà ed esclusione sociale

In occasione della Giornata internazionale di lotta alla povertà la Caritas Italiana ha presentato il proprio rapporto che raccoglie dati sul 2020 e sui primi mesi del 2021, utili a comprendere come sia cambiata la povertà nel nostro Paese con la pandemia.
Stampa articolo

Alla vigilia della Giornata internazionale di lotta alla povertà, la Caritas ha presentato Oltre l’ostacolo, il rapporto 2021 su povertà ed esclusione sociale. L’obiettivo dichiarato è cogliere ed evidenziare elementi di prospettiva e speranza, partendo dalle esperienze e dalle storie del territorio. Secondo il rapporto sono oltre 93mila volontari che nell’anno hanno collaborato con Caritas, a cui se ne aggiungono circa 1.300 religiosi e 833 del servizio civile, e 6.780 servizi a livello diocesano e parrocchiale. Si tratta di una rete capillare e fortemente radicata nel territorio, che le ha permesso di sostenere più di 1,9 milioni di persone solo nel 2020.

Caritas riporta anche vari dati utili a capire chi sono le persone aiutate. Circa il 44% sarebbero cosiddetti “nuovi poveri, coloro che si sono rivolti alla Caritas per la prima volta nel corso dell’anno. Ma la crisi ha colpito duramente anche le povertà pre-esistenti: i “poveri cronici”, cioè chi si trova nel circuito Caritas da 5 o più anni: sono passati dal 25,6% al 27,5%. Oltre la metà degli assistiti (il 57,1%) aveva al massimo la terza media. Percentuale che sale al 65,3% tra gli italiani e al 77,6% nel Mezzogiorno. Il 64,9% invece dichiara di avere figli e circa un terzo di loro vive con minori. Inoltre, il 37,8% delle persone sostenute si avvale anche di altri servizi di assistenza e il 19,9% dichiara di percepire il reddito di cittadinanza. Risultano essere invece il 55% coloro che recepiscono il reddito di cittadinanza e si sono rivolti alla Caritas tra il 2019 e il 2021.

Il rapporto offre anche un’istantanea dei primi otto mesi del 2021, la quale mostra che: le persone assistite rispetto al 2020 sono cresciute del 7,6%; il 16,1% di chi si è rivolto alla Caritas per la prima volta nel 2020 è ancora in stato di bisogno; le persone che vivono forme di povertà cronica sono il 27,7%; i “poveri intermittenti”, coloro che entrano ed escano da una condizione di bisogno, rappresentano il 19,2%Dati che hanno più sfaccettature. Secondo Caritas infatti siamo di fronte a una ripresa evidente e presente, ma che non incide nelle condizioni di vita delle persone più svantaggiate e che non permette loro di emanciparsi, uscendo dal circuito delle povertà e marginalità.

 

Qui per leggere il rapporto 2021 integrale

Qui il comunicato stampa della Caritas