#MenoDisuguaglianze

Il contrasto alle disuguaglianze e all’esclusione sociale è uno dei nostri principali temi di ricerca e approfondimento. Dedichiamo particolare attenzione alle persone maggiormente a rischio di esclusione, per esempio, con il nostro Focus “Immigrazione e accoglienza”. Approfondisci il Goal 10 sul sito di ASviS.

Quello della sostenibilità è ormai un tema ricorrente nel dibattito pubblico. Per tale ragione, da giugno 2020 abbiamo scelto di approfondire i nessi tra i cambiamenti in atto nel welfare italiano e i 17 Sustainable Development Goals, gli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 dell’ONU.

La chiusura delle scuole e di molte attività ricreative durante la pandemia avrà effetti di lungo periodo sulla dispersione scolastica e sull’aumento delle disuguaglianze. Già oggi infatti assistiamo a un aumento consistente della povertà minorile e di quella educativa. Per questo servono investimenti seri sui servizi per i più giovani e le famiglie. Ne parla Chiara Agostini sulla rivista Left.
Simone Gamberini, direttore generale del Fondo di Legacoop, ci ha raccontato le sfide poste dal Covid-19 e le linee di azione adottate per sostenere le cooperative vecchie e nuove in questo momento di transizione. Digitalizzazione e sostenibilità, anche grazie all’apporto di nuovi soggetti finanziatori, sono gli ambiti su cui puntare per ripartire.
La Fondazione ha approvato il Documento Programmatico Previsionale per il 2022, stanziando 6,5 milioni che da investire in educazione, ricerca, welfare e cultura. Il Documento sarà illustrato martedì 30 novembre contestualmente alla presentazione del primo Rapporto annuale di OsservaBiella.
Il Direttore Generale Romano Guerinoni ci ha illustrato i maggiori cambiamenti in atto e gli scenari futuri della Fondazione: si dovrà puntare a rafforzare un “welfare di transizione”, che protegga le persone dai rischi sociali emergenti in ciascuna fase della vita.
Cgil, Cisl, Uil e Anci Lombardia hanno avanzato insieme 8 proposte alla Regione per redigere le Linee guida 2021-2023 per il contrasto alla marginalità e all'esclusione sociale. L'intento è spingere le istituzioni a considerare il fenomeno della povertà guardando alla multidimensionalità dei bisogni sociali. Ce ne parla Valeria De Tommaso.
La bozza della Legge di Bilancio interviene su alcune storture che attualmente rendono complesso il rapporto della misura con il mercato del lavoro. Tali interventi, spiega Stefano Sacchi, sono importanti per contrastare gli effetti della pandemia, ma restano degli interrogativi a cui dare risposta.
Centro Servizi Welfare di Verona ha sperimentato un modello di intervento destinato a ragazzi e adolescenti autistici. L’obiettivo è quello di dar vita ad una proposta economicamente accessibile per le famiglie e, al tempo stesso, in grado di fornire gli strumenti per favorire una vita indipendente.
Cgil, Cisl, Uil e Anci Lombardia hanno sottoscritto per la prima volta un'intesa che contiene alcune proposte condivise per la definizione di azioni regionali contro la povertà e l'indigenza. L'obiettivo è quello di fornire nuovi strumenti per affrontare la difficile situazione creata dalla pandemia.
La Scuola Etica di Alta Formazione e Perfezionamento Leonardo ha elaborato e pubblicato uno Standard, l’unico esistente al mondo, capace di sintetizzare gli elementi fondamentali per esprimere i contenuti e i valori della Sostenibilità ESG. Mauro Pallini, direttore della Scuola, ci descrive sviluppo e obiettivi di questo strumento.
Quali opportunità possono derivare dai patti educativi di comunità? A Bari la rete EducAzioni ha organizzato un incontro per individuare le risposte possibili e offrire spunti per andare verso un utilizzo sempre più ambizioso e capillare di questi strumenti di sussidiarietà orizzontale.
Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza stanzierà più di sette miliardi di euro per il sostegno agli anziani non autosufficienti per il periodo 2022-2026. Secondo Maurizio Ferrera si tratta di un ambito di intervento cruciale su cui si gioca la sostenibilità del nostro sistema di welfare.
Nell’ambito del progetto "Fuoricentro: coltiviamo le periferie" si è arrivati, alla fine di un percorso durato due anni, alla stesura di un documento che aiuterà le comunità educanti nella realizzazione di Patti educativi e altri interventi locali destinati ai giovani, alle famiglie e allo sviluppo territoriale. Marco Cau e Graziano Maino di Pares, facilitatori del percorso, e Mirella Maturo, project manager di "Fuoricentro", ci raccontano come si è arrivati a questo risultato.
Ottobre è il mese dell'educazione finanziaria. Per ricordare la rilevanza delle attività che riguardano questo genere di interventi, in questo articolo vi spieghiamo cosa sono e come funzionano i programmi di educazione finanziaria personale e come possono divenire uno strumento al servizio della stabilità economica di cittadini e lavoratori.
Nei giorni in cui sembra calare l’attenzione sulla complessa e angosciante questione afghana, Paolo Moroni e Orlando De Gregorio ci aiutano a ripercorrere la storia di questo Paese e, in particolare, dei suoi flussi migratori verso l’Europa e l’Italia. Un'occasione anche per rilanciare il dibattito sul nostro sistema di accoglienza.
L'Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza lancia una consultazione pubblica per alunni e alunne delle scuole superiori di secondo grado tra i 14 e i 18 anni. L'obiettivo? Rispondere alla necessità e al diritto di ascolto e partecipazione dei minorenni e delineare nuove indicazioni per le Istituzioni.
A seguito della pandemia il lavoro agile è divenuta una pratica diffusa e conosciuta. Per rendere operativo e funzionale il lavoro da remoto è però necessario porsi la questione delle competenze e della formazione. In questo approfondimento, parte del nostro ciclo dedicato allo smart working, ci concentriamo sul tema della formazione dei lavoratori.
Anche le Fondazioni di origine bancarie hanno risentito dell'impatto economico della pandemia, ma sono comunque riuscite ad aumentare le risorse a disposizione dei territori. Nel 2020 le erogazioni sono state destinate soprattutto a settori cruciali per il welfare attraverso strategie per essere vicine ai bisogni e alle dinamiche territoriali. Il Rapporto conferma il ruolo centrale delle Fob per la filantropia istituzionale italiana.