POVERTÀ E INCLUSIONE /
E chi non può restare a casa perchè una casa non ce l'ha?
Il Terzo Settore chiede alle autorità nazionali e locali soluzioni per contenere il contagio per le strade
13 marzo 2020

Mentre chi può si attiene alle indicazioni del Governo e resta a casa c'è una parte di popolazione che non può farlo: le persone senza dimora. Come gestire l'emergenza con queste persone? Le organizzazioni del Terzo Settore attive in questo campo lanciano da giorni appelli alle autorità statali e locali perchè si trovino soluzioni condivise.

Come sottolinea fio.PSD (la Federazione Italiana Organismi per le Persone Senza Dimora) si tratta innanzitutto di un problema burocratico: l'assenza di un indirizzo di residenza spesso impedisce a queste persone di vedere rispettati i propri diritti di cittadinanza (per esempio: il diritto di voto e la possibilità di accedere a misure universalistiche per il contrasto della povertà). Tra le altre cose, senza residenza non è possibile avere un medico di medicina generale; nell'ambito dell'emergenza Coronavirus le persone senza dimora non possono rivolgersi al medico curante qualora presentino dei sintomi e, di conseguenza, non sono nelle condizioni di seguire le indicazioni di prevenzione e tutela consigliate dalle autorità sanitarie.

L'altra evidente criticità è la possibilità di continuare a garantire servizi di prima necessità quali ospitalità e mense. Secondo Cristina Avonto, presidente di fio.PSD, è fondamentale che tali servizi continuino a operare, in quanto servizi essenziali, pur nel rispetto delle normative e delle indicazioni provenienti dal Ministero della Salute. L'invito è dunque a essere ancora più attivi e presenti nel sostegno a queste persone, per garantire la loro salute e quella di tutta la cittadinanza. Vanno in questo senso le diverse azioni registrate sul territorio nazionale: dall'impegno dell'Elemosiniere del Papa, il card. Konrad Krajewski, coinvolto personalmente nella distribuzione a distanza di sicurezza di "sacchetti del cuore" alla stazione di Roma Termini (una banana, così la può mangiare anche chi non ha i denti, del tonno in scatola, perchè lo possono mangiare anche i musulmani) fino all'appello lanciato da Binario 95 con l'hashtag #vorreirestareacasa.

Secondo questa organizzazione - un progetto della cooperativa sociale Europe Consulting - è necessario sostenere le strutture di ospitalità notturna perchè possano fronteggiare l'eventualità di un contagio e possano continuare a essere operative per tutta la durata dell'emergenza. Allo stesso tempo sarebbe opportuno velocizzare l'implementazione di progetti di housing e condominio sociale - già approvati e finanziati ma non ancora realizzati - che potrebbero permettere almeno ad alcune persone senza dimora di avere un luogo presso cui ripararsi e trascorrere i periodi di isolamento fiduciario o obbligatorio che dovessero rendersi necessari.


*Aggiornamento del 13 marzo 2020*

Il capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, ha recepito gli appelli delle organizzazioni del Terzo Settore e - come è evidenziato anche da questo video dell'Agenzia ANSA - ha sollecitato le amministrazioni regionali e comunali a "organizzare a livello territoriale delle strutture per l'assistenza dei senzatetto".


Per consultare gli approfondimenti di Redattore Sociale

 


La casa prima di tutto: nascita e sviluppo dell'approccio ''Housing First''

Reddito di Cittadinanza, ora anche le persone senza dimora potranno accedere alla misura

Coronavirus, il Forum del Terzo Settore lancia l'allarme per il mondo del non profit e del volontariato

Chiusura delle scuole: servono interventi per evitare l'aumento delle diseguaglianze tra i bambini

Nasce ''biellawelfare'', una piattaforma che innova la gestione dei servizi di welfare

Coronavirus: il Dipartimento per la trasformazione digitale lancia ''Solidarietà digitale''