TERZO SETTORE / Fondazioni
A Milano un fondo di garanzia per aiutare chi ha perso il lavoro
18 settembre 2013

La Fondazione Welfare Ambrosiano vara ufficialmente il fondo destinato a sostenere i lavoratori di Milano e provincia che si trovano in cassa integrazione. Grazie alla collaborazione con diversi istituti bancari chi ha perso il lavoro potrà ricevere in anticipo quanto dovuto dallo Stato che, specialmente nei mesi appena successivi la perdita o la sospensione del lavoro, spesso tarda ad effettuare i pagamenti degli ammortizzatori sociali. Il progetto è stato presentato il 16 settembre presso la Camera di commercio di Milano dal sindaco Giuliano Pisapia, che in forza del suo ruolo istituzionale ricopre la carica di Presidente della Fondazione.

La preoccupazione crescente delle famiglie milanesi

Come emerge da una ricerca curata dalla Camera di commercio, le famiglie di Milano e provincia vedono con grande preoccupazione i mesi a venire: il 36% degli interpellati pensa che il proprio reddito subirà un decremento, specialmente a causa di una riduzione della retribuzione percepita, e vedrà pertanto peggiorare il proprio tenore di vita. Uno sguardo pessimista sul futuro dunque, che tuttavia affonda le radici in un presente non certo incoraggiante. Il 44% delle famiglie milanesi dichiara infatti un reddito inferiore a 25.000 euro, e nel 64% dei casi il sostentamento del nucleo famigliare pesa su un solo componente. In questa situazione solo il 28% delle famiglie è riuscita a risparmiare nell’anno appena trascorso, mentre il 67% afferma di spendere tutto quello che guadagna per arrivare alla fine del mese. A destare particolare preoccupazione sono inoltre i dati relativi al tasso di disoccupazione di Milano, che a fine 2012 ha sfiorato l’8%, in aumento di due punti rispetto all’anno precedente. E’ un dato che, seppur inferiore alla media nazionale (12% a luglio 2013), indica come anche nel capoluogo lombardo siano sempre più numerose le persone che hanno perso o stanno perdendo il lavoro, e che pertanto possono ricorrere, ove previsti, agli ammortizzatori sociali.

L’impegno della Fondazione Welfare

Per fronteggiare la difficile situazione in cui si trovano coloro i quali hanno perso il lavoro e devono ricorrere alla cassa integrazione, la Fondazione Welfare Ambrosiano – istituto costituito da Comune di Milano, Provincia di Milano, Camera di Commercio Industria e Artigianato di Milano, Camera del Lavoro Metropolitana di Milano, Cgil, Cisl e Uil – ha avviato il progetto “Anticipazioni ammortizzatori sociali”, di cui vi avevamo raccontato la genesi avvenuta all’inizio dell’anno. L’intento è quello di tutelare il reddito delle persone in cassa integrazione velocizzando i tempi per l’ottenimento dell’ammortizzatore, semplificando le certificazioni necessarie e sostenendo coloro i quali sono in attesa dell’erogazione delle indennità. La complessità della documentazione richiesta per avanzare le richieste, oltre alla lentezza burocratica per l’effettivo avvio del pagamento, comporta infatti un’attesa media di un paio di mesi, che a volte può arrivare anche a cinque/sei mesi. Tempistiche certamente lunghe per chi ha perso il lavoro e deve sostenere una famiglia.
Per rispondere ai problemi di chi si trova in questa situazione da almeno due mesi, la Fondazione ha creato un fondo ad hoc da 2 milioni di euro che verrà utilizzato come garanzia per anticipare l’importo degli ammortizzatori a chi ne farà richiesta.

Il fondo di garanzia del progetto

La consistenza di tale fondo potrà da subito consentire al sistema bancario di concedere un massimo di dieci milioni di credito, cui si ipotizza potranno fare ricorso circa 4.000/5.000 soggetti l’anno. Grazie all’accordo tra Fondazione Welfare Ambrosiano e CGIL, CISL e UIL di Milano, i lavoratori interessati potranno rivolgersi agli sportelli dedicati per presentare la richiesta di adesione al progetto. Potranno essere richieste anticipazioni degli ammortizzatori fino ad un massimo di 7 mensilità che non potranno superare i 6.000 euro complessivi. Le risorse saranno erogate dagli Istituti di Credito aderenti al progetto: Banca Prossima, che gestisce direttamente il fondo di garanzia, Intesa Sanpaolo, Banca Popolare di Milano, Banca Popolare di Vicenza, Banca Credito Cooperativo di Cernusco sul Naviglio, Credito Valtellinese, Monte Paschi di Siena, Gruppo UBI e Unicredit.

 

Riferimenti

Fondazione Welfare Ambrosiano

Il progetto “Anticipazioni ammortizzatori sociali”

Il comunicato stampa della presentazione avvenuta il 16 settembre

 

I nostri articoli sulle attività della Fondazione Welfare Ambrosiano

Milano: sottoscritto l’accordo sul Fondo di garanzia per lavoratori in difficoltà

GNP 2013: presentato il nuovo progetto della Fondazione Welfare Ambrosiano

Microcredito a Milano: come va la Fondazione Welfare?

Welfare a Milano: intervista all'assessore

 

Torna all'inizio

 

 

 
NON compilare questo campo