< 1 ' di lettura
Stampa articolo

La Fondazione Welfare Ambrosiano (FWA) lancia un nuovo servizio dedicato ai disoccupati della Città Metropolitana di Milano intenzionati a completare il proprio percorso pensionistico tramite versamento di contributi volontari. In città sono infatti molte le persone che, a cusa della loro esclusione del mercato del lavoro, sono troppo “vecchie” per ritrovare una occupazione ma, al contempo, troppo “giovani” per andare in pensione perché non in grado di versare tutti i contributi necessari.

Il nuovo servizio della Fondazione, denominato Welfare Pensione è rivolto ai residenti della Città Metropolitana in tale situazione, che potranno così perfezionare il diritto alla pensione entro 24 mesi dalla data di richiesta e indipendentemente dalla tipologia di vincolo pensionistico. Welfare Pensione in quest’ottica ha costituito un fondo, che potrà erogare inizialmente fino a 2,5 milioni di euro, finalizzato ad agevolare l’accesso al credito presso banche convenzionate, permettendo l’attivazione di finanziamenti con vincolo di destinazione esclusiva al versamento di contributi INPS, la cui restituzione avrà inizio unicamente al ricevimento del primo assegno pensionistico.

Attraverso Welfare Pensione di FWA saranno ammesse richieste di finanziamento con importo compreso tra 2.000 e 20.000 € la cui restituzione avverrà con una rata massima pari a 1/5 dell’assegno pensionistico. Le richieste possono essere effettuate a partire da lunedì 24 giugno attraverso i patronati INCA CGIL, INAS CISL e ITAL UIL, i quali verificheranno e valideranno i requisiti di accesso al progetto.

"Con questa ulteriore iniziativa" ha dichiarato il Presidente di FWA Romano Guerinoni, "la Fondazione continua a camminare nel solco del welfare delle opportunità, un modo concreto di realizzare un welfare territoriale per la transizione che risponde ai bisogni di parte del mondo del lavoro esclusa dalle tutele del welfare contrattuale e/o aziendale. Risposte a problemi che, nemmeno volendo, potrebbero essere intercettati dalle parti sociali nella dinamica contrattuale".

Clicca qui per maggiori informazioni