TERZO SETTORE /
A Pavia nasce una Scuola dei Laboratori Sociali per lo sviluppo del welfare di comunità
Il progetto, finanziato grazie al bando 'Welfare in Azione' di Fondazione Cariplo, vuole dar vita a una rete per diffondere esperienze e progetti di welfare 'dal basso'
07 ottobre 2019

Nasce a Pavia La Scuola dei Laboratori Sociali. Ideata dal progetto Fare #BeneComune (cofinanziato dal programma Welfare in Azione di Fondazione Cariplo e promosso dal Consorzio Sociale Pavese), l’iniziativa è rivolta a operatori dei servizi sociali e culturali pubblici e del privato sociale, a volontari e attivisti, ad amministratori e a cittadini impegnati - a Pavia e nel territorio del Consorzio Sociale Pavese - nella costruzione di una rete di luoghi di promozione sociale e culturale e nello sviluppo di iniziative di welfare di comunità.

Obiettivo della Scuola è quello di consolidare esperienze, idee e strumenti per costruire spazi e luoghi per il welfare, mettendo a confronto chi è impegnato a vario titolo nello sviluppo dei Laboratori Sociali pavesi con testimoni privilegiati che - in diverse realtà italiane - operano in contesti analoghi: case di quartiere, laboratori urbani, spazi di partecipazione civica, centri culturali e di promozione dei legami comunitari.

Attraverso il confronto con altre esperienze, la Scuola intende focalizzare alcune questioni rilevanti nella costruzione della rete pavese dei Laboratori Sociali:

  • come aprire i Laboratori Sociali e renderli luoghi di incontro, opportunità, protagonismo civico, spazi per il nuovo welfare di comunità?
  • come gestire i Laboratori Sociali, costruire relazioni con le persone e le organizzazioni che vi accedono, dare continuità alle attività?
  • come governare, costruire e mantenere la rete territoriale e come garantire le collaborazioni intersettoriali necessarie per lo sviluppo del welfare locale?

I partecipanti si confronteranno con: Massimo Conte (Codici Ricerca e Intervento, Milano), che aprirà la Scuola mercoledì 23 ottobre con un intervento su I luoghi del welfare di comunità; Federico Gaudimundo (#Oltreiperimetri, Rho), che presenterà l’esperienza degli #OP Café di Rho e del rhodense (mercoledì 30 ottobre); Michele d'Alena (Fondazione Innovazione Urbana, Bologna), che parlerà di Immaginazione Civica (mercoledì 6 novembre); Lucia Tringali (Librotondo, Genova), che introdurrà Casa Gavoglio Civico 41 (mercoledì 13 novembre); Daniela Farioli (Comune di Milano) e Massimo Zerbeloni (operatore di comunità), che illustreranno il caso del Laboratorio di Quartiere Mazzini al Corvetto (mercoledì 20 novembre); Erika Mattarella (Liberitutti, Torino), che discuterà I Bagni Pubblici di Via Agliè e le Case di Quartiere a Torino (mercoledì 27 novembre).

La Scuola si chiude sabato 30 novembre (mattina) con la visita del Laboratorio di Quartiere Giambellino-Lorenteggio a Milano, sotto la guida di Alice Ranzini, socia del Laboratorio. La Scuola è coordinata e gestita dal Centro Servizi Formazione, partner di Fare #BeneComune.


A questo link è possibile consultare il programma completo della Scuola dei Laboratori Sociali
 


Per informazioni e iscrizioni telefonare al Centro Servizi Formazione (0382.16931) o compilare il modulo sul sito www.csf.lombardia.it
La Scuola, gratuita e accreditata per gli assistenti sociali, si sviluppa in due edizioni parallele:
- dalle 14 alle 17 (per i partecipanti che intendono frequentare in orario di lavoro);
- dalle dalle 17.30 alle 20.30 (per i partecipanti che intendono frequentare in orario extralavorativo).
Per ciascuna edizione, sono previsti sei incontri a cadenza settimanale e una visita didattica, per complessive venti ore di impegno.
Ogni edizione è riservata a un massimo di venti partecipanti.
Orari degli incontri: dalle 14:00 alle 17:00 (edizione 1); dalle 17:30 alle 20:30 (edizione 2).
Sede degli incontri: Centro Servizi Formazione via Riviera 23, Pavia.

 


QuBì: chi sono e cosa fanno le ''assistenti sociali di comunità''

Verso una comunità che cura: l'esperienza de ''La Bottega del Possibile'' sul territorio di Orbassano

Valoriamo, a Lecco il rilancio del lavoro passa dal welfare aziendale

Welfare comunitario: dinamiche ed esperienze su cui riflettere

Welfare di comunità: siamo pronti?

Biblioteche e welfare socioculturale: l'esperienza del sistema CUBI