Stampa articolo
Le politiche temporali in Lombardia e nel territorio dell’ATS Insubria

Il rapporto di ricerca “Le politiche temporali in Lombardia e nel territorio dell’ATS Insubria” è stato realizzato da Percorsi di secondo welfare su incarico di Variazioni srl e nel quadro dell’azione di sistema “Agenti di rete” prevista dal Piano territoriale di conciliazione 2020-2023 del territorio dell’ATS Insubria.

Obiettivi

La ricerca in oggetto si è posta due obiettivi. Il primo è quello di fornire un quadro delle politiche temporali realizzate nel territorio dell’ATS Insubria considerando in particolare i Comuni che hanno adottato un Piano Territoriale degli Orari (PTO) successivamente all’introduzione della Legge Regionale n. 28/2004 che ha disciplinato la materia e ai relativi bandi regionali di finanziamento. Il secondo obiettivo è quello di indagare il ruolo che le ATS possono giocare nel promuovere l’integrazione fra le politiche temporali e le politiche di conciliazione alla luce del mandato che hanno ricevuto con la D. g. r. XI/2398 del 11 novembre 2019 che ha previsto la possibilità di finanziare gli interventi legati alle politiche temporali nell’ambito dei progetti presentati dalle Alleanze locali all’interno dei Piani Territoriali di Conciliazione vita e lavoro.

Metodologia

La ricerca è stata realizzata nel periodo compreso fra gennaio e aprile 2021 attraverso un’analisi documentale e grazie alla realizzazione di interviste in profondità. La documentazione relativa alle politiche temporali in Lombardia ha riguardato principalmente le relazioni elaborate dalla Regione in attuazione della Legge regionale 28/2004 che, all’articolo 8, ha previsto una clausola valutativa per tali politiche. In linea con questa previsione normativa la Giunta Regionale ha trasmesso al Consiglio una relazione sull’attuazione della legge regionale e sui risultati da essa ottenuti nel 2011, nel 2016 e nel 2019. Le interviste in profondità sono state complessivamente nove e hanno coinvolto due referenti di Regione Lombardia, e sette referenti delle politiche temporali a livello comunale. Dei sette Comuni coinvolti, quattro appartengono al territorio dell’ATS Insubria (Caronno Pertusella, Gallarate, Saronno e Varese) e tre sono esterni a tale territorio (Bergamo, Cremona, Pavia).

Contenuti

Il documento si articola in quattro sezioni. La prima inquadra le politiche temporali nel contesto nazionale evidenziando come tali politiche si siano sviluppate a partire dalla fine degli anni Ottanta e siano poi diventate, nel 2000, oggetto di una specifica legge nazionale. La seconda sezione si concentra sulle politiche temporali in Regione Lombardia analizzando le caratteristiche della legge regionale dedicata ai tempi e agli orari, i finanziamenti e le azioni che sono effettivamente state realizzate; gli sviluppi più recenti di questa politica con particolare riferimento al ruolo attribuito alle ATS. La terza è dedicata all’analisi di quanto realizzato nel territorio dell’ATS Insubria e nei tre Comuni esterni al territorio che, come detto, sono stati oggetto del presente studio. Il rapporto si chiude con una riflessione sul ruolo strategico che le ATS possono giocare, da un lato, nel promuovere la continuità delle politiche temporali nei Comuni che hanno adottato un PTO e, dall’altro, nell’offrire l’opportunità ai Comuni che intendono adottarlo di avviare azioni sperimentali che possono poi confluire nel PTO.