PRIMO WELFARE / Innovazione Sociale
Rivista delle Politiche Sociali: un nuovo numero su innovazione sociale e attore pubblico
Nel volume anche un contributo di Franca Maino e Federico Razetti su Long Term Care
28 maggio 2019

È dedicato all’innovazione sociale e al ruolo dell’attore pubblico il focus monografico del n. 1 2019 della Rivista delle Politiche Sociali. In particolare i contributi pubblicati ragionano sul confine tra integrazione e sostituzione nei rapporti con gli attori auto-organizzati e su quanto e in che misura si sia di fronte a risposte che innalzano la qualità dell’azione pubblica, e a quali condizioni. Da angolature diverse e con prospettive di analisi differenti i contributi esaminano esperienze di innovazione sociale in Italia e in alcuni paesi europei su diversi ambiti di policy. Senza pretese di esaustività (dato anche l’oggetto di analisi) essi forniscono chiavi di lettura utili a mettere a fuoco il rapporto tra la dimensione dell’innovazione, quella organizzativa e l’implementazione, spesso trascurata nel policy design. In questa ottica le pratiche esaminate contribuiscono a definire un ambito di ricerca-azione che può dare spunti per l’analisi delle politiche pubbliche.

Di Europa e di rilancio delle infrastrutture sociali si discute invece nella sezione Attualità con tre contributi sul tema, mentre, a partire dall’ultimo Rapporto Oxfam, la sezione Dibattito ospita due articoli da cui emerge evidente la fotografia di una Italia che non va, stretta tra disuguaglianze crescenti, impoverimento, sfiducia. Chiude il numero un articolo che torna a occuparsi di giovani generazioni e del ruolo delle politiche pubbliche nel ritardo italiano.


Long term care: riflessioni e spunti dall’Ue, fra innovazione e investimento sociale

Nel volume anche un articolo di Franca Maino e Federico Razetti su “Long term care: riflessioni e spunti dall’UE, fra innovazione e investimento sociale”. Tra le sfide più spesso evocate per giustificare la necessità di stimolare processi di innovazione sociale (Is) vi sono quelle legate al rapido invecchiamento demografico e ai conseguenti bisogni di assistenza di lungo periodo (Ltc) della popolazione anziana. L’articolo intende proporre una riflessione sui nessi analitico-concettuali e di policy fra Is e misure di Ltc. Dopo aver delineato la portata delle pressioni funzionali esercitate dal processo di invecchiamento demografico sul sistema italiano di protezione sociale, ricostruisce il policy framework sviluppato negli ultimi anni dall’Unione europea. Si considerano sia le linee guida promosse dall’Unione attraverso diversi documenti ufficiali sia i principali progetti di ricerca finanziati dall’Ue sui temi dell’Ltc e dell’innovazione. Concludono alcune riflessioni sul caso italiano, letto in controluce rispetto al policy framework europeo.


La rivista, in uscita, potrà essere acquistata
sul sito di Ediesse

 


Il quadro delle risorse per la Long-Term Care a partire dai principali rapporti di settore

WelComTech, come la tecnologia può favorire l'autonomia degli anziani

Badanti, patrimonio da tutelare

Innovazione sociale: in estate un bando per il finanziamento di progetti comunali e metropolitani

Il Parlamento europeo ha approvato la direttiva sul work-life balance

Beyond Imagination: a socially innovative Europe