FONDAZIONI /
Emergenza Coronavirus: da Fondazione CRC mezzo milione di euro per la sanità regionale
La Fondazione di Cuneo metterà a disposizione un fondo per supportare il sistema sanitario locale. Saranno coinvolti tecnici e professionisti delle ASL territoriali per la gestione dei fondi
10 marzo 2020

La Fondazione CRC metterà a disposizione 500 mila euro per supportare lo sforzo straordinario che il sistema sanitario della provincia di Cuneo sta sostenendo per fronteggiare la diffusione del Coronavirus Covid-19.

A deliberarlo è stato il Consiglio d’Amministrazione di Fondazione CRC nella mattina del 9 marzo. Nel corso della giornata sono stati poi informati dell’iniziativa il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, l’Assessore alla Sanità di Regione Piemonte, Luigi Icardi, e i Direttori generali delle due ASL della provincia di Cuneo (CN1 e CN2) e dell’Azienda Ospedaliera Santa Croce e Carle, i quali hanno espresso l’apprezzamento per l’iniziativa di grande utilità in questo momento.

Le modalità di gestione delle risorse saranno definite attraverso il coinvolgimento dei tecnici e dei professionisti delle aziende sanitarie del territorio. L'obiettivo è infatti quello di individuare le modalità più opportune di utilizzo dei fondi in base alle necessità più impellenti di cura riscontrate in questi giorni dalle autorità sanitarie.

Il sistema sanitario della nostra provincia è di grande livello e sta operando uno sforzo straordinario per affrontare l’emergenza del Corona virus. La Fondazione CRC intende sostenere le misure attuate in questi giorni mettendo a disposizione una prima somma immediatamente disponibile per le esigenze più urgenti, così da garantire la possibilità di cura per tutte le persone colpite dal virus”, ha commentato il presidente della Fondazione CRC, Giandomenico Genta.


 


Generare risorse, restituire energie: il Bilancio di mandato 2016-2020 di Fondazione CRC

Cuneo, la Fondazione CRC promuove un bando per il sostegno alla domiciliarità e il contrasto alle fragilità

Dall’innovazione al cambiamento: una nuova sfida per le Fondazioni di origine bancaria