PARTI SOCIALI /
Confartigianato Lombardia investe sulla Responsabilità Sociale di Impresa
Con l'approvazione della Prassi di Riferimento della UNI ISO 26000 "in chiave artigiana" , la Confederazione rafforza i suoi sforzi sul fronte della RSI
28 novembre 2018

Nei giorni scorsi è stata pubblicata la nuova prassi di riferimento UNI/PdR 51:2018 “Responsabilità sociale nelle Micro e Piccole Imprese (MPI) e nelle imprese artigiane, ovvero imprese a valore artigiano – Linee guida per l’applicazione del modello di responsabilità sociale secondo UNI ISO 26000” realizzata da UNI - Ente Italiano di Normazione in collaborazione con Confartigianato Lombardia. Si tratta, in poche parole, della declinazione "in chiave artigiana" della UNI ISO 26000, la "Guida alla responsabilità sociale" che fornisce indicazioni su concetti, termini e definizioni relativi alla Responsabilità Sociale condivise a livello internazionale, e che va a combinarsi con quanto già previsto nella UNI/PdR 18:2016 “Responsabilità sociale delle organizzazioni - Indirizzi applicativi alla UNI ISO 26000”.

Come ha ha spiegato il Presidente di Confartigianato Lombardia, Eugenio Massetti, l'approvazione di questa prassi "è l’esito di un percorso nato nella convinzione che la responsabilità sociale sia una fondamentale leva strategica per la crescita competitiva delle imprese a valore artigiano. Intraprendere la strada verso una visione di Responsabilità Sociale d’Impresa più sistematica e gestita con strumenti manageriali si traduce, per un’impresa, in una possibilità concreta di comunicare in modo trasparente con i propri stakeholders, guadagnando credibilità, e di valutare e far valutare la propria capacità di concorrere alla crescita non solo del proprio business, ma dell’intero tessuto economico-sociale in cui si opera, in una logica win-win”.

L'approvazione della Prassi di Riferimento è il punto di arrivo del percorso iniziato da Confartigianato Imprese Lombardia con il progetto “A.RES – Artigiani RESponsabili”, realizzato nell’ambito dell’Accordo di programma Convenzione Artigianato, e che ha portato allo sviluppo di due strumenti operativi a supporto delle MPI e delle imprese artigiane: il “Cruscotto della RSI”, quale strumento di supporto alla valutazione del grado di responsabilità sociale dell’impresa e la “Carta dei Valori”, Manifesto etico dell’impresa finalizzato a comunicare i lavori dell’impresa agli stakeholder". 


Maggiori informazioni sono disponibili sul sito di Confartigianato Lombardia

 

 


Perché Confartigianato vuole essere protagonista del secondo welfare?

Riallacciare il legame tra welfare e territorio: la proposta che viene da Confartigianato

Il welfare a misura di artigiani

Confartigianato Cesena: si diffonde il welfare nelle imprese della provincia

E ora Confartigianato Imprese punta sul nuovo welfare

Roma, accordo tra Comune e Confartigianato contro lo spreco alimentare