lavoro

Il primo numero 2021 della rivista di SRM e Fondazione CON IL SUD è interamente dedicato al ruolo che l'economia sociale ha avuto durante l'emergenza sanitaria. Tra gli articoli presenti ce ne è uno che approfondisce le questioni dell'abitare collettivo e dell'housing sociale, scritto dalla nostra Chiara Lodi Rizzini.
L’accesso a servizi educativi di qualità fin dalla primissima infanzia ha un impatto rilevante sulle opportunità di sviluppo futuro. Dare a tutti i bambini le medesime opportunità di apprendimento, a partire dagli asili nido, permette quindi di evitare l’acuirsi delle disuguaglianze tra famiglie con background socio-economici differenti.
Che Next Generation EU, dedicato alla prossima generazione europea, finisse per finanziare gli asili nido era quasi scontato. Il punto è come, dove e con quale efficacia il nostro Paese sarà in grado di usare quelle risorse attraverso il PNRR. Ne parliamo su Buone Notizie del Corriere della Sera.
Secondo la direttrice di Secondo Welfare, le imprese che avevano già; un sistema di welfare e conciliazione avviato hanno affrontato meglio la crisi pandemica. Ora però la sfida è la flessibilità.
Per le imprese che scelgono di investire nel welfare, nel corso del 2020 e del 2021 il Legislatore e l’Agenzia delle Entrate sono intervenuti in più casi per apportare delle modifiche alla normativa che regola il welfare aziendale. In questo articolo vi raccontiamo le principali novità, che vanno dal raddoppio della soglia per i fringe benefit, al rimborso per l’acquisto di device per la DaD, fino al Premio di Risultato.
La Fondazione Marco Vigorelli ha pubblicato il Quaderno “Anziani, nonni e conciliazione famiglia-lavoro” curato da Maria Novella Bugetti e da Franca Maino, docenti dell'Università degli Studi di Milano. Il volume analizza da diversi punti di vista il ruolo degli anziani-nonni nel campo del welfare, interrogandosi sulla sostenibilità di un sistema che ricorre a pratiche di conciliazione che vedono al centro i nonni.
Il welfare è una opportunità per imprese e lavoratori, ma può innescare possibilità interessanti anche per i territori e le comunità locali generando percorsi di innovazione sociale.
La pandemia ha sconvolto il mondo del lavoro, ma il welfare aziendale resta tra le priorità. Anche se occorre ridurre le disuguaglianze. Ne parliamo nella nostra inchiesta su Buone Notizie.
Per fronteggiare la nuova fatica professionale imposta dal ricorso intensivo alle videoconferenze può essere molto utili iniziare con il piede giusto. Qui qualche spunto operativo per farlo.