Gli interventi di accoglienza integrata e la ricaduta sui territori
In seguito alla ridefinizione del sistema di accoglienza, lo SPRAR ha assunto una nuova veste. Questo sistema sarà ora destinato ad occuparsi, oltre che di protetti internazionali, di minori non accompagnati, persone vittime di tratta e sfruttamento ma anche di persone interessate da problemi medico-sanitari di varia entità. Ma, nel corso degli scorsi anni, che impatti hanno generato i progetti del circuito SPRAR? Questo contributo cerca di fare il punto presentando i risultati di una ricerca che ha interessato oltre 1.000 esperienze di SPRAR.
 
Housing first: a Bologna il progetto per dare una casa ai senzatetto
Sono 64 le persone senza dimora che, a Bologna, ora hanno l’opportunità di avere una casa. Ciò è stato possibile grazie al progetto "Housing first - Co.Bo", promosso dal Comune di Bologna e della cooperativa sociale Piazza Grande, il quale ha permesso ad alcune persone in situazione di esclusione abitativa grave di avere accesso ad appartamenti ad affitti ridotti.
 
Pane e tulipani di periferia: a Milano crescono i cittadini-giardinieri
Il Comune di Milano, avvalendosi del supporto di Labsus per il programma «Lacittàintorno» di Fondazione Cariplo, nel quartiere Mazzini ha testato un modello di «patto» con i cittadini per il «Bene comune» che ha dimostrato di poter funzionare, mettendo in moto le energie sane di un quartiere drammaticamente problematico. | Paola D'Amico, Corriere Buone Notizie, 27 giugno 2019
 
Green School: la rete di scuole eco-attive per la sostenibilità ambientale
Green School è un progetto nato nel 2009 in provincia di Varese per favorire la nascita di reti territoriali diversificate e multidisciplinari di soggetti che sostengono l’educazione allo sviluppo sostenibile e per certificare le scuole che si impegnano sul fronte della tutela dell'ambiente. Dopo dieci anni di sperimentazioni, dal prossimo anno scolastico il progetto sarà diffuso anche a livello regionale attraverso 'Green School: rete lombarda per lo sviluppo sostenibile'.
 
Ripartire dalle periferie si può: spunti dalla seconda Conferenza Nazionale sulle Periferie promossa da Fondazione Bracco
A Palermo si è svolta la Seconda Conferenza Nazionale sulle Periferie Urbane, organizzata da Fondazione Bracco con la partecipazione del Comune di Palermo e in collaborazione con Nesta Italia. Il suo scopo? Continuare la riflessione sulle periferie iniziata lo scorso anno ed individuare strategie di sviluppo urbano nell'ottica della rigenerazione, promuovendo la condivisione di buone pratiche e mettendo in rete attori pubblici e privati.
 
Co-housing, a Treviso apre la casa per padri separati
A Treviso ha preso il via il progetto "Casa per i papà", un'iniziativa di co-housing per padri separati o in condizioni di fragilità. Il progetto, promosso dal CSV di Treviso insieme al Comune e una rete di associazioni, è pensato per offrire ai padri un sostegno temporaneo all'esigenza di un’abitazione a costo accessibile, in un ambiente dignitoso e adatto ad accogliere e ospitare i figli.
 
Cenni di cambiamento: una comunità per crescere
Un complesso residenziale che presenta una caratteristica unica nel suo genere: ogni luogo, ogni spazio e ogni servizio sono parte di un più ampio progetto complessivo, finalizzato a promuovere la convivenza, la collaborazione, il reciproco sostegno e la condivisione all’interno della comunità. Si tratta dell’esperienza di housing sociale “Cenni di cambiamento” di Milano, approfondita nel numero 1/2019 di Rivista Solidea.
 
Social housing, negli ultimi dieci anni investiti 1,5 miliardi
In Italia per 4,9 milioni di famiglie (il 19,5% del totale), 14,3 milioni di persone, l’accesso alla casa è difficoltoso. Anche per tale ragione nelle principali aree metropolitane italiane sono partiti numerosi progetti di social housing che garantiscono canoni di affitto convenzionato inferiori del 30%-40% rispetto al mercato libero. Proprio per l'housing sociale in Italia sarebbero stati investiti circa 1,5 miliardi di euro negli ultimi 10 anni | Vita.it, 30 maggio 2019
 
La Regione Emilia-Romagna lancia la quinta edizione del Premio Innovatori Responsabili
Innovatori Responsabili è il premio con cui la Regione Emilia-Romagna valorizza le iniziative che concorrono all’attuazione degli obiettivi dell’Agenda 2030 dell'ONU. Il premio si rivolge alle realtà più innovative che stanno investendo nella propria organizzazione per produrre prodotti e servizi capaci di coniugare competitività e sostenibilità. Per partecipare alla quinta edizione è possibile presentare le candidature dal 21 maggio al 28 giugno 2019.
 
A Modena nasce una rete per promuovere un welfare aziendale sempre più inclusivo e aperto
Lo scorso aprile è partito ufficialmente il progetto Rete Welfare Aziendale di Modena. Si tratta di un intervento promosso in prima battuta dal Comune e dalla Provincia di Modena, a cui hanno aderito le parti sociali e circa 50 imprese del territorio, volto a promuovere la diffusione di azioni di welfare aziendale integrate con l'offerta di welfare locale, privata e proveniente dal Terzo Settore. Valentino Santoni ci racconta in che cosa consiste questa iniziativa.
 
A Milano torna la Settimana del Lavoro Agile
Anche quest'anno il Comune di Milano ha voluto rinnovare il proprio impegno per la diffusione dello smart working promuovendo la terza Settimana del Lavoro Agile, che si svolgerà dal 20 al 24 maggio. L'obiettivo è consolidare l'immagine di Milano come modello di riferimento nazionale per le buone pratiche di smart working e contribuire alla riflessione sulla necessità di un cambiamento culturale che metta al centro il lavoro agile.
 
Il tempo del #Dove
Flaviano Zandonai e Paolo Venturi hanno scritto "Dove", il nuovo libro in cui hanno cercato di identificare caratteristiche e peculiarità dei cambiamenti sociali legati alla dimensione del luogo. Da luoghi rigenerati possono infatti nascere nuove "infrastrutture sociali" capaci di coagulare spazio, territorio, relazioni e scambi per un’economia di mercato che diventa coesiva, un governo pubblico che vuole farsi partecipativo e plurale, una società civile che si organizza per sviluppare nuovi paradigmi.
 
Networking 2.0. Il territorio si prende cura del territorio
Il progetto Networking 2.0 è un'azione di welfare aziendale territoriale sviluppata all'interno del Piano territoriale per la conciliazione di ATS Bergamo. Nato nel biennio 2014-2016, il progetto si è sviluppato anche nel Piano territoriale successivo ed è attualmente in corso. Abbiamo incontrato Luciano Trapletti, Presidente del Consorzio Servizi Val Cavallina, e Danilo Mazzola, Segretario Cisl Bergamo, che ci hanno raccontato genesi, sviluppo e prospettive di questo progetto.
 
Le nuove forme dell'abitare, la Rivista delle Politiche Sociali dedica un numero all'housing
Nel corso degli ultimi anni, anche a causa degli effetti della recente crisi economico-finanziaria, l'interesse verso il fenomeno dell'housing è progressivamente cresciuto. Oltre all'opinione pubblica e ai policy maker, anche la comunità accademia si sta sempre più interessando al fenomeno. Anche per questa ragione l'ultimo numero 2018 di Rps, La Rivista delle Politiche Sociali, è dedicato al tema "Le nuove forme dell'abitare e la questione abitativa".
 
In Lombardia alcune imprese agricole fanno rete per promuovere welfare e conciliazione vita-lavoro
Qualche tempo fa vi abbiamo parlato del progetto E-Net: Equilibrio vita-lavoro in RETE. L'iniziativa, promossa nell'ambito del Piano territoriale di conciliazione di ATS Milano, si propone di sostenere iniziative di welfare aziendale e di work-life balance negli ambiti territoriali dell'Altomilanese. In questo articolo vi raccontiamo nel dettaglio le misure realizzate da una rete di imprese appartenenti al settore agricolo.
 
Welfare aziendale: il Piemonte sostiene le reti territoriali con un nuovo bando
La Regione Piemonte ha pubblicato il sesto e ultimo bando di WeCaRe, la strategia regionale per l'innovazione sociale. Il bando promuoverà la progettazione e l'attivazione di interventi di welfare aziendale con particolare riguardo verso iniziative inter-aziendali e di apertura verso i territori. Elisabetta Cibinel ci racconta gli elementi principali del bando, che resterà aperto fino al 13 settembre.
 
Corte Grande di Canedole: un nuovo progetto nella provincia mantovana
A Canedole di Roverbella, in provincia di Mantova, è stato avviato un nuovo progetto di innovazione e housing sociale. Fondazione GAT, principale promotrice dell'iniziativa, intende ristrutturare un'antica tenuta rurale e realizzare 150 alloggi, un'area commerciale, un'area direzionale ed agricola, con un presidio medico infermieristico al servizio dei residenti. Il progetto prevede inoltre l'utilizzo dei terreni circostanti per attività di agricoltura sociale.
 
Nasce la prima piattaforma per soluzioni abitative temporanee di social housing
A Torino è stata presentata ioabitosocial, la prima piattaforma senza fini di lucro dedicata alla ricerca di soluzioni abitative temporanee di social housing presenti sul territorio nazionale. L'obiettivo è diventare il portale di riferimento per i possibili fruitori in termini di ricerca e verifica disponibilità di una soluzione abitativa di questo genere. Ce ne parla la nostra Chiara Lodi Rizzini.
 
Nell'Altomilanese è stato firmato un accordo interaziendale di conciliazione vita-lavoro tra imprese agricole
Nell'ambito del progetto E-Net: Equilibrio vita-lavoro in RETE, iniziativa parte del Piano territoriale di Conciliazione di ATS Milano, è stato firmato un accordo interaziendale tra sei aziende agricole per promuovere interventi di welfare aziendale. Si tratta di un protocollo interessante perché promuove un network tra realtà produttive di un settore, quello agricolo, molto complesso in tema di servizi di welfare.
 
I diritti delle persone con disabilità: la Regione Piemonte approva una nuova legge
In Piemonte è entrata in vigore una nuova Legge sulla "Promozione delle politiche a favore dei diritti delle persone con disabilità". La norma trasferisce nel contesto regionale i principi essenziali in materia, stabiliti dalla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità del 2006, e intende promuovere azioni, politiche e strategie comunicative sempre più inclusive e attente allo sviluppo di capacità e opportunità delle persone con disabilità.
 

 
Pagina 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18