TERZO SETTORE /
Finanza e Terzo settore: pubblicata l'ottava edizione dell’Osservatorio UBI Banca
Il Rapporto, realizzato con il supporto scientifico di AICCON, monitora il fabbisogno finanziario dei diversi soggetti che compongono l’imprenditorialità sociale italiana

UBI Banca, con il supporto scientifico di AICCON, nei giorni scorsi ha presentato l'ottava edizione dell’Osservatorio UBI BANCA su “Finanza e Terzo Settore”, nato con l’obiettivo di monitorare in maniera continuativa lo stato e l’evoluzione del fabbisogno finanziario dei diversi soggetti che compongono l’imprenditorialità sociale italiana ed in generale il Terzo Settore.

Secondo i dati raccolti dall’indagine le previsioni per il 2019 si confermano quanto mai positive: il 69,2% e il 74,8% dei soggetti prevede rispettivamente entrate da contributi ed Enti Pubblici e da mercato stabili o in crescita. In evidenza il dato sulle S.r.l. con qualifica di impresa sociale: il 79,3% prevede una situazione stabile o in crescita circa le entrate derivanti dalla vendita di beni e servizi sul mercato, con il 34,5% di questo tipo di soggetti sicuri di un miglioramento. Il rapporto conferma inoltre che la prima fonte di copertura degli investimenti effettuati negli ultimi 3 anni è costituita dagli istituti bancari (43,3%) che superano, seppur di poco, l’autofinanziamento (40,7%). In evidenza l’indicazione di soggetti privati tra le modalità utilizzate per coprire gli investimenti effettuati, dichiarata dall’8,2% dei soggetti intervistati.

Buone notizie arrivano per quanto riguarda le prospettive future: 2 organizzazioni su 3 prevedono, infatti, investimenti per il 2019. Nel 52,2% dei casi i soggetti intervistati pensano di coprire con l’autofinanziamento, seguito dall’affidamento agli istituti bancari (28,8%); anche in questo caso in evidenza l’indicazione di soggetti privati tra le fonti di copertura (9%) – preferita soprattutto, come prevedibile, dalle S.r.l. con qualifica di impresa sociale e in aumento rispetto alle precedenti edizioni per quanto riguarda il mondo della cooperazione sociale.


Clicca qui per scaricare l'indagine