2 ' di lettura
Stampa articolo

Eudaimon – provider di welfare aziendale di cui vi abbiamo parlato in un nostro approfondimento – grazie alla partnership con la rete ComeTe – realtà che abbiamo trattato qui – ha ideato il servizio per le aziende "Altuofianco", un’iniziativa che offre un supporto ai lavoratori nella gestione delle situazioni di fragilità familiari.

“Altuofianco” si propone di accompagnare il lavoratore nella scelta di servizi di assistenza familiare, socio-assistenziali, educativi e di orientamento alla gestione di situazioni legate al quotidiano. In particolare, il servizio consentirà di entrare in contatto con una figura esperta – il c.d. Care Manager – che si occuperà di analizzare le caratteristiche del bisogno espresso e co-progetterà con la famiglia un servizio su misura. Attraverso contatti periodici, accompagnerà inoltre il lavoratore e la sua famiglia lungo tutto il percorso di cura, anche dopo l’attivazione del servizio.

Gli ambiti d’intervento del servizio sono molteplici: si va dalla richiesta di informazioni riguardo specifici interventi assistenziali alla ricerca di agevolazioni economiche e sussidi, dalla ricerca di babysitter e servizi di cura per i più piccoli all’assistenza specializzata – medica, infermieristica, fisioterapica, logopedica, riabilitativa – per anziani o disabili, fino alle consulenze di natura psicologica e educativa.

La sinergia con il mondo della cooperazione sociale

Come detto, il servizio è implementato da Eudaimon attraverso la collaborazione con la rete ComeTe, realtà del Terzo Settore diffusa su tutto il territorio del nostro Paese anche grazie a percorsi di collaborazione con altri consorzi e reti di cooperative sociali. In questo caso la cooperazione sociale si presenta dunque come anello di congiunzione tra il welfare territoriale, espressione dei servizi pubblici locali in cui opera in regime di convenzione o accreditamento, e il welfare aziendale.

Una dinamica che, come abbiamo già avuto modo di evidenziare, riguarda un numero crescente di realtà del privato sociale. E che conferma come il mondo della cooperazione possa oggi svolgere un ruolo decisivo per lo sviluppo del welfare aziendale. Grazie alla possibilità di sfruttare le proprie reti e grazie al know how messo in campo, l’intervento delle realtà appartenenti al settore della cooperazione sociale consente, da un lato, l’implementazione di servizi efficienti e innovativi e, dall’altro, la generazione di un circolo virtuoso con il territorio grazie al coinvolgimento dei sistemi territoriali in una logica sussidiaria.