Rassegna Stampa
Privati

Workcation: smart working in viaggio nei borghi più belli d’Italia

Diana Cavalcoli, Corriere della Sera, 21 novembre 2021
< 1 ' di lettura
Stampa articolo
Vai all’articolo

Lavorare in smart working da alcuni dei borghi più belli d’Italia. È l’esperimento portato avanti da Everli, sito marketplace che si occupa di spesa online. Ascoltando le esigenze dei propri lavoratori l’azienda ha sviluppato un progetto con il Comune di Montepulciano, che prossimamente si estenderà poi ad altri paesi e città, per garantire la possibilità di fare workcation, ovvero “smart working in viaggio“.

I 300 lavoratori di Everli, spiega Diana Cavalcoli su L’Economica del Corriere della Sera, avranno un budget annuale – parte del proprio piano di welfare – che potranno spendere in quello che è concepito come un mix tra lavoro (work) e vacanza (vacation). Appunto, workcation. L’obiettivo è offrire al personale delle settimane di lavoro in viaggio” che guardino al benessere delle persone offrendo in parallelo nuove possibilità di sviluppo turistico per i borghi italiani.

Il progetto si appoggia a Smartway, startup nata proprio a Montepulciano, che avrà cura di mettere insieme le esigenze dell’azienda, dei lavoratori e delle realtà locali creando comunità ibride composte da remote workers e locals workers, attraverso un’offerta di spazi di coworking, alloggi e servizi a misura di questa modalità sui generis di lavoro da remoto.

Smart working, lavorare dai borghi più belli d’Italia? Si può. L’esperimento di Montepulciano
Diana Cavalcoli, Corriere della Sera, 21 novembre 2021