PRIMO WELFARE / Lavoro
Decalogo del lavoro virtuale: consigli per chi non sta fisicamente in ufficio
La Stampa, 9 marzo 2015
09 marzo 2015

Grazie alla tecnologia sempre più persone nel mondo lavorano a distanza, svolgendo di fatto quello che normalmente viene indicato come smart working. Per fronteggiare adeguatamente questa nuova tendenza Kelly Services Italia, agenzia per il lavoro, ha stilato una lista di consigli per chi deve sostenere colloqui da remoto e per chi lavora già con questa modalità. «Alcuni ruoli sono virtuali per loro stessa natura - recita il decalogo di Kelly Services - e tutto può cominciare da un colloquio di lavoro via Skype o in teleconferenza».
   

Decalogo del lavoro virtuale: consigli per chi non sta fisicamente in ufficio
La Stampa, 9 marzo 2015

 

Potrebbe interessarti anche:

La rivoluzione di Siemens: stop a timbrature e orari fissi per meglio conciliare vita e lavoro

Lo smart working piace a solo il 7% degli italiani: sarà vero?

Dalle quote allo smart-working Ecco perché la parità dei diritti stimola la crescita economica

La Prima Giornata del Lavoro Agile di Milano