POVERTÀ ALIMENTARE /
A New York la rivoluzione dell’agricoltura urbana
Livia Fabietti, La Stampa, 29 marzo 2016
07 aprile 2016

New York, è sempre e comunque una fonte inesauribile di novità. Ad esempio, orti urbani e serre idroponiche stanno nascendo sui tetti dei grattacieli, dei supermercati, negli spazi lasciati dalle fabbriche dismesse.

I vantaggi dell’agricoltura idroponica sono notevoli, si riduce l'inquinamento nonchè i rifiuti, si evita la dispersione dell'acqua, si lotta contro il riscaldamento globale e si migliora la sicurezza alimentare etc. Si tratta insomma di una soluzione interessante in quanto, sebbene la città possa avvalersi di una ricca, ricchissima offerta alimentare, mai prima d’ora i cittadini avevano avuto modo di reperire prodotti freschi coltivati a livello locale in inverno, periodo critico date le rigide temperature con cui sono soliti misurarsi.

Novità che potrebbe favorire anche il cambiamento di mentalità di un paese così ancora fortemente legato ai gettonattissimi fast food.

 

A New York la rivoluzione dell’agricoltura urbana 
Livia Fabietti, La Stampa, 29 marzo 2016 

 

 


Agricoltura urbana e orti sociali per costruire città sostenibili

A Berlino la fattoria è in città

Mille giovani del servizio civile nazionale per l'agricoltura sociale
 
NON compilare questo campo