TERZO SETTORE /
Nasce SlowHack, il primo hackathon 'lento' dedicato alla sostenibilità e all'impatto sociale
Il concorso, promosso da Ashoka Italia, si terrà dal 6 al 12 luglio. C'è tempo per iscriversi fino al 5 luglio
26 giugno 2020

La rete internazionale di imprenditori sociali innovativi Ashoka sta promuovendo in Italia il concorso "SlowHack", il primo hackathon "lento" interamente dedicato ai temi della sostenibilità e dell'impatto sociale. L'iniziativa si svilupperà interamente online dal 6 al 12 luglio. I partecipanti, costituiti in team di lavoro di minimo 3 e massimo 7 persone, dovranno generare hacking solution alle sfide proposte, relative ad alcune tematiche di interesse generale, come: salute e benessere, educazione, comunità rurali e aree interne, connettività e reti.

I team partecipanti saranno guidati nel loro lavoro da un responsabile d'area, appartenente allo staff di Ashoka, da un coordinatore scientifico e da tutor tecnici, esperti delle tematiche oggetto delle challenge e degli strumenti per portare a termine la proposta. Ciascun team potrà organizzare il proprio lavoro autonomamente, utilizzando tutti gli strumenti di comunicazione online gratuiti. I team dovranno presentare la propria proposta allegando documenti, video, foto, illustrazioni e altri materiali.

La commissione valutatrice sarà composta dai responsabili d’area, dai coordinatori scientifici e dai mentor e nominerà un vincitore per ciascuno dei 4 filoni dello Slow Hack. Ciascuno dei 4 team vincitori riceverà un voucher del valore di 500 euro, mentre uno solo di questi riceverà un premio speciale "Lazio Innova" di ulteriori 500 euro in voucher.

L'iniziativa è parte di "Sentieri connessi", progetto che Ashoka ha avviato a luglio 2019 nelle aree interne del Centro Italia, in particolare nelle regioni di Abruzzo, Marche, Lazio e Umbria.


Per maggiori informazioni e per iscriversi a SlowHack

 


Terzo Settore e digitalizzazione: clic o mai più

Accogliere la complessità per supportare il cambiamento sistemico

Covid-19: opportunità di trasformazione o conferma dello status quo?