TERZO SETTORE /
La condanna del carcere: 7 su 10 ritornano dentro. Ma c'è chi va controtendenza.
Andrea Malaguti, La Stampa, 19 settembre 2016.
19 settembre 2016

Scontano le pena, delinquono e vengono arrestate di nuovo, in una giostra senza fine che riguarda a rotazione circa duecentomila uomini e donne in Italia, 54mila dei quali sono oggi dietro le sbarre. Un fallimento, quello delle carceri italiane, che costa alla collettività tra i tre e i quattro miliardi l’anno.

Alessandro Scandurra dell’Associazione Antigone parla di una situazione disastrosa: «fa impressione vedere che non esistono numeri ufficiali sulla recidiva. Significa che il Sistema ignora uno dei dati fondamentali legati alla funzione della pena».

Eppure all'interno del sistema le esperienze in controtendenza ci sono. Ignorate o non adeguatamente prese in considerazione, ma ci sono. Una è sicuramente quella della Cooperativa Giotto che opera nel carcere Due Palazzi di Padova, cui Percorsi di secondo welfare ha dedicato un working paper e diversi articoli (che trovate in calce). Una mosca bianca di cui parla anche La Stampa in un'inchiesta curata da Andrea Malaguti.


La condanna del carcere: 7 su 10 ritornano dentro
Andrea Malaguti, La Stampa, 19 settembre 2016.

 


Lavoro e perdono dietro le sbarre. La cooperativa Giotto nel carcere di Padova

Carceri: perché negli Stati Uniti vogliono conoscere le cooperative italiane?

Le cooperative che lavorano in carcere possono essere un caso studio per la finanza sociale?

Carcere e lavoro: un dialogo internazionale su un approccio innovativo di riabilitazione

Lavoro in carcere, finanza sociale e secondo welfare. Riflessioni sul caso di Giotto

Giotto non può essere solo un fiore all'occhiello. Ora servono politiche concrete e realizzabili
 
NON compilare questo campo