Così le leggi italiane sulla privacy ostacolano la lotta alla povertà
Sul quotidiano Domani, Daniele Checchi spiega come in molti casi la rigidità di alcune norme sulla privacy limita fortemente la capacità di individuare tempestivamente lo stato di bisogno delle famiglie in povertà. La Pubblica Amministrazione avrebbe infatti accesso a tutti i dati necessari per individuare una persona o un nucleo a rischio ma l'attuale legislazione sulla privacy pone troppi limiti e non consente alle banche dati di comunicare tra loro.
 
Cosa ci dice il primo Rapporto del Governo sul Reddito di Cittadinanza
Luca Fanelli su Welforum ha analizzato il Rapporto sul Reddito di Cittadinanza 2020 pubblicato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, proponendo una lettura critica del documento attraverso le domande di ricerca che avevano orientato il monitoraggio del Reddito di Inclusione dell’Alleanza contro la povertà, pubblicato nel gennaio 2019.
 
Verso un Piano Strategico sull'infanzia e l'adolescenza
La Camera dei Deputati ha approvato una mozione, a prima firma Paolo Lattanzio, che prevede la costruzione di un Piano Strategico Nazionale sull'infanzia e l'adolescenza, con un innesto concreto nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. La mozione, frutto del lavoro dell'Intergruppo Parlamentare 'Infanzia e Adolescenza', ha ricevuto il plauso della rete #educazioni.
 
L'Alleanza contro la povertà ha incontrato il Ministro Orlando
Il Comitato Esecutivo dell'Alleanza contro la povertà ha chiesto al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociale di intervenire tempestivamente affinché il Reddito di Cittadinanza assorba parte degli attuali beneficiari del Reddito di Emergenza. Orlando ha condiviso l’esigenza di una implementazione degli strumenti per la lotta contro la povertà e espresso la volontà di lavorare insieme all'Alleanza su questo fronte.
 
Senza il Reddito di Cittadinanza la situazione sarebbe ancora più drammatica
La Città Metropolitana di Bologna ha organizzato il convegno "Il contrasto alla povertà dal livello nazionale al locale: sfide per la programmazione" per mettere in evidenza come sia cresciuta la povertà, in che modo il Pubblico si sia mosso per contrastarla e quali siano oggi le principali problematiche per l’accesso ai servizi di inclusione sociale. Vi riportiamo alcune riflessioni degli esperti intervenuti.
 
Scuola: una ricerca dice che non c'è correlazione tra didattica in presenza e aumento dei contagi
Un articolo pubblicato sul sito del Corriere della Sera riporta i risultati di uno studio condotto da una squadra di epidemiologi, medici, biologi e statistici sull'assenza di correlazione tra aumento dei contagi di Covid-19 e lezioni in presenza. La scienza dice che i benefici delle scuole aperte sono superiori ai rischi: ora le istituzioni abbiano il coraggio di agire.
 
Nuovi dati sul Reddito di Cittadinanza: i nuclei beneficiari sono più di 1 milione
L’INPS ha diffuso i dati di febbraio 2021 sull’erogazione del Reddito di Cittadinanza, della Pensione di Cittadinanza e del Reddito di Emergenza. Nonostante la diminuzione rispetto al mese precedente, i nuclei percettori superano il milione di unità per un totale di 2,3 milioni di persone beneficiarie. E, alla luce delle quasi 400 mila nuove richieste già pervenute da inizio anno, aumenteranno ancora.
 
Cosa sta cambiando nei servizi per le persone senza dimora?
Fin dall'inizio della pandemia le persone senza dimora sono apparse come una categoria particolarmente esposta ai rischi legati all'emergenza sanitaria. Le strutture di accoglienza, già inadeguate in tempi ordinari, hanno spesso mostrato i loro limiti. Allo stesso tempo sono nati progetti e soluzioni innovative per il sostegno all'homelessness. Ce ne parlano in questo articolo le responsabili di fio.PSD.
 
Per il 57% degli italiani la paura della recessione supera quella del Covid. È smottamento del ceto medio
Il rapporto Ipsos-Flair 2021 dal titolo “La danza immobile di un Paese al bivio”, presentato alla sede del Cnel, fa emergere le condizioni di difficoltà e instabilità in sta vivendo la popolazione italiana. | Il Sole 24 Ore, 17 marzo 2021
 
Oltre al diritto alla salute è necessario garantire il diritto all'istruzione
Abbiamo parlato spesso della necessità di porre grande attenzione alle conseguenze della chiusura delle scuole e dei servizi educativi sui più giovani. Ma nonostante sia passato più di un anno il diritto all'istruzione appare ancora totalmente subordinato a quello alla salute. Per questo condividiamo il punto di vista dell'Alleanza per l'Infanzia, che rispecchia le preoccupazioni a cui speriamo le istituzioni diano presto risposta.
 
Coronavirus: la pandemia condiziona presente e futuro di 1,3 milioni di bambini indigenti
In un’intervista a Il Sole 24 Ore Raffaella Milano, direttrice dei Programmi Italia-Europa di Save the Children, spiega come siano cambiate le condizioni dei bambini che, anche a causa della pandemia di Coronavirus, vivono in condizioni di povertà assoluta. In Italia, secondo l’Istat, oggi sono 1 milione e 346mila minori, ben 209mila in più rispetto all’anno precedente. Quando la situazione era comunque già molto grave | Nicoletta Cottone, Il Sole 24 Ore, 8 marzo 2021
 
Con i Bambini, parte il bando per le ''comunità educanti''
Nell'ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa, l'impresa sociale Con i Bambini promuove il bando per le "comunità educanti". Il bando è rivolto al mondo del Terzo Settore e vuole promuovere progetti per valorizzare quelle comunità locali di famiglie, scuola, reti sociali, soggetti pubblici e privati che hanno, a diverso titolo, ruoli e responsabilità nell'educazione e nella cura di bambini e bambine, ragazzi e ragazze.
 
Istituito il Comitato Scientifico sul Reddito di Cittadinanza
Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Andrea Orlando ha istituito il Comitato scientifico per la valutazione del Reddito di cittadinanza. L'obiettivo del nuovo organo, che sarà presieduto dalla professoressa Chiara Saraceno, sarà valutare come abbia funzionato finora la misura e indicare quali azioni assumere per migliorarne l'impatto alla luce delle conseguenze della pandemia.
 
Nell'anno della pandemia oltre 1 milione di poveri in più
L’Istat ha diffuso le stime preliminari su povertà e spese per consumi delle famiglie nel 2020: i poveri assoluti sono aumentati di oltre un milione, mentre la spesa media è tornata ai livelli del 2000. I dati evidenziano non solo che le conseguenze economiche della pandemia sono state enormi, ma anche che le caratteristiche tipiche della povertà nel nostro paese si stanno ulteriormente rafforzando, colpendo soprattutto famiglie numerose e minori.
 
Più poveri e tanto più disuguali. Gli effetti della pandemia
In un recente articolo del portale Lombardia Sociale si evidenzia come, a causa della crisi innescata dal Covid, il rischio di impoverimento di alcune fasce della popolazione sia sempre maggiore. Alcune categorie finora al riparo da condizioni di deprivazione rischiano sempre di più di incorrere in situazioni di indigenza e difficoltà | Daniela Mesini, lombardiasociale.it, 3 Novembre 2020
 
Tre strategie per affrontare l'emergenza educativa imposta dalla pandemia
La crescita della povertà materiale causata dalla pandemia si sta accompagnando a una deprivazione educativa e culturale senza precedenti, che avrà effetti di lungo periodo sul nostro Paese. Per questo, spiega Chiara Agostini su Corriere Buone Notizie, occorre adottare rapidamente misure che permettano di intervenire sulla scuola nell'immediato e sul rischio di povertà nel medio-lungo periodo.
 
Povertà educativa, mobilità sociale, intergenerazionale e servizi per l'infanzia: quando il "luogo conta"
A livello comparato, il nostro Paese è caratterizzato da un elevato livello di povertà tra i minori. Rafforzare l'accesso ai servizi di cura ed educativi fin dalla primissima infanzia può favorire la riduzione delle disuguaglianze e garantire una maggiore coesione sociale | Ilaria Madama, OCIS, febbraio 2021
 
A proposito dei fondi europei di “Next Generation”, sull'infanzia bisogna investire
"L'utilizzo dei fondi Next Generation EU costituisce una tappa essenziale di una politica di investimenti sull’infanzia, in quanto opportunità unica e irripetibile di disporre di risorse aggiuntive". A dirlo è un recente articolo uscito per il quotidiano Domani | Giorgio Tamburlini, Domani, febbraio 2021
 
Giornata di Raccolta del Farmaco: oggi più che mai è importante donare
A causa delle conseguenze economiche della pandemia sempre più persone sono impossibilitate ad acquistare i farmaci di cui avrebbero bisogno. Per questo dal 9 al 15 febbraio in oltre 5.000 farmacie in tutta Italia si potranno donare medicinali da banco per i bisognosi nel corso della Giornata di Raccolta del Farmaco. Gli organizzatori invitano a recarsi appositamente in farmacia per aderire all'iniziativa.
 
Next Generation Eu and child inequality: how can an inclusive recovery be guaranteed?
The economic recession caused by Covid-19 has revealed the fragility of our socioeconomic systems and the importance of resilient welfare states. Children’s education, care and wellbeing have been at the centre of public debate. The Next Generation EU represents a unique opportunity to promote education and childhood care and, at the same time, to improve women’s employment.
 

 
Pagina 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23