Interviste
Povertà alimentare

Too Good to Go, cibo a sorpresa nel paniere anti-spreco

Jaime D'Alessandro, La Repubblica, 08 dicembre 2020
< 1 ' di lettura
Stampa articolo

Come vi abbiamo raccontato in questo articolo da qualche mese è attiva l’app Too Good to Go, piattaforma che permette di comprare a un prezzo ridotto l’invenduto degli esercizi aderenti. In totale sono in 45mila gli aderenti: di questi 6.500 si trovano in Italia, fra panettieri, alimentari, ristoranti, pasticcerie e supermercati. E i numeri continuano a crescere.

Una soluzione conveniente per tutti, poichè come racconta Mette Lykke, a capo dell’app nata a Copenaghen nel 2015, «In Europa il cibo che viene sprecato è un terzo del totale e poco meno della metà negli Stati Uniti. È un problema enorme che bisogna risolvere al più presto». Per questo l’app consente a ogni persona di fare la propria parte per ridurre gli sprechi e allo stesso tempo di ottenere pasti freschi (e scontati del 70%), sostenendo le attività commerciali locali. Inoltre, i commercianti riducono i loro rifiuti e i nuovi clienti provano i loro prodotti.

Too Good to Go trattiene per sé poco più di un euro qualsiasi sia il prezzo della scatola offerta e buona parte delle energie dell’azienda vengono spese nel trovare nuovi negozi disposti ad aderire. «Con la pandemia è diventato ancora più chiaro a tutti quanto sia importante la produzione del cibo», conclude Lykke. «Per molti esercizi può davvero fare la differenza». Il prossimo passo, già avviato con una serie di progetti pilota, è la collaborazione con nomi del calibro di Danone, Nestlé, Unilever per offrire i prodotti prossimi alla data di scadenza direttamente ai consumatori.


Too Good to Go, cibo a sorpresa nel paniere anti-spreco
 
Jaime D’Alessandro, La Repubblica, 08 dicembre 2020