POVERTÀ ALIMENTARE /
Pausa Mediterranea by FOOD di Edenred: nel 2018 recuperati 4.200 kg di cibo
Il progetto intende favorire scelte responsabili, sane e sostenibili in pausa pranzo, evitando nel contempo sprechi alimentari
28 marzo 2019
Seguire i principi della Dieta Mediterranea in pausa pranzo può influire positivamente sul benessere dei lavoratori e migliorare, di conseguenza, le performance delle organizzazioni. È da questo presupposto che è nato il progetto Pausa Mediterranea by FOOD di Edenred, sviluppato in 9 Paesi - tra cui l'Italia - in cui opera la multinazionale leader nel mercato dei buoni pasto.

Il progetto si declina sia sul fronte della domanda, i lavoratori che utilizzano i buoni, che su quello dell’offerta, i ristoranti affiliati che li accettano. Il valore aggiunto di questo progetto, infatti, è che da un lato 1.500.000 di beneficiari di Ticket Restaurant Edenred accedono a informazioni scientificamente validate da un team di nutrizionisti esperti ed hanno in questo modo la possibilità di orientare le proprie scelte alimentari in modo sano e sostenibile per salvaguardare benessere, salute e l’ambiente. Dall’altro i 150.000 esercenti affiliati vengono supportati da un team di esperti per indirizzare la propria offerta ristorativa in pausa pranzo verso scelte responsabili, sane e sostenibili.

Recentemente il progetto si è arricchito di un altro pezzo: promuovere l’adozione di doggy bag. Grazie al supporto di ReFood è stato favorito il recupero delle piccole eccedenze del pasto: nel 2018 è stato così evitato lo spreco di 4.200 Kg di cibo.


Scopri di più sull'iniziativa di Edenred 

 


Focus sulla povertà alimentare

A Milano nasce l'Hub di quartiere per il recupero delle eccedenze alimentari

Povertà alimentare: in Italia sempre più iniziative di contrasto