A Bologna 425 pasti ''sospesi'' per cene di solidarietà
In circa un mese a Bologna sono stati "donati" 425 pasti durante cene di solidarietà destinate ai più bisognosi. L'idea di queste cene "sospese" nasce da un progetto promosso da Camst e Cucine popolari, "Un pasto sospeso", che si è concluso con un risultato che testimonia una grande prova di solidarietà | Redattore Sociale, 22 giugno 2019
 
15 miliardi di cibo buttato ogni anno: lo spreco alimentare è una vergogna (ed è ora di darsi una mossa)
Ogni anno buttiamo 36 kg di cibo nel cestino di casa. Uno spreco che vale 15 miliardi di euro. Un danno anche per l’ambiente perché quel cibo non consumato corrisponde a 24.5 milioni di tonnellate di CO2. Ma tra app, software che usano gps e associazioni la tendenza a sprecare è sempre minore. | Linkiesta, 26 aprile 2019
 
Il miraggio del cibo sano e la povertà alimentare
Quando si pensa alla lotta alla fame nel mondo la mente corre ai Paesi africani. Alle famiglie che non hanno riso, acqua, patate. Ai pacchi di pasta lanciati dal cielo dalle Ong, alle raccolte fondi e ai progetti per la coltivazione nelle zone rurali più povere. In Italia la fame, quella che scava il viso e impedisce di camminare, è stata sconfitta da tempo ma sulla questione cibo, nutrizione e agricoltura sostenibile il Paese che ha inventato la tanto decantata «Dieta mediterranea» potrebbe fare di più | Diana Cavalconi, Corriere della Sera, 7 novembre 2018
 
L'Italia dei mercati solidali dove si fa la spesa gratis
Alle porte di Bologna è appena nato l'Emporio Solidale «Amalio». Si tratta di una realtà nata grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Bologna e della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, che consente a supermercati, ristoratori, ma anche a comuni cittadini, di donare le "eccedenze" alimentari che altrimenti andrebbero sprecate. Grazie ai volontari della struttura, gli alimenti sono poi distribuiti gratuitamente a persone in difficoltà | Paolo Foschini, Corriere della Sera, 31 ottobre 2018
 
Toronto, il supermarket aperto a tutti dove si paga quello che si può
Apre a Toronto il supermarket aperto a tutti in cui si paga in base alla propria disponibilità economica e, se non si hanno del tutto i soldi per comprare il cibo, lo si può avere gratis. Gli scaffali del supermarket, che si chiama Feed it Forward e ha aperto a metà giugno, sono pieni di prodotti che sarebbero altrimenti destinati alla discarica. Si tratta di cibo donato da grandi supermarket della zona, contadini, panetterie e distributori, che non lo possono vendere per vari motivi | Cristina Barbetta, Vita, 28 agosto 2018
 
Se a Milano un bambino su 10 vive in povertà, che succede al Sud?
Se a Milano, nella brillante città europea degli anni post-Expo, nella capitale trasformata da architetture, stili di vita, economie e finanziamenti governativi imponentissimi, un bambino su 10 (come ci avverte Giuseppe Guzzetti, il presidente di Fondazione Cariplo) vive al di sotto della soglia di povertà, cosa succede a Napoli e nelle sacche dei territori marginali del Sud Italia? | Huffington Post, 2 luglio 2018
 
Coldiretti: 2,7 milioni di italiani non hanno abbastanza cibo e sono stati costretti a chiedere aiuto
Costretti a mangiare alle mense dei poveri. È questa la punta dell’iceberg della situazione di disagio in cui si trovano 2,7 milioni di persone che in Italia nel 2017, che non hanno cibo per nutrirsi. A dirlo il rapporto Coldiretti «La povertà alimentare e lo spreco in Italia» | Corriere della Sera, 17 giugno 2018
 
Sondaggio Independent: "In Gran Bretagna 4 milioni di adulti soffrono la fame"
Sono ormai circa 4 milioni i cittadini adulti che nel Regno Unito, bambini esclusi, sono costretti a rivolgersi alla carità della cosiddette banche del cibo o a forme di elemosina per sopravvivere. Lo svela un sondaggio commissionato dall’Independent e definito «scioccante» | Il Secolo XIX, 7 giugno 2018
 
Con la Legge Gadda l'anti-spreco vola
Semplificare le donazioni dei prodotti alimentari e farmaceutici in eccedenza per combattere gli sprechi. Era questo uno degli obiettivi principali della Legge Gadda, entrata in vigore il 14 settembre del 2016 e, a quasi due anni di distanza, sembra che le promesse siano state mantenute | Ottavia Spiaggiari, Vita, 25 maggio 2018
 
"Io non butto": così si combatte lo spreco nei mercati rionali
Alle ore 13, nei mercati rionali di Milano (e d'Italia), si assiste a una scena: i clienti se ne vanno verso casa, gli ambulanti lasciano a terra le casse di prodotto invendute e numerosi fra anziani e senzatetto rovistano nei rifiuti di giornata. Nel giugno 2017 è partito a Milano e provincia la campagna “Io non butto” del Centro servizi per il volontariato (Ciessevi) di Città Metropolitana | Redattore Sociale, 7 maggio 2018
 
Risorsa dopo risorsa, con gli sprechi alimentari ci stiamo mangiando il pianeta
Risorsa dopo risorsa ci stiamo mangiando la Terra. Ogni anno consumiamo più di quanto è in grado di produrre per sfamarci. E' il paradosso della produzione e del consumo di alimenti che se da una parte saccheggia il pianeta dall'altra lo devasta generando l'8 per cento dei gas serra totali | Paola Coppola, La Repubblica, 19 aprile 2018
 
Banco Alimentare e Kellogg: Colazione a domicilio per migliaia di anziani in difficoltà in tutta Italia
L’obiettivo di “Evviva la colazione” è triplice: non solo raccogliere il maggior numero di prodotti per la prima colazione da donare agli anziani che vengono raggiunti, in tutta Italia, dalla Rete Banco Alimentare, ma anche prendersi cura del loro benessere offrendo dei suggerimenti sull’alimentazione, a partire dal primo pasto della giornata, oltre a donare loro anche tempo e compagnia.
 
Dallo spreco al dono: il modello italiano da esportare in Europa
Lo scorso 5 febbraio si è celebrata la V Giornata nazionale contro lo spreco alimentare. L'Italia è all'avanguardia sul tema, grazie alla legge 166/2016 che mette l'accento sul recupero e la donazione delle eccedenze alimentari. Un volume curato dall'eurodeputata Patrizia Toia insieme a VITA raccoglie best practice e riflessioni sull'esperienza italiana, per farla conoscere ai colleghi del Parlamento europeo | Sara De Carli e Marco Dotti, Vita, 5 febbraio 2018
 
Spreco alimentare: un dramma sociale e ambientale
Nel nostro paese ciascun cittadino ogni giorno spreca alimenti per una media di 960 Kilo Calorie, circa un terzo del fabbisogno quotidiano di un adulto. Un valore altissimo e preoccupante, che supera quello già elevato a livello mondiale | Filippo Pala, La Stampa, 20 dicembre 2017
 
Al via la piattaforma online contro lo spreco di cibo e farmaci
Si chiama #iononsprecoperché ed è la nuova piattaforma web che offre informazioni su come donare le eccedenze, buone pratiche per il recupero, come l'asporto dei propri avanzi al ristorante con la “family bag”, e ancora una spiegazione dettagliata della legge 166/2016 entrata in vigore il 14 settembre 2016 che ne disciplina le regole e permette agli operatori dei vari settori (mense scolastiche, ospedali, aziende agricole) di donare i prodotti in eccedenza a scopo solidale e sociale | Nicola Barone, Il Sole 24 Ore, 18 dicembre 2017
 
Bottura premiato a New York per Food For Soul, progetto di cibo e solidarietà
Massimo Bottura premiato a New York con il Sustainability Forward Award, nato per sottolineare l’impegno dei cuochi che hanno la capacità di guardare oltre il lavoro quotidiano e preoccuparsi anche del futuro | Eleonora Cozzella, La Repubblica, 27 settembre 2017
 
Fame, l'analisi di un fenomeno inestinguibile: e le scelte decisive tardano ad arrivare
Sono 815 milioni le persone affamate nel 2016, rispetto a 777 milioni nel 2015. Un aumento che genera preoccupazioni, soprattutto se si pensa che gli sforzi globali in termini di risorse destinati agli aiuti umanitari, si aggira globalmente attorno ai 400 miliardi annui. Le Nazioni Unite e il senso nuovo e concreto che dovrebbero avere | Carlo Ciavoni,La Repubblica, 21 settembre 2017
 
La voragine del cibo sprecato 5 milioni di tonnellate all’anno finiscono nell’immondizia
Da qualche mese recuperare alimenti da destinare a chi ne ha bisogno dovrebbe essere più facile. Lo scorso settembre è entrata in vigore la «legge Gadda» che ha l’obiettivo di ridurre il cibo buttato lungo la catena della produzione e della distribuzione, favorendo le donazioni. Un supermercato o un panificio che volessero dare via prodotti invenduti si scontravano con una giungla normativa. | Carola Frediani, La Stampa, 9 luglio 2017
 
Pane solidale: a Milano si sforna di più per aiutare chi ha bisogno
Pane Solidale è un progetto partito in via sperimentale un anno fa ad Opera. Lo scopo è portare il pane avanzato nelle case di persone bisognose segnalate dai servizi sociali. | Marta Ghezzi, Corriere Sociale, 10 giugno 2017
 
La povertà alimentare tocca 5 milioni di italiani
Oltre due milioni di famiglie italiane, più di cinque milioni di persone, sono in condizioni di povertà alimentare, cioè possono spendere per l'acquisto di generi alimentari risorse inferiori rispetto a una soglia standard accettabile. E si tratta di un numero che continua a crescere: I neo- affamati sono aumentati in Italia del 57% negli ultimi 10 anni. Gli altri, per la maggior parte mangiano di tutto un po' e, nonostante i tagli alla spesa negli anni della crisi, sprecano ancora tanto cibo. E' la sintesi di una ricerca Censis su come mangiano gli italiani presentata in occasione dell'inaugurazione di Tuttofood la rassegna specializzata di Fiera Milano in corso fino all'11 maggio.
 

 
Pagina 1 2 3 4