La povertà alimentare in Italia non è mai stata così grave
Si stima che oltre due milioni di famiglie scivoleranno nella povertà assoluta a causa della crisi economica determinata dalle misure di contenimento contro la diffusione del virus. Ma cosa è la povertà alimentare? Quante persone colpisce? Quali sono le politiche di contrasto? Chi sono i principali attori coinvolti e quali approcci portano avanti? Infine, quanto e come la pandemia ha impattato su questo fenomeno? Queste sono le domande a cui il rapporto ha cercato di dare una risposta.
 
Torino Solidale, una rete di welfare per arginare gli effetti collaterali del Covid-19
A Torino migliaia di persone in difficoltà a causa della pandemia stanno trovando un sostegno importante nella Rete Torino Solidale, promossa dal Comune grazie al coinvolgimento di diversi attori del territorio per distribuire beni di prima necessità a chi si trova in difficoltà. Roberto Arnaudo, Direttore dell'Agenzia per lo Sviluppo Locale di San Salvario, ci ha raccontato come sta procedendo il progetto.
 
Il Worl Food Programme dell'ONU ha vinto il Nobel per la Pace
Il Programma alimentare mondiale (World Food Programme, WFP) dell'ONU ha ricevuto il Premio Nobel per la Pace 2020. Ci sembra una notizia di particolare interesse perché la questione della povertà alimentare è uno dei temi centrali di cui il nostro Laboratorio si occupa ormai da diversi anni.
 
Oggi si svolge la Prima Giornata internazionale di consapevolezza della perdita e dello spreco alimentare
Il 29 settembre 2020 si celebra la Prima Giornata internazionale di consapevolezza della perdita e dello spreco alimentare. Istituita dalla FAO nel dicembre scorso, questa giornata intende ricordare all'opinione pubblica l'importanza di ridurre le perdite e gli sprechi alimentari per contribuire allo sviluppo sostenibile. Ridurre gli sprechi significa infatti poter recuperare derrate alimentari da destinare ai più vulnerabili, ridurre le emissioni di gas serra, ma anche garantire una migliore crescita economica.
 
Spesa SOSpesa: da Carrefour mezzo milione di euro per il Banco Alimentare
Lo scorso aprile Carrefour Italia ha lanciato "Spesa SOSpesa", un'iniziativa solidale realizzata in collaborazione con la Fondazione Banco Alimentare per aiutare le famiglie in difficoltà a causa del Covid-19. Il progetto ha coinvolto tutti i 1.400 punti vendita del gruppo Carrefour nella Penisola e ha permesso di raccogliere complessivamente oltre 500.000 euro grazie alla generosità dei clienti della catena.
 
Fondazione Cottino stanzia 500 mila euro per donare prodotti alimentari a sostegno delle famiglie in difficoltà
La Fondazione Cottino ha stanziato 500mila euro per l'acquisto di generi alimentari e beni di prima necessità da destinare alle famiglie torinesi in difficoltà a causa della pandemia di Covid-19. Le donazioni dovrebbero raggiungere oltre 15.000 nuclei familiari attraverso la rete di Torino Solidale del Comune di Torino.
 
Emergenza alimentare a Milano: il Comune al lavoro insieme a Programma QuBì e al Terzo Settore
Fin dall'inizio dell'emergenza l'amministrazione comunale milanese, integrando i servizi municipali e le risorse del Terzo Settore e del mondo privato, ha messo in piedi un sistema per garantire la consegna del cibo alle famiglie in povertà. Questa esperienza, realizzata anche grazie al coinvolgimento attivo del Programma QuBì, mostra l'importanza che le reti multi-attore rivestono nelle situazioni di emergenza. Ne abbiamo parlato con Laura Anzideo, responsabile del Programma QuBì per Fondazione Cariplo.
 
CuciniAmo: a Rende i detenuti preparano i pasti per i più bisognosi
Appena scattato il lockdown il Comune di Rende, città calabrese di media grandezza alle porte di Cosenza, ha firmato un protocollo d’intesa con l’associazione di volontariato “La Terra di Piero” e la Croce Rossa per garantire la spesa e pasti caldi a famiglie bisognose, persone sole e homeless del proprio territorio. Da inizio maggio al progetto si sono uniti anche i carcerati della locale casa circondariale che frequentano i corsi di cucina organizzati dall'ISS "Cosentino-Todaro".
 
Pasti, spesa, doposcuola online. L'Arci in campo per l'emergenza
A Torino, i comitati Provinciali e i circoli Arci hanno deciso di stravolgere le loro attività per fornire un sostegno all'attuale emergenza per il Coronavirus. Tra i progetti promossi vi sono la spesa a domicilio, la preparazione e la consegna di pasti per le persone in difficoltà e doposcuola on-line per i bambini | Roberto Pietrobon, Il Manifesto, 19 marzo 2020
 
Scuole chiuse per Coronavirus? A Milano il cibo delle mense non va sprecato
Le misure assunte da diverse Regioni del Nord per limitare la diffusione del Coronavirus hanno stabilito in molti casi la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado. Milano Ristorazione, la società che prepara e distribuisce i pasti destinati alle mense scolastiche della città, si è attivata per evitare di sprecare tutto il cibo fresco in scadenza. Oltre 3 tonnellate di cibo sono state così donate alle organizzazioni del Terzo Settore che si occupano di raccolta e distribuzione delle eccedenze alimentari.
 
Spreco alimentare: in un anno ridotto del 25%, ora si butta via meno cibo
Secondo il Rapporto 2020 dell’Osservatorio Waste Watcher di Last Minute Market/Swg per la prima volta dopo dieci anni nelle case degli italiani si spreca meno cibo: rispetto all’anno scorso si è verificato un calo del 25% degli alimenti buttati nella spazzatura. Tuttavia ogni famiglia italiana getta ancora prodotti alimentari per un valore di 4,91 euro alla settimana, che sommati insieme portano a una cifra di circa 6,5 miliardi. | Paolo Virtuani, Corriere della Sera, 3 febbraio 2020
 
Sprechi alimentari: un protocollo di intesa per ridurli nella ristorazione
Secondo una recente indagine condotta da Istituto Green Bocconi per conto di METRO Italia, ogni anno in Italia sono 5,6 milioni le tonnellate di cibo prodotto in eccedenza lungo tutta la filiera agroalimentare, dalla produzione al consumo finale. Il 57% di queste eccedenze è generato dalla prima parte della filiera: produttori, distributori e operatori della ristorazione; il 43% dai consumatori finali | Una ricetta al giorno, 14 gennaio 2020
 
Ecco quanto cibo buttiamo e dove si spreca di più. Riciclo e doggy bag: le possibili soluzioni
In Italia ogni settimana, ciascun ristorante dichiara di buttare tra i due e i cinque sacchi da 220 litri di scarti alimentari. Di contro, almeno un ristoratore su tre è dichiara di impegnarsi in attività per ridurre lo spreco alimentare. Lo ha evidenziato l’indagine "Metronomo" sullo spreco alimentare nella ristorazione condotta da Metro Italia, in collaborazione con Bocconi Green Economy Observatory | Fausta Chiesta, Corriere della Sera, 2 ottobre 2019
 
Napoli, il cibo non consumato in crociera arriva nelle mense dei poveri
Duecento pasti serviti agli indigenti, 50 dei quali consegnati direttamente a casa di quelle famiglie che non hanno sempre le disponibilità economica per garantire un pranzo o una cena ai loro figli. È questo che fanno ogni giorno i circa 60 volontari della mensa Papa Francesco di Pompei (Napoli), la quale ha iniziato a ricevere in dono le eccedenze alimentari della Costa Fascinosa, nave da crociera di Costa Crociere | La Repubblica, 16 settembre 2019
 
Così a Roma si recuperano gli avanzi del mercato
Il sito Repubblica.it ha realizzato un interessante approfondimento per raccontare la storia di "Roma Salva Cibo", un'esperienza di contrasto allo spreco alimentare nata a Roma, nel mercato dell'Esquilino. Il progetto è stato promosso dall'associazione ReFoodgees - parola che nasce dalla crasi tra "Refugees" (rifugiati) e "Food" (cibo) - la quale si propone di recuperare e distribuire la frutta e la verdura invendute dai commercianti e allo stesso tempo favorire l'integrazione.
 
A Bologna 425 pasti ''sospesi'' per cene di solidarietà
In circa un mese a Bologna sono stati "donati" 425 pasti durante cene di solidarietà destinate ai più bisognosi. L'idea di queste cene "sospese" nasce da un progetto promosso da Camst e Cucine popolari, "Un pasto sospeso", che si è concluso con un risultato che testimonia una grande prova di solidarietà | Redattore Sociale, 22 giugno 2019
 
Too Good To Go, l'app contro lo spreco alimentare arriva anche in Italia
Ogni anno in Italia più di 10 milioni di tonnellate di cibo vengono gettate via: circa 20 tonnellate al minuto. Per contrastare questo spreco è nata Too Good to Go, l'app che permette di comprare a prezzo contenuto l'invenduto degli esercizi aderenti. L'app consente a tutti di fare la propria parte per ridurre gli sprechi e allo stesso tempo di ottenere pasti freschi sostenendo le attività commerciali locali.
 
15 miliardi di cibo buttato ogni anno: lo spreco alimentare è una vergogna (ed è ora di darsi una mossa)
Ogni anno buttiamo 36 kg di cibo nel cestino di casa. Uno spreco che vale 15 miliardi di euro. Un danno anche per l’ambiente perché quel cibo non consumato corrisponde a 24.5 milioni di tonnellate di CO2. Ma tra app, software che usano gps e associazioni la tendenza a sprecare è sempre minore. | Linkiesta, 26 aprile 2019
 
Pausa Mediterranea by FOOD di Edenred: nel 2018 recuperati 4.200 kg di cibo
Recentemente il progetto Pausa Mediterranea by FOOD di Edenred si è arricchito di un altro pezzo: promuovere l’adozione di doggy bag. Grazie al supporto di ReFood, per il recupero delle piccole eccedenze del pasto meridiano. Grazie a questo sistema nel 2018 è stato evitato lo spreco di 4.200 Kg di cibo.
 
A Milano nasce l'Hub di quartiere per il recupero delle eccedenze alimentari
A Milano, nel quartiere a Isola, è stato inaugurato un Hub che faciliterà il recupero delle eccedenze alimentari e la redistribuzione delle stesse alle organizzazioni che si occupano di sostenere gli indigenti. L'iniziativa è stata realizzata grazie all'impegno di diversi soggetti pubblici e privati che a vario titolo sono impegnati su questi fronti. Si tratta di una tappa importante per la Food Policy cittadina, che tra i suoi capisaldi ha proprio la riduzione degli sprechi.
 

 
Pagina 1 2 3 4 5 6 7 8 9