SAVE THE DATE /
100 donne contro gli stereotipi
Sarà presentato a Genova il progetto per favorire la visibilità delle donne come fonti di sapere
03 novembre 2016

Secondo i risultati del Global Monitoring Project 2015, progetto di ricerca sulla visibilità delle donne nei media, i mezzi di informazione italiani dedicano molta più visibilità agli uomini che alle donne, che si fermano al 21%. In particolare, tra gli esperti, le fonte femminili sono solo il 18%.

Per correggere questa distorsione e favorire la visibilità delle donne come fonti di sapere nei media e nei dibattiti pubblici, è nato "100 donne contro gli stereotipi", una banca dati online che raccoglie nomi e CV di esperte. La banca dati verrà inaugurata con 100 nomi di esperte nell’area STEM (Science, Technology, Engineering, Mathematics), storicamente sottorappresentata dalle donne ma al contempo strategica per lo sviluppo economico del nostro paese. In seguito il sito si allargherà ad altre discipline di interesse giornalistico. Ad esempio, per l’anno 2017, in occasione dei 90 anni del Gruppo Bracco, è prevista la produzione di un volume cartaceo con una selezione di nomi e CV di esperte nell’ambito delle scienze della vita (90 donne per la scienza).

La banca dati sarà una risorse utile anzitutto per gli operatori dei media.

"100 donne contro gli stereotipi" è un progetto dell’Osservatorio di Pavia Media Research, dell’associazione Gi.U.Li.A. (Giornaliste Unite Libere Autonome) con la partnership tecnica del Centro Genders (Gender & Equality in Research and Science) dell’Università degli Studi di Milano, e di Wikimedia Italia, in collaborazione con la Fondazione Bracco e con il sostegno della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea. Il progetto gode inoltre del patrocinio non oneroso del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti e della Consigliera Nazionale di Parità, del sostegno delle associazioni Wister e Stati Generali dell’Innovazione.

Il progetto verrà presentato il prossimo 3 novembre alle 17.30 al Festival della Scienza di Genova, Palazzo Ducale, Sala del Minor Consiglio, Piazza Matteotti 9.

 


 

 

 

 


Come cambia la rappresentanza politica femminile?

Povertà femminile: la situazione di Italia e Spagna

Imprenditoria femminile: una risposta alla crisi?

Quello spreco di talenti e il caso delle donne scoraggiate

Aumentare l’occupazione femminile non basta. Bisogna migliorarne le condizioni

Quanto è forte la carta rosa
 
NON compilare questo campo