Orlando De Gregorio

Ha conseguito il dottorato di ricerca in Sociologia presso la Scuola di Dottorato in Scienze Umane e Sociali dell’Università degli Studi di Torino. Tra le varie attività di ricerca, nel 2016 ha collaborato con l’Università della Valle d’Aosta nell’ambito del progetto "POSC - Povertà in Valle d'Aosta e strumenti di contrasto all'esclusione sociale" e nel 2018 ha iniziato a collaborare con Percorsi di secondo welfare occupandosi di un’indagine sulle fondazioni corporate in Italia.

Ha lavorato come consulente nell’ambito della valutazione di programmi di inserimento lavorativo e come ricercatore, occupandosi prevalentemente di politiche attive del lavoro, processi di impoverimento, migrazioni e settore no profit. Si è inoltre occupato - come progettista sociale – di promuovere l’inclusione di migranti, minoranze e richiedenti asilo in Irlanda del Nord


Vai alla pagina personale

 

 

 
I ''sommersi'' dell'accoglienza ai tempi dell'emergenza sanitaria
L'inaspettata e tremenda emergenza sanitaria che sta vivendo il nostro Paese rende ancora più evidente l'irrazionalità dello smantellamento delle buone pratiche di accoglienza diffusa ed evidenzia ancora di più le criticità determinate dalla concentrazione dei migranti in grandi strutture. Questa crisi sta infatti impattando fortemente sul sistema di accoglienza in una fase delicata determinata dai cambiamenti seguiti al Decreto Legge 113/2018.
 
L’interculturalità della Val di Susa, un evento per raccontare il progetto ''Doman Ansema''
Il 31 gennaio in Valle di Susa, a Rubiana, si è svolto un evento per raccontare i risultati del progetto "Doman Ansema" rivolto a ragazzi stranieri giunti in Italia come minori stranieri non accompagnati. Si è trattata di un'occasione per celebrare l'interculturalità del territorio e per raccontare ai cittadini le esperienze di accoglienza e integrazione in corso. Ecco come è andata.
 
Dalla Manovra risorse aggiuntive per l'accoglienza dei minori non accompagnati, ma manca il cambio di rotta sull'immigrazione
La manovra economica per il 2020 stanzia risorse aggiuntive per il Fondo per l'Accoglienza dei MSNA, dando maggiore concretezza alle previsioni della Legge Zampa sui minori stranieri non accompagnati. Non si intravede tuttavia una vera svolta sul fronte delle politiche sull'immigrazione, nonostante i dati sugli effetti del Decreto Sicurezza siano sempre più allarmanti.
 
Fondazione Adecco e UNHCR insieme per costruire modelli di integrazione sociale e lavorativa dei rifugiati
Sono stati presentati i risultati del progetto MEP - Modelling Employability Process For Refugees, realizzato da Fondazione Adecco e UNHCR, l'Agenzia ONU per i Rifugiati. L'iniziativa ha permesso l'inclusione lavorativa di 50 rifugiati e finanziato la formazione di alcuni operatori dei progetti di accoglienza della rete SIPROIMI su metodologie innovative di orientamento di gruppo rivolte a rifugiati con vulnerabilità.
 
Corporate Foundations in Italy: 2019 Research Report
Percorsi di secondo welfare, together with Bracco Foundation and Fondazione Sodalitas carried out in 2019 research to map the corporate foundations in Italy and discover their main characteristics and operating methods. The study provides an updated picture of the role of corporate foundations in Italy: an increasingly important sector both for the efficacy of corporate intervention programs in communities and territories and for their propensity to work with the service sector on strategic philanthropy.
 
La filiera dell’accoglienza tra buone pratiche e futuro incerto: i casi della Val Susa e del Canavese
Il nono capitolo del Quarto Rapporto sul secondo welfare, scritto da Orlando De Gregorio, si propone di individuare gli elementi favorevoli alla creazione di una buona governance nella “filiera dell’accoglienza”. In questo senso il capitolo delinea il consolidamento del sistema di ricezione dei migranti in Italia e approfondisce le caratteristiche assunte negli ultimi anni, prendendo in considerazione due esperienze virtuose realizzate in Piemonte.
 
Il nuovo volto della filantropia di impresa: le Fondazioni Corporate in Italia
Il sesto capitolo del 4R2W, scritto da Chiara Lodi Rizzini, Orlando De Gregorio e Franca Maino, propone alcune riflessioni sulle tendenze e i possibili scenari che riguardano le Fondazioni di impresa italiane. Oltre a riassumere le principali caratteristiche di queste realtà e delle loro imprese fondatrici, il documento approfondisce le modalità e i settori d’intervento in cui esse operano e, infine, identifica ostacoli e possibili scenari futuri.
 
La frontiera dei minori non più soli: il progetto ''Doman Ansema'' in Valle di Susa
Ad aprile 2019 in Valle di Susa ha preso il via "Doman Ansema", progetto in cui soggetti pubblici e privati radicati nel territorio lavorano insieme per accompagnare all'autonomia minori stranieri non accompagnati e migranti neo-maggiorenni. L'articolo, a cura di Orlando De Gregorio, si basa sulle interviste realizzate nell'ambito delle attività di ricerca del progetto Interreg Minplus sulla governance dell'accoglienza.
 
Tra ritorno alle origini e innovazione: il mutualismo ieri, oggi e domani
A Pinerolo e Torino si è svolta la prima edizione del Festival del Mutualismo. L'evento, realizzato dall'associazione Pensieri in Piazza, la Società Operaia di Mutuo Soccorso di Pinerolo e la Società di Mutuo Soccorso Edmondo De Amicis, è stato un'occasione per discutere del nuovo ruolo che stanno assumendo le Società di Mutuo Soccorso, del loro riposizionamento in un'ottica di secondo welfare e delle nuove forme di mutualismo in Italia e in Europa.
 
Come abbiamo imparato ad accogliere: l'esperienza del Canavese
Non sappiamo ancora se con la nuova stagione politica ci sarà occasione per rivedere drasticamente le politiche dell’accoglienza, ma se così sarà bisognerà ripartire dalle buone pratiche sperimentate a livello locale. In questo senso quanto accaduto negli ultimi anni nel Canavese, dove il Consorzio dei servizi socio-assistenziali IN.RE.TE ha avuto un ruolo di primo piano per la gestione dell'accoglienza straordinaria dei migranti, potrebbe tornare molto utile.
 
Le Fondazioni di impresa in Italia: è disponibile il Rapporto curato da Secondo Welfare
Mercoledì 18 settembre è stato presentato il Rapporto di ricerca "Le Fondazioni di impresa in Italia", che abbiamo realizzato insieme a Fondazione Bracco e Fondazione Sodalitas. Il documento scatta la fotografia aggiornata del ruolo delle Fondazioni di impresa attive nel nostro Paese, definendo e approfondendo i tratti distintivi di queste realtà. Ce ne parlano Orlando De Gregorio e Chiara Lodi Rizzini, che hanno curato la ricerca insieme a Franca Maino.
 
Una sartoria senza confini: parte il crowdfunding per Colori Vivi
In questi giorni è stata lanciata la prima campagna di crowdfunding di Colori Vivi, una sartoria formata da donne migranti e italiane che realizza piccole collezioni di abiti e accessori coniugando qualità e bellezza con giuste remunerazioni e il rispetto della diversità culturale. Perché questa esperienza possa camminare con le proprie gambe e diventare a tutti gli effetti un'impresa sociale ha ora bisogno del sostegno di chi ne condivide idee e principi.
 
Storie interRotte, storie da raccontare
A Torino, al Centro Studi Sereno Regis, la sera di giovedì 30 Maggio sono stati presentati il reportage "Storie Interrotte" e la relativa mostra fotografica sul tema delle migrazioni, entrambi realizzati in Ciad e in Mali e sulla frontiera italo-francese di Bardonecchia. L'evento è stato un'occasione per riflettere insieme sulle migrazioni, l'accoglienza, le frontiere e il diritto a muoversi.
 
Buone pratiche di accoglienza dei migranti LGBT in Piemonte. Dove inizia l'arcobaleno
I migranti LGBT che fuggono spesso da situazioni di persecuzione rischiano di non liberarsi dalla discriminazione neanche in Italia. Per questo negli ultimi anni in Piemonte si sono attivate diverse buone pratiche di accoglienza e supporto, come TO-HOUSING (il primo progetto di Cohousing dedicato a persone LGBT in condizioni di vulnerabilità) e iniziative di formazione, aggregazione e supporto del gruppo Maurice Refugees nella città di Torino e di AfricArcigay a Vercelli.
 
L'accoglienza è un mestiere
La Cooperativa In Migrazione lancia l'allarme sul nuovo schema di capitolato per la gestione dei Centri di Accoglienza Straordinaria: con il taglio ai 35 euro spariscono gli psicologi, diminuiscono le ore degli assistenti sociali, dei mediatori culturali e dei medici. Inoltre, venendo meno le funzioni di controllo, il rischio è che i CAS diventino luogo di degrado e si perdano 18.000 posti di lavoro. Orlando De Gregorio ha letto per noi il report di ricerca della cooperativa e ne ha discusso con il presidente Simone Andreotti.
 
Accoglienza dei migranti: quali effetti avrà la Legge di Bilancio?
Com'è noto le politiche dell'attuale Governo per l'accoglienza dei Richiedenti Protezione Internazionale e per la gestione dei flussi migratori sono particolarmente controverse. In questo senso può essere utile leggere quanto disposto dalla Legge di Bilancio 2019 congiuntamente con il cosiddetto Decreto Sicurezza, che insieme rischiano di produrre nuovi costi economici e sociali di breve e lungo periodo.
 
Il business dell'accoglienza lo fa chi non integra
Viviamo in tempi burrascosi per quanto riguarda le politiche sulle migrazioni e sull'accoglienza dei richiedenti asilo e dei rifugiati. Per questo ActionAid e Openpolis hanno recentemente pubblicato un report per capire come si sia mossa l'Italia in questi anni, cercando di individuare i punti di forza e le criticità del sistema attivato nel nostro Paese. Stando a quanto emerge, le maggiori ambiguità e difficoltà sono emerse in quei contesti in cui non si è investito adeguatamente nell'accoglienza.
 
Tra Piemonte e Svizzera alla ricerca di un nuovo modello di governance per accoglienza e integrazione dei migranti
Giovedì 15 Novembre, nella splendida cornice della Sala Mandamentale di Santa Maria Maggiore in Val Vigezzo, si è tenuto il kick-off meeting del progetto MINPLUS (Modello di governance territoriale per l'accoglienza e l'integrazione dei Richiedenti Protezione Internazionale) finanziato nell'ambito del programma europeo Interreg Italia-Svizzera. Orlando De Gregorio ci presenta i principali contenuti emersi.
 
Giovani sempre più poveri: aumentano i divari generazionali
Si apre con toni allarmanti un’indagine del quotidiano inglese The Guardian basata sui dati del LIS, il Luxemburg Income Study database, una delle fonti informative più importanti sulla distribuzione del reddito nel mondo. Dai dati emerge che in quasi tutti i Paesi occidentali i millennials sono i più colpiti dalla recessione. Mentre trent’anni fa i giovani adulti guadagnavano più della media nazionale, oggi guadagnano il 20% in meno. Una tendenza che in Italia appare più grave che altrove.