Tag: social housing

 
Cenni di cambiamento: una comunità per crescere
Un complesso residenziale che presenta una caratteristica unica nel suo genere: ogni luogo, ogni spazio e ogni servizio sono parte di un più ampio progetto complessivo, finalizzato a promuovere la convivenza, la collaborazione, il reciproco sostegno e la condivisione all’interno della comunità. Si tratta dell’esperienza di housing sociale “Cenni di cambiamento” di Milano, approfondita nel numero 1/2019 di Rivista Solidea.
 
Le nuove forme dell'abitare, la Rivista delle Politiche Sociali dedica un numero all'housing
Nel corso degli ultimi anni, anche a causa degli effetti della recente crisi economico-finanziaria, l'interesse verso il fenomeno dell'housing è progressivamente cresciuto. Oltre all'opinione pubblica e ai policy maker, anche la comunità accademia si sta sempre più interessando al fenomeno. Anche per questa ragione l'ultimo numero 2018 di Rps, La Rivista delle Politiche Sociali, è dedicato al tema "Le nuove forme dell'abitare e la questione abitativa".
 
Scambio, partecipazione, protagonismo e leggerezza: ecco la Biennale della Prossimità 2019
Dal 16 al 19 maggio, a Taranto, si svolgerà la terza edizione della Biennale della Prossimità. A meno di un mese dall'avvio, e con un programma quasi ultimato, sono oltre 140 le organizzazioni - dai piccoli gruppi informali alle esperienze di Terzo settore più strutturate, passando per enti locali e aziende pubbliche di servizi alla persona - che da tutta Italia hanno risposto alla call dei promotori nazionali, che hanno voluto costruire "dal basso" la manifestazione.
 
La Fondazione CRC investe 600 mila euro per il contrasto al disagio abitativo nel territorio di Cuneo
Lo scorso martedì 16 aprile, la Fondazione CRC ha annunciato l'imminente partenza del progetto "Emergenza Casa". Si tratta di un'iniziativa, promossa grazie alla collaborazione con 18 Comuni della provincia di Cuneo, che finanzierà interventi volti a contrastare il disagio abitativo. In particolare, l'edizione 2019 prevede due misure destinate a prevenire gli sfratti e ristrutturare immobili in disuso.
 
Corte Grande di Canedole: un nuovo progetto nella provincia mantovana
A Canedole di Roverbella, in provincia di Mantova, è stato avviato un nuovo progetto di innovazione e housing sociale. Fondazione GAT, principale promotrice dell'iniziativa, intende ristrutturare un'antica tenuta rurale e realizzare 150 alloggi, un'area commerciale, un'area direzionale ed agricola, con un presidio medico infermieristico al servizio dei residenti. Il progetto prevede inoltre l'utilizzo dei terreni circostanti per attività di agricoltura sociale.
 
Nasce la prima piattaforma per soluzioni abitative temporanee di social housing
A Torino è stata presentata ioabitosocial, la prima piattaforma senza fini di lucro dedicata alla ricerca di soluzioni abitative temporanee di social housing presenti sul territorio nazionale. L'obiettivo è diventare il portale di riferimento per i possibili fruitori in termini di ricerca e verifica disponibilità di una soluzione abitativa di questo genere. Ce ne parla la nostra Chiara Lodi Rizzini.
 
In Toscana stanno partendo due nuovi progetti di housing sociale
Prendono il via a Pistoia due nuove iniziative di social housing promosse e finanziate da Cassa Depositi e Prestiti, fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia, Fondo Housing Toscano e Abitare Toscana. Nei prossimi mesi saranno costruiti oltre 50 appartamenti con lo scopo di fornire una risposta alla crescente emergenza abitativa. In questa ottica, il progetto vuole inoltre promuovere una cultura dell'abitare sostenibile e collaborativo, al fine di rafforzare legami comunitari.
 
Futuro plurale: le linee programmatiche di Compagnia di San Paolo per il 2019
Come ogni anno Compagnia di San Paolo ha presentato le linee programmatiche che saranno seguite per favorire lo sviluppo civile, culturale ed economico delle comunità di Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta. Elisabetta Cibinel ci racconta i principali ambiti di intervento individuati per il 2019, per cui saranno complessivamente stanziati quasi 158 milioni di euro.
 
Benvenuti a casa vostra: nel torinese parte un nuovo progetto di social housing
Ad Orbassano, comune parte dell'Area Metropolitana della Città di Torino, è stato presentato il progetto di housing sociale "Benvenuti a casa vostra". L'iniziativa, che si realizzerà presso il Quartiere Arpini, si propone di offrire una risposta al disagio abitativo della zona circostante e, allo stesso tempo, sviluppare un servizio residenziale specificatamente dedicato all'integrazione di persone affette da disabilità.
 
A Torino il primo social housing LGBT
A Torino è nato un progetto di housing sociale che accoglie le persone LGBT in difficoltà e in condizioni di estrema vulnerabilità. Prima esperienza con queste caratteristiche in Italia, accoglierà fino a 24 ospiti in 5 appartamenti di proprietà ATC (l'ente torinese per l'edilizia sociale). Il progetto nasce per rispondere all'emergenza abitativa ma anche per attivare, proprio a partire da un bisogno primario e fondamentale come la casa, percorsi di reinserimento sociale e contrasto alla marginalità.
 
In Piemonte è nata una rete per il welfare abitativo
Recentemente, la Giunta regionale del Piemonte ha approvato su proposta dell'Assessore alle Politiche sociali, della Famiglia e della Casa, Augusto Ferrari, la delibera che istituisce una "rete" per il welfare abitativo. L'obiettivo è quello di agevolare il dialogo e il confronto tra i soggetti che, ai diversi livelli istituzionali e a vario titolo, interagiscono nelle fasi delle politiche per l'abitare.
 
Homeless: da Torino nuove riflessioni e prospettive di intervento
Negli ultimi anni, anche e soprattutto a seguito della crisi economica, il profilo degli homeless si è modificato, includendo persone tradizionalmente neppure considerate a rischio. Questo cambiamento ha fatto emergere nuove studi e riflessioni sul fenomeno. Una recente indagine ha cercato per la prima volta di approfondire il fenomeno sul territorio metropolitano torinese.
 
Social Housing: Compagnia di San Paolo lancia il bando 2016
Il Programma Housing della Compagnia di San Paolo sostiene lo sviluppo di esperienze abitative innovative a uso sociale finalizzate a migliorare le opportunità abitative di persone in situazione di vulnerabilità, sviluppando nuove pratiche e servizi inerenti l’abitare sociale. Per il Bando 2016 sono previste due tipologie di intervento: la realizzazione di offerta abitativa e la creazione di servizi e attività di formazione all’abitare, ricerca abitazione e mediazione tra domanda e offerta.
 
Milano: dall’Unione Europea 36 milioni per lo sviluppo delle periferie
Trentasei milioni di euro per lo sviluppo urbano sostenibile delle periferie milanese: sono i fondi stanziati dalla Unione europea che Milano si è aggiudicata, come altre città metropolitane. Il fondo (Pon Metro) servirà a promuovere la qualità dell’abitare, la mobilità dolce, la valorizzazione sociale degli spazi e l’informatizzazione. | Paola D'Amico, Corriere della Sera, 15 aprile 2016
 
Cohousing: a solution for the Elderly?
Italian social protection expenditure dedicates several resources to old age. However, welfare services are not sufficient anymore for satisfying the large and complex demand of the aging population. It is consequently urgent to think about alternatives in diverse sectors, such as the housing policies one, where proposals such as cohousing could have a very positive outcome but still aren’t well-known. What is cohousing and which viability can it have in Italy?
 
Politiche abitative: il nuovo Piano dell’Emilia Romagna
L’assemblea legislativa dell’Emilia Romagna ha approvato il Piano coordinato e pluriennale delle politiche abitative, lo strumento di programmazione volto al coordinamento e all’integrazione degli interventi per le politiche abitative. Oltre a confermare alcune delle misure promosse dalla precedente legislatura, il piano ha introdotto alcune importanti novità, tra cui la promozione del social housing, la rigenerazione del patrimonio abitativo pubblico e l’aggiornamento delle regole per l’accesso e la permanenza nelle case popolari.
 
Meno sfratti per gli inquilini, più garanzie per i proprietari: Milano prova la “terza via”
E’ stata firmata il 26 marzo la convenzione con cui Comune di Milano e Fondazione Welfare Ambrosiano hanno dato vita all’Agenzia sociale per la locazione. Obiettivo? Favorire l’incontro tra la domanda di quelle famiglie che hanno un bisogno abitativo intermedio tra l’edilizia popolare e il libero mercato e l’offerta dei proprietari privati di alloggi; incoraggiare la stipula di contratti a canone concordato, finanziariamente più sostenibile per gli inquilini; ridurre il rischio di sfratti per morosità incolpevole attraverso nuove garanzie a tutela dei proprietari.
 
Senior cohousing in Trentino: l'esperienza di Casa alla Vela
In Trentino è nata recentemente "Casa alla Vela": una soluzione abitativa ai molteplici bisogni di anziani e studenti che sono qui ospitati - in un edificio di tre piani - gestito in una nuova forma di "abitare collaborativo" che coniuga insieme il modello del senior cohousing con una modalità legata alla soddisfazione di alcune esigenze delle giovani generazioni. Un esperimento di secondo welfare che, investendo sulla longevità attiva e nella solidarietà intergenerazionale, potrebbe aprire nuovi spazi di innovazione sociale e opportunità di mercato nel territorio.
 
Da Roma a Milano, cosa succede nelle periferie italiane?
Molto è stato scritto sugli scontri che stanno coinvolgendo in questi giorni le periferie di Roma e Milano. Al di là delle ragioni politiche ed ideologiche con cui si sta dando spiegazione a questi fatti, quello che emerge è che essi sono il frutto della crisi ma anche sintomo di un forte bisogno di investimenti in politiche di welfare che siano adeguate ai nuovi bisogni sociali sul fronte dello sviluppo urbano, delle politiche abitative e dell’integrazione. A dimostrazione di come le politiche sociali restino fondamentali per prevenire il conflitto e la deriva sociale, soprattutto in fasi di crisi come quella attuale.
 
Quale abitare per le persone fragili? Due ipotesi per programmare il domani
Il cambiamento delle aspettative delle persone fragili e delle loro famiglie sollecitano l’evoluzione di nuovi servizi e di nuovi modelli di abitare. Per riflettere su questa tematica, Fondazione Cariplo organizza il convegno “Quale abitare per le persone fragili? Due ipotesi per programmare il domani”, che si terrà martedì 3 giugno - ore 9.30 - 12.30, presso il Centro Congressi Fondazione Cariplo, Via Romagnosi 8, Milano.
 
Tra crisi del mattone e povertà abitativa, si può “recuperare”?
Continuano gli approfondimenti di Percorsi di secondo welfare per il blog di Cittalia. Il nuovo post di Chiara Lodi Rizzini riflette sulle conseguenze che la recessione ha non solo sulla povertà abitativa, ma anche sull’intero settore edilizio, determinando delle azioni di ridimensionamento che rischiano di lasciare interi edifici, se non intere aree urbane, in stato di abbandono, con pesanti ripercussioni in termini di degrado urbano e equilibrio sociale.
 
Tra crisi del mattone e povertà abitativa, si può “recuperare”?
Crisi economica, crisi edilizia, povertà abitativa: i numeri sono ormai abbastanza noti. Ciò che è meno evidente è che gli effetti della crisi non si manifestano solo nell’incapacità di sostenere le spese abitative: quando si passa da una fase di crescita ad una fase di recessione si effettuano delle azioni di ridimensionamento che rischiano di lasciare interi edifici, se non intere aree, in stato di abbandono, con pesanti ripercussioni in termini di equilibrio urbano e sociale. Ecco perché, dai governi nazionali ai singoli cittadini, crescono i movimenti per il recupero urbano.
 
A Sassari, “vicini più vicini”
E’ ormai consolidata l’idea che la crisi si possa affrontare, almeno in parte, lavorando sulla comunità, recuperando le relazioni interpersonali, creando forme di collaborazione e mutuo sostegno tra individui. Da dove partire? Ovviamente da coloro che sono fisicamente “più vicini”, ad esempio dai vicini di casa, che condividono spazi e spesso abitudini. Ecco perché sono sempre più frequenti le proposte per la creazione di condomini solidali, tra cui “Vicini più vicini”, che sta prendendo vita a Sassari grazie al sostegno della Provincia, di numerose associazioni locali e di Fondazione CON IL SUD.
 
Milano, inaugurato Cenni di Cambiamento
E’ stato inaugurato ieri Cenni di cambiamento, uno dei progetti simbolo del social housing in Italia, perché primo complesso costruito interamente in legno sul territorio nazionale, per un totale di 123 alloggi in classe A. L’evento ha visto anche il blitz di Asia e del comitato contro gli sfratti, che si sono detti contrari a progetti di housing sociale e alle nuove edificazioni proponendo, in alternativa, l’autorecupero degli edifici Aler e di edilizia popolare già esistenti.
 
Inaugurazione Cenni di cambiamento
Sabato 16 novembre, ore 11, in Via Cenni a Milano, si terrà l’inaugurazione dell’insediamento Cenni di cambiamento, progetto di Social Housing realizzato da Polaris Real Estate SGR SpA in collaborazione con Fondazione Housing Sociale (FHS) nell’ambito del Fondo Immobiliare di Lombardia - promosso da Fondazione Cariplo e da Regione Lombardia - in partnership con il Comune di Milano. L’evento rappresenta un’importante occasione per approfondire il dibattito sul tema dell’housing sociale.
 
Innovazione e politiche abitative: la Fondazione Housing Sociale
Di social housing si parla sempre più spesso, tuttavia l’impiego – e ancora prima la conoscenza - di questo strumento nel nostro Paese sono ancora piuttosto limitati. Abbiamo incontrato Marco Gerevini, consigliere delegato della Fondazione Housing Sociale e Giordana Ferri, Responsabile Progettazione e Sviluppo, che ci hanno spiegato come opera la Fondazione e perché una più forte diffusione di queste esperienze può avere effetti positivi sulla questione abitativa italiana.
 
A Casa di Zia Jessy, il condominio solidale
Si trova a Torino A Casa di Zia Jessy, un “condominio solidale” dove convivono generazioni, culture e percorsi di vita diversi. Uno spazio dove trovare un alloggio temporaneo durante una fase di fragilità o mentre si ricerca la propria autonomia. Ma anche un interessante esempio di secondo welfare nato dalla collaborazione tra Comune, Compagnia di San Paolo e Terzo Settore.
 
"Finanza pubblica e welfare". Sviluppo urbano e inclusione sociale
La Fondazione Rosselli propone un percorso di sensibilizzazione e formazione sul rapporto tra finanza e welfare. Nel terzo incontro verrà approfondito e discusso il tema del social housing e della sua integrazione con le politiche di sviluppo urbano, con la partecipazione dei ricercatori che lavorano per la Fondazione Rosselli al “Secondo Rapporto sulla Finanza Pubblica” e di rappresentanti qualificati di enti e istituzioni. L’incontro si terrà martedì 21 maggio, alle ore 16.00, a Torino, Corso Giulio Cesare 4 bis/b.
 
Povertà abitativa: la risposta di Parma Social House
Negli ultimi tempi capita sempre più spesso di imbattersi in dati che riguardano la povertà abitativa. Un problema che si pensava superato, sulla base dell’elevato numero di persone che vivono in una casa di proprietà, ma che invece la crisi sta riportando alla ribalta e che deve essere affrontato attraverso l’uso di strumenti nuovi, tra cui il social housing, politica abitativa ancora poco diffusa nel nostro Paese, ma con un grande potenziale di aspetti virtuosi. Come dimostra Parma Social House, un ambizioso progetto di edilizia sociale che dovrebbe portare alla costruzione di 852 alloggi destinati alla vendita e alla locazione di alloggi a prezzo sostenibile.
 
Housing sì, ma anche social: Sharing Hotel Residence Torino
Creare nuove soluzioni abitative migliorando il tessuto socio-economico del territorio. Offrire non solo un alloggio, ma anche servizi. Sono alcuni degli obiettivi dello Sharing Hotel Residence di Torino, un esempio virtuoso di housing sociale temporaneo, un “condominio solidale” dove trova casa una popolazione eterogenea: da chi si trova in emergenza abitativa alla giovane coppia, dal padre separato al turista, a conferma che il disagio abitativo sta acquisendo forme sempre più diverse e mutevoli nel tempo.
 
Le politiche di Social Housing in Unione Europea: a che punto siamo?
La Commissione Europea ha dichiarato che l’housing exclusion è forse la manifestazione più seria della povertà e dell’esclusione sociale nella nostra società. Assicurare a tutti i cittadini il diritto alla casa è considerato, quindi, un obiettivo fondamentale per contrastare la povertà e favorire l’inclusione sociale. A questo scopo i paesi dell’Unione Europea, sebbene con differenze enormi, hanno messo in atto politiche di social housing che la crisi economica sta rendendo sempre più difficili da sostenere ma, al contempo, sempre più necessarie. Cerchiamo di capire a che punto siamo a partire dal rapporto The Housing Europe Review 2012 pubblicato da Cecodhas Housing Europe.
 
Il Social Housing in Italia: edilizia sociale e Terzo Settore
Secondo una ricerca di Cnel e Sicet sulla condizione abitativa degli under-35 in Italia, l’accesso alla casa per i giovani sta diventando un problema sociale, al punto da non poter più essere escluso dall’agenda politica. Tra le soluzioni proposte, anche il rilancio delle politiche abitative attraverso il potenziamento dell’edilizia residenziale pubblica e sociale, il così detto "social housing". Il Terzo Settore è attore di primo piano in questo processo, come dimostrano le esperienze della Fondazione Housing Sociale di Fondazione Cariplo e il Programma Housing di Compagnia di San Paolo.