Rassegna Stampa

 
Conciliare vita e lavoro: smart working e cyber security
Sul sito "Capoverso: New Leader" è stata pubblicata la prima parte di un'intervista che la nostra ricercatrice Elena Barazzetta ha rilasciato a Ugo Perugini. L'articolo affronta alcune questioni importanti legate al tema dello smartworking: il ruolo delle nuove tecnologie, l'alleggerimento del rapporto gerarchico, gli aspetti psicologici di questo nuovo modo di lavorare | Ugo Perugini, Capoverso, 15 aprile 2019
 
Diritti sociali e welfare integrativo
"La piena diffusione dei piani di welfare aziendale presuppone un ruolo attivo e convinto dei sindacati, i quali dovranno abituarsi sempre di più a contrattare queste forme di servizi e prestazioni sociali rivolte al benessere dei lavoratori". È questo il pensiero che Marco Bentivogli, segretario generale di Fim Cisl, ha espresso in un suo articolo uscito nella piattaforma TuttoWelfare.info | Marco Bentivogli, TuttoWelfare.info, 8 aprile 2019
 
Enel e volontariato: coinvolti 700 dipendenti
Dal 1° aprile è partita la collaborazione tra Enel e quattro associazioni non profit italiane - Legambiente, Marevivo, il Movimento italiano genitori (Moige) e l’associazione Quartieri Tranquilli - per il coinvolgimento di oltre 700 dipendenti in un programma di volontariato d'impresa | Paolo Biondi, Vita, 29 marzo 2019
 
Il nuovo welfare è antico: ritorna la mensa popolare
Una nuova formula di mensa solidale che si rifà ad un antico sistema di lotta alla povertà, quello delle società di mutuo soccorso. Sono queste le basi su cui poggia il progetto "Fooding. Alimenta la solidarietà", promosso da Arci Torino presso quattro mense popolari aperte presso i circoli Arci del capoluogo piemontese e grazie a due centri di raccolta e distribuzione di cibo invenduto offerto dai commercianti | Maria Teresa Martinengo, La Stampa, 27 marzo 2019
 
Società di mutuo soccorso: ecco la nuova indagine nazionale
È stata presentata la seconda indagine nazionale sulle Società di Mutuo Soccorso. I dati dicono che complessivamente sono 995 le SMS italiane (in calo rispetto all’edizione del 2016). Quelle attive sono però aumentate (23 in più, pari a un +7,8%), arrivando a 532. | Sara De Carli, Vita, 10 aprile 2019
 
I più poveri sono i bambini, così nasce l'atlante della povertà educativa in Italia
Sono i minori i più colpiti dalla povertà assoluta. Nel 2005 era povero il 3,9% dei minori di 18 anni, un decennio dopo la percentuale è triplicata, e supera il 12%. I bambini e gli adolescenti in povertà assoluta in Italia sono un milione e 200mila. Il secondo Rapporto sulla povertà educativa minorile in Italia - presentato il 10 aprile a Roma da Openpolis e dall'impresa sociale Con i Bambini - non lascia scampo: il nostro Paese ha un problema enorme | Nadia Ferrigo, La Stampa, 10 aprile 2019
 
Le badanti rumene e la "Sindrome Italia"
In vista delle elezioni europee del prossimo 26 maggio il Corriere della Sera ha lanciato Cento Giorni in Europa, una serie di reportage sui Paesi membri della UE (e non solo) di cui vi abbiamo già raccontato segnalandovi il report sulla Svezia e il suo modello di conciliazione e quello sul sistema universitario danese. Francesco Battistini ha curato uno degli ultimi approfondimenti pubblicati, dedicato alla Romania e alla drammatica situazione delle donne che vengono nel nostro Paese per curare gli anziani. Quelle che comunemente chiamiamo badanti.
 
Il taglio del bonus per baby sitter e asili nido
In questi giorni un comunicato dell'INPS ha riacceso le polemiche intorno all'impegno del Governo Conte sul fronte delle politiche per la famiglia. L'istituto ha infatti ribadito che il bonus per asilo nido e baby-sitting alternativo al congedo parentale non è stato prorogato dalla Legge di Bilancio e, pertanto, dal 1° gennaio non è più possibile richiederlo. Come ben spiega da Il Post, che ha fatto il punto sul tema chiarendo alcuni aspetti tralasciati da altri organi di stampa. | Il taglio del bonus per baby sitter e asili nido
 
La sanità integrativa è realtà per oltre 110mila trentini
Lo scorso 2 aprile presso la facoltà di Scienze Politiche, Economiche e Sociali dell'Università degli Studi di Milano si è svolto il seminario "Programmazione sanitaria: come integrare le banche dati pubbliche e quelle dei fondi sanitari integrativi" organizzato da Percorsi di secondo welfare insieme al Centro ICONA. Alcuni dei temi emersi nel corso del seminario sono stati pubblicati il 3 aprile sono stati sintetizzati in un articolo pubblicato dal quotidiano "Trentino".
 
Invalidità, la beffa dei certificati: per legge sono gratuiti, ma quasi nessuno lo sa
Il rilascio del certificato di invalidità per legge è gratuito da due anni. Il decreto ministeriale del 12 gennaio 2017 ha infatti aggiornato l'elenco dei Livelli essenziali di assistenza (LEA), cioè prestazioni sanitarie da garantire ai pazienti in modo gratuito con il Servizio Sanitario Nazionale, prevedendo anche certificato di invalidità e accertamenti medici legali collegati. La norma tuttavia è poco nota sia tra i medici di base che tra i beneficiari potenziali, quindi molti continuano a pagare per ottenerlo. Com’è possibile? | Simona Ravizza, Corriere della Sera, 1 aprile 2019
 
Tirar fuori il meglio dal reddito di cittadinanza: «è questa la sfida che adesso attende il welfare locale»
Cristiano Gori, coordinatore scientifico dell’Alleanza contro la povertà, su Vita ha evidenziato criticità e opportunità del Reddito di Cittadinanza, approvato nei giorni scorsi in via definitiva. Pur essendo migliorato, la misura presenta ancora significative criticità, a cominciare dalla "fretta" con cui è stata pensata ed approvata. Ma per Gori "davanti a noi c’è una possibilità di sviluppo del welfare locale senza precedenti" | Sara De Carli, Vita, 29 marzo 2019
 
In Danimarca lo Stato paga chi va all'università
In vista delle elezioni europee del prossimo 26 maggio il Corriere della Sera ha lanciato Cento Giorni in Europa, una serie di reportage sui Paesi membri della UE (e non solo) su alcuni aspetti che li caratterizzano (qui vi avevamo raccontato del report sulla Svezia e il suo modello di conciliazione). Orsola Riva ha curato un interessante approfondimento sulla Danimarca e sul suo peculiare sistema universitario. | Orsola Riva, Corriere della Sera, 28 marzo 2019
 
Con il Decreto Salvini gli immigrati irregolari sono cresciuti di 44.000 unità, dice ISPI
Dal giorno dell’entrata in vigore del Decreto Sicurezza in Italia ci sono circa 44.000 stranieri irregolari in più. A dirlo è il Corriere della Sera riportando una stima diffusa dall'ISPI, l'Istituto per gli studi di politica internazionale, che già prima del varo della nuova legge aveva avvertito sui rischi connessi alla stretta sui permessi umanitari. Secondo gli esperti, infatti, migliaia di immigrati hanno perso le tutele di legge ma non sono stati espulsi dal territorio italiano, diventando nei fatti irregolari | Claudio Del Frate, Corriere della Sera, 24 marzo
 
Asili ancora insufficienti. L'Italia in ritardo rispetto all'Europa
Nei giorni scorsi l'Istat ha pubblicato un rapporto in merito alla condizione degli asili nido in Italia. I dati che emergono non sono incoraggianti. Secondo l'Istituto di Statistica, infatti, i posti disponibili negli asili nido in Italia coprono solo il 24% del potenziale bacino di utenza, ovvero i bambini residenti under 3 | Ilaria Venturi, La Repubblica, 21 marzo 2019
 
Welfare, la palestra non basta più: quando l'azienda ''vuol bene'' ai dipendenti
Il quotidiano La Repubblica - attraverso la sua piattaforma online - ha dedicato un interessante articolo al tema del welfare aziendale. Nel contributo si sottolinea come all'interno di questo mondo si stiano sempre più facendo spazio interventi per l'armonizzazione dei tempi di vita e di lavoro, come il maggiordomo aziendale o la previsione di congedi familiari e parentali extra | Luisa Grion, La Repubblica, 21 marzo 2019
 
Bologna, i campioni del welfare e il passo avanti (ancora) da fare
Corriere Buone Notizie, inserto settimanale del Corriere della Sera, ha dato il via ad un ciclo di eventi partendo da Bologna. Il capoluogo emiliano-romagnolo non è stato scelto a caso: si tratta infatti di una realtà in cui negli ultimi anni sono nate interessanti esperienze di welfare "dal basso" e iniziative che hanno coinvolto il mondo della cooperazione e del Terzo Settore.
 
Il mondo? Comincia da dietro casa nostra
Su Corriere Buone Notizie Paolo Venturi riflette del ruolo assunto negli ultimi anni dalle cooperative di comunità. Secondo il direttore di AICCON il "peso" di queste realtà è evidente soprattutto nelle aree interne, dove lo spopolamento, l’invecchiamento, il depauperamento delle infrastrutture economiche e sociali sono più forti.
 
La legge spazzacorrotti rischia di devastare il Terzo Settore
Alcune norme contenute nella legge 3/2019, la cosiddetta "spazzacorrotti", rischiano di mettere in ginocchio il Terzo Settore. A dirlo è Elisabetta Soglio, responsabile editoriale di Corriere Buone Notizie, che segnala un problema enorme che finora in pochi avevano preso in considerazione (tra di loro l'ex parlamentare Paolo Alli sul Sussidiario). Scrive Soglio:
 
Ci sono sempre più anziani e sono sempre più soli. Un'emergenza che accomuna diversi Paesi
La persona dominata dalla solitudine non ha nessuno a cui rivolgersi nel momento del bisogno per ottenere un aiuto nelle cose concrete della vita o per essere supportato e consolato nel momento dell’angoscia. Una situazione che si presenta soprattutto per le persone in età avanzata e i caregiver che sostengono i non autosufficienti. A dirlo sulle pagine di Avvenire è Marco Trabucchi, Presidente dell'Associazione Italiana di Psicogeriatria.
 
Come agevolare la conciliazione vita-lavoro? Parte la ricerca sulle imprenditrici della Provincia di Varese
Conciliare il lavoro con la vita privata non è sempre facile, specialmente se si è donne e si deve portare avanti un'attività commerciale e contemporaneamente gestire le esigenze della propria famiglia. Per riflettere di questo tema il Gruppo delle imprenditrici di “Terziario Donna” - Confcommercio UNIASCOM provincia di Varese ha deciso di promuovere una ricerca per individuare e analizzare i principali bisogni e le conseguenti difficoltà che le donne imprenditrici si trovano a vivere giorno dopo giorno.
 
Wellness e imprese 2.0, così rinasce il sito Whirlpool di Comerio
Whirlpoll ha recentemente presentato il progetto "Comerio New Life". Si tratta di un piano di riqualificazione dell'area che ospitava il vecchio quartier generale della società, in Provincia di Varese. Il progetto - nel quale sono coinvolgi anche gli Enti pubblici locali - prevede tra le altre cose la realizzazione di strutture residenziali per anziani, allo scopo di promuovere la nascita di una Ageing Community | AdnKronos, 27 febbraio 2019
 
L'infanzia, il tempo dei più poveri. Non siamo un Paese per bambini
In Italia un milione e ottocentomila bambini vivono in povertà assoluta. Uno su otto. Nel 2005 la classe di età con il maggior disagio erano gli over 65, ora sono gli under 17. Dodici anni dopo, mentre la situazione si è stabilizzata per gli over 65 - i dati registrano un incremento dello 0,1% - è infatti drasticamente peggiorata per tutti gli altri. Tra i minori la percentuale è triplicata, ora segna il 12,1% | Nadia Ferrigo, La Stampa, 4 marzo 2019
 
Il Welfare Manager che aiuta i metalmeccanici di Forlì
Filippo Bucci, 31 anni, è uno dei pochi welfare manager italiani. Lavora con i metalmeccanici di Forlì e la sua attività quotidiana è uno dei rari esempi di accompagnamento al welfare aziendale "oltre lo standard". Bucci ha infatti seguito il corso di formazione organizzato dal Gruppo Cooperativo Cgm, di cui ci siamo spesso occupati | Diana Cavalcoli, Corriere della Sera, 27 febbraio 2019
 
Il vicolo cieco della povertà educativa
In Italia un milione e 208mila bambini vivono in povertà assoluta, un bambino su 8. La povertà riguarda tutto il territorio del nostro Paese: tocca l’11,7% dei bambini che vivono al Nord Italia e il 13,9% di quelli che vivono al Sud; il 10,8% di chi vive nelle città metropolitane e il 9,7% di chi vive in piccoli comuni | Sara De Carli, Vita, 18 febbraio 2019
 
Unipol assicura il welfare dei dipendenti. Un aiuto per figli e genitori anziani
Unipol, il gruppo assicurativo e finanziario italiano con sede a Bologna, investe da oltre 10 anni nel welfare aziendale. Grazie alla contrattazione di secondo livello, il gruppo ha implementato un complesso sistema di misure e strumenti a sostegno dei circa 14.000 dipendenti. Queste prestazioni coprono le aree sociali più rilevanti: la genitorialità, il volontariato, la maternità, la cura degli anziani e dei familiari non autosufficienti, fino alle incombenze quotidiane e il tempo libero | Quotidiano.net, 18 febbraio 2019
 
Welfare, l'irresistibile ascesa delle spese per l'assistenza
Nel 2017 le spese pubbliche per i trasferimenti assistenziali sono state di 110,15 miliardi di euro nel 2017, cioè 26,65 miliardi rispetto al 2012. Tale cifra è inoltre destinata a salire fino a 120 miliardi nel corso del 2019 con l’attuazione del reddito e delle pensioni di cittadinanza. Lo dice un recente report realizzato dal Centro Studi e Ricerche di Itinerari Previdenziali | Davide Colombo, Il Sole 24 Ore, 13 febbraio 2019
 
Milano, nasce il registro dei richiedenti asilo: mitigherà gli effetti del decreto Salvini
Nasce a Milano un "registro" per i richiedenti asilo, uno strumento che permetterà all'amministrazione di "tutelare" quei migranti che, per effetto del decreto Salvini, non potranno più iscriversi all'anagrafe cittadina. E' la risposta del Comune preannunciata da Sala a fine ottobre quando il vicepremier Salvini volle inserire nel decreto sicurezza una norma che vieta agli enti locali di rilasciare certificati di residenza ai rifugiati in attesa di risposta sulla loro domanda di protezione internazionale | Zita Dazzi, Repubblica, 14 febbraio 2018
 
Soldi, formazione, orari: ecco cosa lega (o fa scappare) gli italiani al posto di lavoro
Secondo il rapporto sulla Salary Satisfaction dell'Osservatorio JobPricing secondo i lavoratori la remunerazione è al primo posto tra le dinamiche che più incidono nella scelta del lavoro e dell'azienda. Seguono poi altre leve su cui le imprese possono contare per fidelizzare o attrarre i talenti migliori: la seconda e la terza voce risultano infatti essere la "formazione" e la "possibilità di sviluppare la carriera" | Raffaele Ricciardi, Repubblica, 10 febbraio 2018
 
Caritas: dal Reddito di cittadinanza rischio di nuove disuguaglianze
Il requisito di 10 anni di residenza in Italia per percepire il reddito di cittadinanza esclude migranti regolari e rischia di escludere le persone in grave marginalità a partire dai senza dimora. È la denuncia arrivata da parte della Caritas | Avvenire, 5 febbraio 2019
 
Secondo il CEO di Gucci il volontariato aiuta a lavorare meglio, quindi bisogna incoraggiare i dipendenti a farlo.
Da un paio di anni Gucci vive un momento magico dal punto di vista delle vendite, ma anche dell'immagine internazionale del brand, continuamente in grado di rinnovarsi e rilanciarsi. Secondo Marco Bizzarri, Presidente e amministratore delegato del gruppo, questo successo è dovuto al circolo virtuoso creato all'interno dell’azienda attraverso programmi che sostengono il benessere dei dipendenti nelle sue diverse sfaccettature | Giulia Crivelli, Il Sole 24 Ore, 8 febbraio 2019
 
Il Paese senza genitori: fra 20 anni 2,2 milioni di madri in meno
Il numero medio di figli per donna è rimasto invariato a 1,32, come nel 2017, eppure, nell’ultimo anno, di bambini ne sono nati novemila in meno. L’antinomia dei due dati appena rilasciati dall’Istat è la foto perfetta di una nuova "trappola demografica". La definisce così Letizia Mencarini, demografa alla Bocconi di Milano, facendo notare che sì il nostro tasso di fecondità è basso (1,32 appunto, contro l’1,9 della Francia o l’1,8 della Gran Bretagna) | Candida Morvillo, Corriere della Sera, 7 febbraio 2018
 
Reddito di cittadinanza: le forti criticità sulla povertà minorile
Chiara Saraceno, sociologa e docente presso l'Università di Torino, in un suo recente articolo pubblicato all'interno del portale Welforum.it sottolinea come nelle misure attuative del Reddito di cittadinanza non ci sia una adeguata attenzione alla povertà minorile, fenomeno tra i più rilevanti per il nostro Paese | Chiara Saraceno, Welforum.it, 4 febbraio 2019
 
Da Fondazione Vodafone un bando per sport e disabilità
Al via il nuovo bando di Fondazione Vodafone "Ogni Sport Oltre - OSO" rivolto a tutte le associazioni sportive che vogliano realizzare progetti in grado portare un sostegno efficace alla diffusione della pratica sportiva tra persone con disabilità fisiche, sensoriali e intellettivo relazionali. In totale saranno stanziati oltre 1.2 milioni di euro | Vita, 31 gennaio 2019
 
Rivit Asiago. Dal nido alle elementari: così l'azienda aiuta i figli dei dipendenti
Nell’ottobre scorso, i vertici della Rivit - impresa di Asiago che produce ed esporta in tutto il mondo tubi in acciaio inox e leghe speciali di grandi dimensioni, destinate alle aziende estrattrici di oil & gas - insieme alle parti sindacali, hanno sottoscritto un nuovo accodo integrativo che prevede interessanti misure di welfare aziendale | Francesco Dal Mas, Avvenire, 5 febbraio 2019
 
Verso la direttiva UE sul congedo di paternità
Giovedì 24 gennaio il Consiglio dell’UE e il Parlamento Europeo hanno trovato un accordo per introdurre il congedo di paternità e modificare l’attuale congedo parentale previsto dalle normative europee
 
Il paradosso del Reddito di Cittadinanza secondo Cristiano Gori
Su Vita è stata pubblicata un'intervista di Sara de Carli a Cristiano Gori, ideatore e coordinatore scientifico dell'Alleanza contro la Povertà in Italia. L’intervista segue la diffusione, da parte dell’Alleanza, del comunicato “Maggiori risorse, peggiori risposte. La posizione dell’Alleanza contro la povertà in Italia sul Reddito di cittadinanza”
 
Rapporto Oxfam 2019: aumenta il divario tra ricchi e poveri nel mondo
Aumenta il divario tra ricchi e poveri nel mondo. Nel 2018, da soli, 26 miliardari possedevano la stessa ricchezza della metà più povera del pianeta. A dirlo è il Rapporto Oxfam 2019 pubblicato alla vigilia del meeting annuale del Forum economico mondiale di Davos. Anche l'Italia è in linea con i dati globali: il 20% più ricco dei nostri connazionali possedeva, nello stesso periodo, circa il 72% dell'intera ricchezza nazionale. Il rapporto evidenzia, inoltre, una forte correlazione tra disuguaglianza economica e disuguaglianza di genere | SkyTG24, 21 gennaio 2019
 
Sanità: 4,5 milioni di famiglie italiane hanno ridotto le spese per le cure
Secondo il Rapporto Sanità del Crea-Università Tor Vergata di Roma, nel nostro Paese il 17,6% delle famiglie (4,5 milioni) ha dichiarato di aver cercato di limitare le spese sanitarie per motivi economici (100.000 in più rispetto al 2015), e di queste 1,1 milioni le hanno annullate del tutto. Il Mezzogiorno è l'area più colpita (5,6% delle famiglie), seguita dal Centro (5,1%), dal Nord-Ovest (3,0%) e dal Nord-Est (2,8%) | La Repubblica, 17 gennaio 2019
 
Welfare aziendale, le (tante e piccole) imprese che aiutano i dipendenti
Su Buone Notizie, inserto settimanale del Corriere della Sera, è stata pubblicata un'inchiesta curata da Paolo Riva sulla diffusione del welfare aziendale nel nostro Paese. A commento dell'analisi segnaliamo un articolo firmato dal nostro Valentino Santoni, che sottolinea la crescente importanza della contrattazione collettiva e territoriale per un corretto sviluppo del fenomeno.
 
Un welfare più efficiente per poter tagliare le tasse
La crisi in atto nella Francia di Macron è la conferma di un problema ben più vasto che sta interessando l'intera Europa Occidentale: l'aumento delle tutele sociali, con la conseguente espansione del Welfare State, ha fatto sì che certe garanzie siano oggi considerate diritti inalienabili. Ma i costi per sostenere questo modello sono ormai insostenibili. Come intervenire?
 
Fondazioni: l'innovazione può diventare cambiamento?
Su Vita il Direttore Generale di Fondazione CRC, Andrea Silvestri, offre alcune riflessioni sul percorso che le Fondazioni hanno affrontato negli ultimi 15 anni alla ricerca di un “valore aggiunto” della propria azione, che moltiplicasse il beneficio per le proprie comunità di riferimento, oltre la sommatoria dei contributi erogati. Questo valore aggiunto, secondo Silvestri, "è identificato nella capacità di realizzare innovazione sociale, declinata nelle fasi di ideazione, sperimentazione in piccola scala, valutazione rigorosa dei risultati, e, infine, proposta di estensione delle soluzioni sperimentate agli enti pubblici preposti".
 
Benefit aziendali, i lavoratori chiedono supporto per asili e gestione degli anziani
Supporto per l'asilo dei piccoli e l'assistenza degli anziani, altro che macchina aziendale o abbonamento alla palestra. Sono questi i temi che premono ai lavoratori in questo periodo di riavvio delle attività dopo le festività natalizie. Secondo un'indagine di Uecoop, su dati Ipsos, ben sei lavoratori su dieci (59%) mettono al primo posto nella classifica dei benefit aziendali preferiti quelli legati alle spese familiari, dall'asilo dei figli all'assistenza degli anziani. | La Repubblica, 9 gennaio 2019
 
Il declino delle nascite si può fermare
Il calo delle nascite in Italia non è un destino ineluttabile al quale rassegnarsi. Per invertire la tendenza bisogna però costruire un ambiente sociale favorevole alle coppie con figli, varando politiche incisive e inclusive, come insegna l'esperienza dell'Alto Adige. | Marcantonio Caltabiano e Alessandro Rosina, lavoce.info, 8 gennaio 2018
 
La povertà e la miseria. Verità dei fatti, parole e scelte cattive
Negli ultimi mesi, nel dibattito politico si è fatto molto spesso riferimento ai dati Istat sulla povertà. Ma, come ricorda Marco Tarquinio nelle pagine di Avvenire, i 5 milioni e 58mila poveri residenti in Italia non sono saltati fuori dall'oggi al domani: dopo un salto impressionante tra il 2008 e il 2010, infatti, le persone in povertà sono aumentate incessantemente negli ultimi undici anni | Marco Tarquinio, Avvenire, 8 gennaio 2019
 
Guzzetti e gli investimenti di Fondazione Cariplo a sostegno del welfare
Giuseppe Guzzetti è presidente di Fondazione Cariplo dal 1997. Entro il 2019, però, la Fondazione dovrà eleggere un suo successore in modo da completare il rinnovo degli organi della Commissione Centrale di Beneficenza | Nicola Saldutti, Corriere della Sera, 25 dicembre 2018
 
L'Italia che invecchia senza cure
Troppi anziani lasciati soli e senza assistenza. Troppi over 65 dimenticati. Impossibile per migliaia di loro accedere alle cure o essere seguiti in modo adeguato da medici e infermieri. Colpa del sovraffollamento e della carenza strutturale di posti letto negli ospedali. È una fotografia preoccupante quella scattata dal Rapporto Oasi 2018, l’ultimo studio presentato dal Centro di ricerche sulla gestione dell’assistenza sanitaria e sociale dell’Università Bocconi di Milano (Cergas) | Corriere della Sera, 27 dicembre 2018
 
Manovra, per il governo il non profit è un bene di lusso
«Erano 65 anni che nessuno osava metter sullo stesso piano un’oreficeria di lusso, una multinazionale con 119 stabilimenti e il servizio ambulanze d’una valle alpina. La «finanziaria del popolo» l’ha fatto. Raddoppiando l’Ires al «non profit» per portarla al livello delle società che dal lucro sono mosse. Una scelta accolta dal mondo del volontariato come un pugno nell’occhio». E' questo il pensiero espresso da Gian Antonio Stella all'interno delle pagine del Corriere della Sera | Gian Antonio Stella, Corriere della Sera, 23 dicembre 2018
 
Manovra, Guzzetti (Fondazione Cariplo): ''Negano il futuro ai bambini''
''Negano il futuro ai bambini e applaudono. E' una misura assurda, si va a tassare chi, come le fondazioni che erogano oltre un miliardo all'anno, cerca di fare del bene". E' netto Giuseppe Guzzetti, presidente dell'Acri e di Fondazione Cariplo, nel bollare negativamente la decisione di raddoppiare le tasse a chi opera nel no profit | Adnkronos, 23 dicembre 2018
 
Il lavoro ideale per i Millennials, tra posto fisso, piani di welfare e meritocrazia
Un lavoro intellettuale, magari in una startup più che in una multinazionale, con ottime prospettive di carriera e buone misure di welfare aziendali. Ecco cosa sognano i Millennials nel mondo del lavoro. A fotografare le loro ambizioni è stata l’indagine 2018 dell’Osservatorio Generazione Z, Millennials, lavoro e welfare aziendale promossa da Edenred e Orienta su un campione di oltre 5.000 ragazzi | Silvia Pagliuca, Corriere della Sera, 22 dicembre 2018
 
Welfare, proposte ad hoc: perché all'azienda conviene di più
WRB-Lab - laboratorio nato dalla collaborazione tra Giovanni Scansani, amministratore unico e co fondatore di Valore Welfare, e Dario Cavenago, ordinario di economia aziendale all’università degli studi Milano Bicocca - ha sviluppato una metodologia allo scopo di misurare la “creazione di valore” economico che deriva all’azienda dall’adozione di programmi di welfare aziendale | Luisa Adani, Corriere della Sera, 18 dicembre 2018
 
Se il calo dei giovani rafforza la politica miope
Francesco Seghezzi, direttore di Fondazione ADAPT ed esperto del mondo del lavoro, dedica il suo primo articolo su Open alla condizione di minoranza dei giovani, in Italia e non solo. Prendendo in considerazione diversi dati, Seghezzi sottolinea come negli ultimi anni il peso delle giovani generazioni sia diminuito sotto il profilo demografico, sociale e politico, e come gli attuali dati sulla povertà dimostrino
 
Istat. Quasi tre italiani su dieci a rischio povertà
Secondo l'Istat, nel 2017 si stima che il 28,9% delle persone residenti in Italia sia a rischio di povertà o di esclusione sociale secondo la definizione europea, in miglioramento rispetto al 2016 (30,0%). Il Sud è l'area territoriale più esposta a questo rischio: la percentuale sale infatti fino al 44,4% | Avvenire, 6 dicembre 2018
 
Disabilità, le famiglie italiane spendono 7 miliardi
Ogni anno le famiglie italiane spendono 7 miliardi di euro in personale domestico che accudisca persone disabili. A sostenerlo è una recente ricerca di Domina, Associazione nazionale famiglie datori di lavoro domestico | Caterina Maconi, La Repubblica, 12 dicembre 2018
 
Sorpresa, l'alternanza scuola-lavoro (spesso) funziona e cresce
Come creare nuove prospettive? Un gruppo di grandi aziende ha fatto il punto a Milano sulla rispettiva esperienza portata avanti in questo campo, presentando in conclusione una ricerca sull’alternanza scuola-lavoro e sull’apprendistato. | Giovanna Maria Fagnani, Corriere Buone Notizie, 11 dicembre 2018
 
Ecco come può cambiare il welfare aziendale italiano
L'11 dicembre al Centro Studi Americani si è svolto il Welfare Forum 2018 promosso da Unipol. Qui Giulia Bongiorno, Ministro della Funzione Pubblica, Pierluigi Stefanini, Presidente Unipol, Carlo Cimbri, CEO Unipol, e Alberto Brambilla, Presidente del Centro Studi Itinerari previdenziali, si sono confrontati sul futuro del welfare aziendale nel nostro Paese. | Gianluca Zapponini, Formiche, 11 dicembre 2018
 
Maternità e lavoro, incentiviamo il congedo dei papà
L'emendamento promosso dalla leghista Silvana Comaroli nella legge di Bilancio per il 2019 darà la possibilità alle lavoratrici di scegliere come articolare i cinque mesi di congedo obbligatorio di maternità. Ma, se l'obiettivo è quello di agevolare la conciliazione tra famiglia e lavoro, altre misure a costo zero come questa potrebbero essere prese in considerazione. Per esempio incentivare i papà a sfruttare il loro congedo, che oggi troppo spesso non viene utilizzato | Rita Querzè, Corriere della Sera, 5 dicembre 2018
 
L'innovazione e il cambiamento nel settore della Long Term Care
Su Welforum Giovanni Fosti e Elisabetta Notarnicola riportano un po' di dati interessanti presenti nella prima edizione del rapporto "L’innovazione e il cambiamento nel settore Long Term Care" curato dal Cergas dell'Università Bocconi | Giovanni Fosti e Elisabetta Notarnicola, Welforum, 27 novembre 2018
 
Manovra, cambia il congedo di maternità. Il bonus diciottenni sarà legato all'Isee
Cambiano forma il congedo di maternità, il cosiddetto "Bonus Bebè" e quello per i diciottenni. Secondo quanto stabilito da un emendamento approvato alla Manovra per le future mamme sarà possibile restare al lavoro fino nono mese prima del parto, utilizzando per intero i cinque mesi del congedo per il periodo successivo. Inoltre, viene aumentato da 1000 a 1500 euro l'importo annuo del bonus destinato all'iscrizione ai figli agli asili nido. La misura viene estesa anche al 2021. | La Repubblica, 5 dicembre 2018
 
Al Paese e agli elettori serve lavoro, non assistenza
Secondo Alberto Brambilla, presidente del Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali, per il nostro Paese è essenziale dotarsi di un'anagrafe dell'assistenza in grado di tener traccia delle prestazioni sociali a cui ogni cittadino ha diritto. In questo modo vi sarà maggiore certezza e chiarezza in merito alla spesa pubblica destinata all'assistenza | Alberto Brambilla, Il Punto - Pensioni&Lavor
 
La misurazione dell'impatto sociale? Ha senso solo se profit, pubblico e privato sociale fanno sistema
Secondo Raffaella Pannuti, presidente di Fondazione Ant, "gli Enti del Terzo Settore hanno dimostrato nel tempo di voler maturare, sviluppando sistemi di controllo e di crescita per riuscire ad avere un maggior peso nella società. Per questo, "non possono limitarsi ad aspettare finanziamenti a fondo perduto, ma piuttosto devono creare anche progettualità virtuose e generative di risorse, e, dico anche, di opportunità" | Raffaella Pannuti, Vita, 27 novembre 2018
 
Volete un'emergenza vera? È il crollo delle nascite peggiore di sempre (che non interessa a nessuno)
Secondo l'Istat, nel 2017 sono stati iscritti in anagrafe per nascita 458.151 bambini, oltre 15 mila in meno rispetto al 2016. Nell’arco di 3 anni (dal 2014 al 2017) le nascite sono diminuite di circa 45 mila unità mentre sono quasi 120 mila in meno rispetto al 2008 | Linkiesta, 29 novembre 2018
 
Openpolis ha pubblicato una bella newsletter sulla povertà educativa
Fondazione openpolis si propone raccogliere, analizzare e offrire dati, pubblici e aperti, per aiutare persone, istituzioni e organizzazioni a giudicare la realtà in cui viviamo. Nei giorni scorsi openpolis ha curato, insieme all'impresa sociale Con i Bambini una bella newsletter sulla povertà educativa, ricca di dati e informazioni su dimensioni poco note di questo fenomeno - come i servizi per i minori nelle aree montane, la diffusione delle biblioteche, il rischio di disagio per i minori stranieri e il maggiore rischio di esclusione a cui sono soggette le famiglie con figli - e aggiornando dati su cui è importante rimanere aggiornati - come il livello di povertà tra i minori e la dispersione scolastica.
 
Welfare aziendale in due imprese lombarde su tre
In Lombardia, il welfare aziendale è presente in due aziende su tre. Sono questi i risultati del rapporto 2018 "Il mercato del Lavoro in Lombardia", realizzato da Confindustria Lombardia attraverso un campione di oltre mille imprese associate | Luca Orlando, Il Sole 24 Ore, 22 novembre 2018
 
A Teramo il primo "Housing care": edilizia sociale e per la salute
A Teramo sta nascendo un progetto edilizio, realizzato tramite un'articolata partnership tra pubblico e privato, dal nome "La Fabbrica del Benessere". Si tratta di una struttura che ospiterà circa 400 persone tra anziani fragili (soli o in famiglia), disabili, famiglie con un disabile, studenti, giovani coppie, donne o uomini separati, ma anche famiglie che hanno la casa inagibile a causa del sisma. L'obiettivo? Creare il primo esempio in Italia capace di unire l’attenzione al bisogno abitativo alla cura delle persone come anziani e non autosufficienti | Vita, 19 novembre 2018
 
L'Italia del Rei. Il rischio di un nuovo anno zero per la lotta alla povertà
Reddito di Inclusione (REI) e Reddito di Cittadinanza. Cosa pensano le Amministrazioni delle più importanti città del nostro Paese di questo importante cambiamento? Quali potranno essere le conseguenze di questa nuova politica di contrasto alla povertà/disoccupazione? Il portale Redattore Sociale ha cercato di approfondire questo tema osservando da vicino qual è la situazione di alcuni grandi Comuni italiani | Giovanni Augello, Redattore Sociale, 16 novembre 2018
 
Sud: le cooperative sono l'argine alla disoccupazione
Lavoro Sud: le cooperative sono l’argine alla disoccupazione di Redazione 14 novembre 2018 Tra il 2012 e il 2016 sono stati creati oltre 20mila posti di lavoro a fronte degli oltre 25mila persi nelle altre imprese. Sono questi i dati presentati alla prima Biennale della Cooperazione dal Centro Studi Alleanza Cooperative Italiane | Vita, 14 novembre 2018
 
La povertà dilaga in tv ma davanti ai poveri veri i politici si dileguano
Nei talk show più rissosi l’argomento «povertà» è una delle clave preferite. A colpi di citazione dell’Istat e dei-cinque-milioni-di-poveri-assoluti (e di un numero iperbolico di «relativi») i contendenti usano quest’argomento per bastonare l’avversario e metterlo in fuga. Se però dalla passerella del grande schermo passiamo alla cruda realtà quotidiana l’interesse per i temi dell’indigenza cala paurosamente | Dario Di Vico, Corriere della Sera, 19 novembre 2018
 
Manovra, non solo bonus bebè: ecco le misure dimenticate per le famiglie
Chi mette al mondo il terzo figlio nel 2019 potrà ricevere un terreno in concessione e una serie di agevolazioni per avviare un’attività agricola. Nel frattempo, però, rischia di non beneficiare più di tutta una serie di incentivi, bonus e voucher pensati per le famiglie, il cui futuro ora diventa incerto. Già annunciati due emendamenti per “tenere in vita” il il bonus bebè, il congedo di quattro giorni per i neo-papà, altrimenti non rinnovati per l’anno prossimo. Ma se il disegno di legge di Bilancio all’esame del Parlamento non dovesse subire ulteriori modifiche, sono destinati a “scadere” anche gli sgravi contributivi per le politiche di conciliazione lavoro/famiglia e il voucher baby-sitter | Michela Finizio, Il Sole 24 Ore, 12 novembre 2018
 
Guzzetti: "Fondazioni bancarie contro crisi welfare"
Le fondazioni bancarie come antidoto alla crisi del welfare. Istituti "strettamente legati al territorio" che rispettano "rigorosamente l'autonomia del management e danno stabilità alle banche senza interferire" e che insieme a Terzo settore e volontariato "cercano di attutire il disagio sociale che altrimenti sarebbe ancora più forte". Questo il pensiero di Giuseppe Guzzetti, presidente Fondazione Cariplo e presidente Acri, espresso nel corso del convegno che si è tenuto a Milano sul tema "La fondazione bancaria tra finanza e impegno sociale". | Adnkronos, 11 novembre 2018
 
Aumenta il gap fra le generazioni: i più poveri sono i bambini
Prima della crisi i più colpiti dalla povertà erano gli over65: erano poveri assoluti il 4,5% di essi e la percentuale è rimasta più o meno tale. Oggi invece la situazione è ribaltata: gli over65 sono la fascia meno colpita dalla povertà. A guidare la classifica ci sono i minorenni, balzati al 12%. Inoltre nel 2005 la forbice tra la fascia d'età più povera e quella meno povera (quella tra 35 e 64 anni) era inferiore ai 2 punti percentuali, come dire che la povertà era qualcosa che riguardava trasversalmente e in maniera omogenea un po' tutte le età mentre oggi l’incidenza della povertà sulle diverse fasce d’età ha valori radicalmente diversi | Vita, 13 novembre 2018
 
Il Terzo settore al governo: "Il nuovo Fisco minaccia 340mila enti"
«Siamo molto preoccupati perché nel testo della Legge di Bilancio in discussione in Parlamento non troviamo le nostre richieste sugli adeguamenti della normativa fiscale del Terzo settore. Si tratta di questioni di grandissima importanza per l’operatività di oltre 340mila organizzazioni. E' questo il messaggio che Claudia Fiaschi, portavoce del Forum del Terzo settore, rivolge a nome delle tante associazioni e cooperative che operano nel mondo del Terzo settore al Governo». | Fausta Chiesa, Corriere della Sera, 13 novembre 2018
 
L'ascesa della co-economy
"Nell’intersezione tra economia e società possiamo osservare due fenomeni", spiega Paolo Venturi, direttore di Aiccon, in un articolo de Il Sole 24 Ore. "Il primo: l’impresa sociale classica, che il recente processo di riforma colloca nel terzo settore; mentre il secondo riguarda la forte presenza di una generazione di imprenditori sociali che, sotto la spinta della sostenibilità e della condivisione, è protagonista di nuove forme di economia sociale" | Alessia Maccaferri, Il Sole 24 Ore, 13 novembre 2018
 
Faac: il "capitalismo nel nome di Dio" funziona
La storia di Faac cambia radicalmente nel 2012, quando Michelangelo Manini, figlio unico del fondatore della Faac, Giuseppe, muore ad appena 50 anni. Single e senza eredi, regala il 66% dell’azienda di famiglia all’Arcidiocesi, insieme alle proprietà immobiliari e 140 milioni di liquidità in banca. Le linee guida indicate negli anni successivi dall'Arcidiocesi sono chiare: prima di tutto attenzione al welfare dei dipendenti | Domenico Affinito e Milena Gabanelli, Corriere della Sera, 8 novembre 2018
 
La startup senza una sede: tutti i 700 dipendenti lavorano da casa (o da dove vogliono)
InVision è una start up di software fondata nel 2011 dall'americano Clark Valberg. La particolarità di questa realtà sta nel fatto che, sin dalla sua nascita, tutto il lavoro è svolto da dipendenti che lavorano da remoto. Gli oltre 700 impiegati infatti svolgono il loro lavoro da ogni angolo del mondo, tra cui Inghilterra, Israele, Australia, Argentina e Nigeria, ma senza mai recarsi in una sede ufficiale o in un ufficio della società. | Business Insider Italia, 3 novembre 2018
 
Il miraggio del cibo sano e la povertà alimentare
Quando si pensa alla lotta alla fame nel mondo la mente corre ai Paesi africani. Alle famiglie che non hanno riso, acqua, patate. Ai pacchi di pasta lanciati dal cielo dalle Ong, alle raccolte fondi e ai progetti per la coltivazione nelle zone rurali più povere. In Italia la fame, quella che scava il viso e impedisce di camminare, è stata sconfitta da tempo ma sulla questione cibo, nutrizione e agricoltura sostenibile il Paese che ha inventato la tanto decantata «Dieta mediterranea» potrebbe fare di più | Diana Cavalconi, Corriere della Sera, 7 novembre 2018
 
Il welfare familiare e lo spread con i Paesi nordici
In Danimarca ogni famiglia con un neonato riceve dallo Stato per tre anni 2.415 euro ogni dodici mesi, se il reddito è inferiore a 102.000 euro. Questi interventi non si fermano all’infanzia, ma proseguono fino alla maggiore età. Dai 3 ai 6 anni l'incentivo è pari 1.912 euro l’anno, mentre dai 7 ai 18 anni scende a 1.505 euro. L’unica condizione, posta dal governo, è che dopo i 14 anni i ragazzi frequentino almeno l’85 per cento delle lezioni a scuola | Francesco Profumo, Corriere della Sera, 7 novembre 2018
 
A rischio l'assistenza per gli anziani di domani
Cresce il numero di anziani bisognosi di cure, ma diminuisce il numero dei caregiver famigliari, soprattutto le donne. Gli anziani del futuro avranno pensioni più basse e questo inciderà sul mercato privato di cura. Una situazione che potrà compromettere seriamente il futuro dell’assistenza domiciliare degli anziani non autosufficienti nel nostro Paese. Con conseguenze gravissime per milioni di famiglie | Vita, 5 novembre 2018
 
Passi indietro nella (già poca) integrazione tra scuola e lavoro
Il sistema informativo Excelsior annualmente rileva, in una prospettiva quinquennale, i fabbisogni occupazionali e formativi delle nostre imprese. A questo sondaggio si aggiungono rilevazioni mensili, con proiezioni trimestrali, ed altre letture su base territoriale. Nei giorni scorsi è stata presentata la indagine 2018-2022 secondo la quale tendono ad aumentare i contratti offerti ma si incrementa anche la difficoltà da parte delle imprese di incontrare le persone corrispondenti ai propri fabbisogni | Maurizio Sacconi, Bollettino ADAPT, 6 novembre 2018
 
Il vero volto dell'immigrazione. Il quadro reale in Italia e un dibattito falsato
Sono usciti nei giorni scorsi due rapporti sull’immigrazione nel nostro Paese che aiutano a comprendere nei suoi termini effettivi un fenomeno così discusso. Sono il XXVII Rapporto di Caritas-Migrantes e il Dossier Immigrazione 2018 curato dal Centro Studi e Ricerche Idos in partenariato con il Centro Studi Confronti | Maurizio Ambrosini, Avvenire, 6 novembre 2018
 
Welfare: in arrivo per le Regioni più di 723 milioni
Via libera ai riparti del fondo nazionale politiche sociali 2018 (266,7 milioni), del fondo per le non autosufficienze 2018 (447,2 milioni), del fondo per le politiche della famiglia 2018 (4,4 milioni) e delle risorse per interventi per coloro che - a causa di un provvedimento giudiziario - al compimento della maggiore età, vivono fuori dalla famiglia (5 milioni ogni anno, triennio 2018-2020) | Regioni.it, 31 ottobre 2018
 

 
Pagina 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24