TERZO SETTORE / Fondazioni
Housing sociale: una nuova strada per contrastare la povertà abitativa nel Sud Italia
Fondazione con il Sud ha stanziato 4 milioni di euro per sostenere iniziative di housing nel Mezzogiorno. Sono 10 i progetti selezionati, in cui la casa è individuata come l'inizio di un percorso di autonomia e inclusione sociale.
03 dicembre 2018

Promuovere percorsi di co-housing e contrastare la povertà abitativa nelle regioni del Mezzogiorno. Sono questi gli obiettivi principali del bando "Benvenuti a casa!" promosso da Fondazione con il Sud, ente non profit nato dall’alleanza tra le fondazioni di origine bancaria, il mondo del Terzo Settore e del volontariato per promuovere l’infrastrutturazione sociale nel Sud del nostro Paese.

In totale, la Fondazione ha messo a disposizione 4 milioni di euro per sostenere progetti che prevedano esperienze di coabitazione, scambi e supporto reciproco tra i destinatari (ad esempio: condivisione nella cura e gestione dei figli, portierato sociale, condominio solidale, ecc.), la riqualificazione di quartieri o zone a rischio degrado e il contrasto allo spopolamento dei piccoli comuni.

Al momento della scadenza del bando - avvenuta lo scorso luglio - i progetti presentati sono stati 40: 8 di questi si riferiscono alla Campania, 9 alla Puglia, 8 alla Calabria, 6 alla Sicilia, 3 alla Basilicata, 3 alla Sardegna e 3 a più regioni. Tali iniziative si sono proposte di coinvolgere oltre 260 realtà - pubbliche, private e del Terzo Settore - attraverso forme di alleanza territoriale e partenariati.

Lo scorso 28 ottobre la Fondazione ha annunciato di aver selezionato 10 progetti, di cui tre interessano la Sicilia, due la Calabria, la Campania e la Puglie e uno la Basilicata. In particolare, le città dove si svolgeranno le azioni di progetto sono: Catania, Foggia e Lucera (Fg), Potenza, Castiglione Cosentino (Cs), Salerno e Baronissi (Sa), Gela (Cl), Avellino e Solofra (Av), Crotone, Bari, Palermo. Saranno coinvolti migranti, giovani in uscita da comunità terapeutiche o da comunità residenziali, nuclei familiari disagiati, ex detenuti, ex tossicodipendenti, pazienti psichiatrici, padri separati in difficoltà economica e donne sole o in uscita da situazioni di violenza.

In particolare, sembra esserci una costante che accomuna tutti questi progetti: la volontà di accompagnare persone che si trovano in situazioni di fragilità e svantaggio verso percorsi di autonomia di reddito e riacquisizione della fiducia. La casa rappresenta quindi solo l’inizio del percorso, che porterà coloro che vivono in condizione di povertà ed esclusione sociale a reintrodursi nel contesto socio-lavorativo, in una logica di comunità e mutuo aiuto.

All'interno del sito internet di Fondazione con il Sud, è possibile trovare l'elenco dei progetti selezionati e una loro descrizione.

 


A Milano nasce Grace, un nuovo luogo pensato per le persone fragili. E non solo.

Cohousing: una soluzione anche per gli anziani?

Housing sociale e solidarietà intergenerazionale: l'esperienza della Casa di zia Jessy