PRIMO WELFARE /
Mamme equilibriste: le proposte di Save the Children per conciliare famiglia e lavoro
Quattro strategie per sostenere le mamme/lavoratrici e le loro diverse esigenze in tema di work-life balance
18 gennaio 2018

Come hanno riportato alcuni media negli ultimi giorni, secondo gli ultimi dati forniti dall’Ispettorato nazionale del lavoro le neomamme che si sono licenziate sono state più di 25 mila. La ragione principale sono le grandi difficoltà che incontrano le donne nel riuscire a lavorare e prendersi cura dei propri figli contemporaneamente. Save the Children, all'interno del suo sito, ha indicato 4 strategie per sostenere le mamme/lavoratrici a seconda delle diverse esigenze:

Strategia famigliare e reti sociali

Una possibilità è quella del ricorso alla rete parentale, o meglio ai nonni. Una strategia, però, sempre meno sostenibile in futuro dato l’invecchiamento della popolazione, l’aumento dell’età media delle madri e l’allungamento della vita lavorativa dei nonni. Esiste una strategia alternativa, per chi non può avvalersi dell’aiuto dei nonni: il ricorso alle reti sociali, cioè costituite da amici, colleghi, famigliari o da altre famiglie.

Strategie pubbliche ed asili

Un esempio di servizio importante per le famiglie ma tuttavia ancora insufficiente come offerta quantitativa è la disponibilità di posti negli asili nido. È importante sottolineare come la disparità nella disponibilità di servizi per la prima infanzia sul territorio sia strettamente legata allo status delle donne: c’è una correlazione positiva tra il tasso d’occupazione femminile, la percentuale di donne nelle amministrazioni comunali, e la percentuale di presa in carico dei bambini in fascia 0-3 anni.

Strategia del congedo famigliare

Indubbiamente i congedi di maternità ed i congedi parentali sono gli istituti che più di tutti hanno un rilevante effetto positivo sul benessere delle famiglie favorendo il rientro delle mamme al lavoro. 

Strategie aziendali

Sempre più aziende mostrano una maggiore attenzione al benessere dei propri dipendenti. I benefici di un sistema di welfare aziendale sono molteplici, tra questi vi è la riduzione dei costi per assenteismo e turnover dei dipendenti. Oltre ai benefici economici ci sono benefici riguardanti la maggiore motivazione e all’attaccamento dei lavoratori e delle lavoratrici all’azienda. 


Mamme equilibriste: 4 strategie per conciliare famiglia e lavoro
Save the Children, 17 gennaio 2018

 
NON compilare questo campo