Nel Lazio il "dopo di noi" nasce dall'integrazione sociosanitaria
Il 25 luglio 2017 la Giunta regionale del Lazio attraverso la DGR 454 le linee guida per l'attuazione della legge 112/2016. Con questo atto amministrativo la Regione Lazio imposta la costruzione del "durante e dopo di noi" sull'integrazione sociosanitaria e la collaborazione tra UVM, Servizio Sociale distrettuale ed enti locali.
 
Il lavoro e il welfare diversi dei precari
In questo articolo, Paolo Cacciari propone due nuove ricerche di sociologia sul campo che, pur partendo da finalità diverse e svolte con metodologie differenti, raccontano esperienze attraverso le quali gruppi di persone cercano di dare soluzioni comunitarie ai propri bisogni fondamentali di reddito, di casa, di welfare tentando di mantenersi il più possibile aderenti a principi di solidarietà, reciprocità, socialità | Paolo Cacciari, Comune-Info.net, 19 novembre 2017
 
Censis: la riduzione del welfare genera insicurezza tra gli italiani
Gli italiani sperimentano "un’insicurezza più intensa e diffusa" che "è penetrata profondamente nella quotidianità" e tra le cause di questo fenomeno c’è anche la riduzione delle prestazioni del welfare pubblico. Lo ha affermato Francesco Maietta, responsabile dell’area Politiche sociali del Censis | AgensiSIR.it, 15 novembre 2017
 
Un modello di welfare (quasi) virtuoso: i risultati del diciottesimo Rapporto Rota su Torino
Il diciottesimo Rapporto Rota su Torino pone l'accento sullo sviluppo del welfare locale mettendo in luce alcune positive caratteristiche del capoluogo piemontese. Sebbene a livello di governance e valutazione degli interventi permangano alcune difficoltà, in città rimane alto l'impegno, anche finanziario, di Comune, Terzo settore e non solo. In particolare, il Rapporto evidenzia la significatività del contributo delle fondazioni di origine bancaria, in primo luogo Compagnia di San Paolo e Fondazione CRT.
 
La tutela dei lavoratori nel nuovo codice appalti
Analizziamo attraverso quali strumenti la nuova normativa in materia di affidamento dei contratti pubblici - il cosiddetto Codice dei contratti pubblici (D. Lgs 50/2016, corretto dal successivo D.Lgs 56/2017) - prova a coniugare il principio di economicità della Pubblica Amministrazione con la tutela dei diritti dei lavoratori. Novità importanti sono previste in materia di stabilità occupazione dei lavoratori.
 
Il welfare parta da un aiuto che coinvolga chi lo riceve
«Mentre l’economia politica ha come fine il bene totale, quella civile – luogo di mutuo vantaggio – ha come finalità il conseguimento del bene comune». Così Beatrice Cerrino, della Scuola di economia civile, ha avviato il suo intervento al convegno «Ben-fare e ben-essere di una comunità. Prospettive di welfare locale tra innovazione e sostenibilità» | La Stampa, 13 novembre 2017
 
La terza via per rifare il mondo del lavoro?
La Société Mutuelle des Artistes, è stata fondata nel 1998 in Belgio in risposta alle necessità degli artisti di risolvere le difficoltà di gestione del loro status lavorativo ed ottenere maggiori tutele sociali. Sandrino Graceffa che ne è il direttore, ha pubblicato per Derive e 'Approdi ''Rifare il mondo… del lavoro. L'alternativa alla uberizzazione dell'economia'', un volume agile ma denso, che attraverso la forma dell'intervista fa i conti con l'orizzonte del lavoro che l'Europa in particolare oggi offre.
 
Friuli Venezia Giulia: il Progetto CrossCare per il sostegno alla popolazione anziana
CrossCare - progetto realizzato nell'ambito del programma Interreg Italia Slovenia 2014-20 e finanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale - persegue l'obiettivo di affrontare le sfide relative all'invecchiamento della popolazione in considerazione dei risvolti economici e agli squilibri dei servizi legati all'inclusione sociale e ai sistemi di welfare nell'area transfrontaliera | Regioni.it, 10 novembre 2017
 
Riforma della previdenza. Giovani e bambini, se il futuro rischia di andare in pensione
La promessa di una rendita previdenziale capace di mettere al sicuro il proprio avvenire tenderebbe dunque a svuotare le culle, mentre un welfare più austero e attento alla sostenibilità del sistema riporta l’attenzione sulla famiglia e sui figli. È veramente così? | Avvenire, 8 novembre 2017
 
Il welfare costa di più alle famiglie povere
Secondo i dati del Primo Osservatorio sulla spesa del welfare nelle famiglie italiane di MBS Consulting, il 36% delle famiglie italiane ha rinunciato a una prestazione essenziale di welfare. La percentuale sale al 56% considerando le sole famiglie in condizione di vulnerabilità economica. La soluzione è favorire la cooperazione tra enti pubblici e privati che operano nel mondo del welfare, anche sul piano locale.
 
Joseph Stiglitz: "Non usciremo dalla crisi senza una vera politica redistributiva"
Nel corso della sua partecipazione all'evento dell'Istituto Cattaneo di Bologna sul tema delle disuguaglianze sociali, il premio Nobel Joseph Stiglitz ha affermato che non è possibile uscire dall'attuale crisi senza una politica redistributiva | Il Manifesto, 5 novembre 2017
 
Assegnate le risorse per la riforma 0-6 anni: i nidi verso un sistema integrato di educazione e istruzione
La Conferenza Unificata Stato-Regioni ha raggiunto l'intesa sullo stanziamento delle risorse per il potenziamento del sistema di educazione e istruzione dalla nascita fino ai sei anni. Una ricerca dell’Istituto degli Innocenti, che fotografa la situazione dei nidi in Italia, evidenzia le criticità che la riforma deve affrontare. La nostra Elena Barazzetta ci presenta i risultati dell'indagine.
 
Che cosa ci raccontano i dati sul fenomeno migratorio nel nostro Paese
Lo scorso 26 ottobre è stata presentata la 27esima edizione del Dossier Statistico Immigrazione. Il Dossier, nato nel 1991, raccoglie dati statistici relativi al fenomeno migratorio in Italia, offrendo anche un'analisi approfondita di vari suoi aspetti. Osserviamo più da vicino alcuni dei dati riportati nell'ultima edizione, che conferma come gli immigrati rappresentino per il nostro Paese una consistenza e una rilevanza sempre maggiore, da molti punti di vista.
 
Manovra: sì al bonus nido, no ai bebè
Ecco dove il bilancio italiano del 2018 mette le risorse, secondo la sintesi offerta dalla relazione che accompagna la Manovra nel suo iter al Senato, finalmente ai blocchi di partenza a due settimane dall'approvazione in Consiglio dei ministri | La Repubblica, 1 novembre 2017
 
Asili nido, il costo medio è 300 euro: in Molise i meno cari, in Trentino i più costosi
Secondo un rapporto di Cittadinanzattiva nell'anno scolastico 2017/2018 la tariffa media degli asili nido ammonta a 301 euro; il costo più altro lo si trova in Trentino-Alto Adige con 472 euro mentre il più basso in Molise con 167 euro | Redattore Sociale, 26 ottobre 2017
 
Immigrazione: il contributo degli immigrati al fisco supera i 3,2 miliardi
Secondo il Dossier Statistico Immigrazione 2017, curato dal Centro studi e ricerche IDOS con il Centro studi Confronti, nel 2015 gli occupati stranieri il beneficio finanziario assicurato dagli immigrati ai conti pubblici, compreso tra 2,1 e 2,8 miliardi di euro a seconda del metodo di calcolo | La Repubblica, 26 ottobre 2017
 
Pensioni: in 6,3 milioni prendono meno di mille euro al mese
Il 39,1% dei pensionati, ovvero 6,3 milioni di persone, ha un reddito da pensione sotto i mille euro al mese. Lo indica l'Osservatorio dell'Inps, con i dati riferiti al 2016, sottolineando che questa percentuale è in discesa (era la 39,6% nel 2015) per la possibilità di cumulo di più trattamenti pensionistici | La Repubblica, 26 ottobre 2017
 
Reddito sociale a tutti (persino a chi fa surf)
Philippe Van Parijs, filosofo e economista belga, ha teorizzato l'idea di un reddito di base valido per tutti i cittadini. In questo articolo, Van Parijs si confronta proprio su questo tema con il Professor Maurizio Ferrera, politologo esperto di welfare, firma del Corriere della Sera e supervisore scientifico del Laboratorio Percorsi di secondo welfare.
 
L'Istat conferma: cresce l'aspettativa di vita. Dal 2019 in pensione a 67 anni
L'aspettativa di vita a 65 anni si allunga, cinque mesi in più rispetto al 2013. L'Istat conferma le stime, e dunque, sulla base della riforma Fornero, dal 2019 la pensione di vecchiaia scatterà a 67 anni e non più a 66 anni e 7 mes | La Repubblica, 24 ottobre 2017
 
Microcredito come strumento contro la povertà
Il Premio Nobel per la Pace nel 2006 fu conferito all’economista Muhammad Yunus e alla sua Grameen Bank per il microcredito, per il loro sforzo di creare uno sviluppo economico e sociale dal basso. La lunga e fortunata attività di Grameen ha avuto anche il merito di sfatare molti miti, come quello che faceva della povertà un problema troppo complesso da gestire | Francesco Perrini, Il Corriere della Sera, 24 ottobre 2017