SAVE THE DATE /
Spring School Espanet, ''Work and Welfare in the Digital Era''
La Spring school mira a raccogliere in modo sistematico informazioni e conoscenze relative all'impatto della Quarta Rivoluzione Industriale sulle politiche sociali e del lavoro


Vi segnaliamo che la Scuola Sant'Anna di Pisa, ESPANET Italia, ESPANET Europa e INAPP (Istituto Nazionale di Analisi delle Politiche Pubbliche) organizzano la Spring School "Work and Welfare in the Digital Era" dall'8 all'11 maggio 2019 a Pisa. La scadenza per per iscriversi è fissata al 29 marzo.

La Spring school mira a raccogliere in modo sistematico informazioni e conoscenze relative all’impatto della Quarta Rivoluzione Industriale - ovvero l’integrazione di sistemi cyber-fisici e dei sistemi detti di internet of things, big data e cloud computing, robotica, e sistemi di intelligenza artificiale - sulle politiche sociali e del lavoro.

Accademici di diversa estrazione disciplinare (scienze politiche, sociologia, economia) presenteranno i propri prodotti di ricerca relativi a 4 sotto-temi:
a) i tratti salienti della Quarta Rivoluzione Industriale (QRI) e le relative sfide socioeconomiche;
b) le innovazioni tecnologiche e il loro impatto sul mercato del lavoro e le politiche sociali;
c) la politics dell’innovazione tecnologica;
d) i sistemi di relazioni industriali e la QRI.

La Spring school è indirizzata a: studenti di dottorato e ricercatori junior post-dottorato. Il target è definito con riferimento a tuti i paesi europei, rappresentati nell’ambito del consorzio ESPAnet. L’obiettivo è di avere il numero minimo di 18 iscritti (massimo 25 iscritti). A questi si aggiungono rappresentanti delle parti sociali e stakeholder vari che saranno inviatati come uditori. I lavori si svolgeranno attraverso attività seminariali, sessioni plenarie e tavole rotonde.

La lista dei keynote speaker include: Marius Busemeyer, Università di Costanza; Giovanni Dosi, Scuola Sant'Anna Pisa; Marta Kahanchova, CELSI Bratislava; Stefano Sacchi, Presidente INAPP; Manos Matsaganis, Politecnico di Milano; Philippe Pochet, ETUI Bruxelles;


Per avere maggiori informazioni e inviare la propria domanda di partecipazione